Da 13 anni soffro di disturbi alla guida e attacchi d'ansia.

Buongiorno ho 38 vi scrivo perché è da 13 anni che soffro di disturbi alla guida in prevalenza e attacchi d'ansia. Il tutto è cominciato mentre percorrevo l'autostrada su un piccolo viadotto all'ingresso in galleria,con le gambe dure e fiato molto corto,il giorno dopo ripassando dalla stessa strada stesse sensazioni a quel punto vado dal medico di base gli spiego come stavo e mi dice che è solo un po' di stanchezza. I giorni, le settimane, i mesi passano e le sensazioni non cambiano allora per cercare di evitare queste sensazione inizio a cambiare i miei percorsi e da li un susseguirsi di sensazione di “morte“. Dopo alcuni anni trovo il coraggio di parlare di questa cosa che mi succede mi consigliano un terapeuta ci passo due anni ad un certo punto mi dice“ha fatto passi da gigante deve imparare a conviverci“ e finisce il mio percorso terapeutico,il problema persiste però ci convivo un po' meglio. Un giorno vado in crisi totale alchè vado dal nuovo medico di famiglia che mi consiglia questo psichiatra lo incontro dopo 10min di colloquio mi prescrive l'alprazolam la sera e seroxat la mattina per due anni a scalare,lo reincontro dopo due anni e mi dice di provare a combinare io i due farmaci per trovare il dosaggio che mi si addice,lo saluto e non prendo più nessun farmaco.Oggi dopo tutti questi anni cercati ad evitare ogni situazione che mi crea questa sensazione di morte mi ritrovo che non riesco più ad andare a sciare perché non riesco a percorrere strade di montagna con pendii al fianco o che ti danno la sensazione di spazzi aperti,la seggiovia o cabina mi blocca,non riesco a percorrere autustrade da solo e faccio fatica con qualcuno al mio fianco, nelle gallerie nemmeno ci entro,mi faccio mille paranoie se so prima dove devo andare,le strade che magari percorro il giorno prima se ho un minimo sentore non le percorro il giorno che seguente,in alcune situazione come centri commerciali o locali affollati cerco sempre di visualizzare la via d'uscita più vicina in caso di bisogno,cerco sempre di trovare la situazione per mettermi in sicurezza anche se non c'è alcun pericolo,ho sempre bisogno di avere la situazione sotto contollo.Qusto malore mi ha tolto tutto quello che erano le mie passioni e mi sta rendendo difficile affrontare le altre.come posso affrontare questo problema?come posso uscirci?ci uscirò mai?quali terapie è meglio seguire?so che questa cose sarà sempre parte di me ma come posso sonviverci?

Gentile Lele,

sente che il percorso di psicoterapia fatto l'abbia reso più consapevole? E' riuscito a "collegare" la sua ansia e gli attacchi di panico annessi?

Un'ultima domanda: cosa le impedisce di chiedere di nuovo aiuto ad uno psicoterapeuta? A volte le terapie finiscono non perchè tutto si è risolto, ma perchè si è raggiunto il limite massimo a cui si poteva arrivare in quel momento. Probabilmente, l'ansia che sta vivendo adesso vuole proprio dirle questo, solo ora è pronto a superare quel limite e ad andare oltre nel faticoso lavoro su di sè.

Resto a disposizione

domande e risposte articoli pubblicati
AREA PROMO

Dott.ssaAntonella Lauretano

Psicologa, Psicoterapeuta - Siena - Grosseto

  • Disturbi psicosomatici
  • Terapia familiare
  • Psicoterapia di coppia
  • Psicoterapia sitemica-relazionale
  • Disturbi d'ansia
  • Psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
visita sito web