Credo di essere depresso

Buonasera a tutti: volevo esporvi un problema che, ormai, mi porto dietro da un bel po' di tempo. Sono uno studente fuorisede, ormai da 3 anni e, da quando mi sono trasferito, ben poche sono state le gioie che hanno accompagnato questo mio percorso. Studio medicina, in una grande città, in un' università privata. Credo di essere depresso, poichè ho difficoltà a dormire (dormo o troppo poco, o troppo), sto perdendo l'interesse per ciò che sto studiando e passo le giornate a non fare nulla, se non stare al computer, cucinare e provvedere alle “attività di casa“. Vi spiego in breve il mio background: vengo da una famiglia di due genitori separati (ora in casa), che si sono umiliati, picchiati (piatti addosso, posate e affini) a vicenda fino ai miei 11 anni, per poi, separarsi (mia madre ha cacciato mio padre di casa). Il motivo “apparente“ è stato un tradimento di mio padre ma, credo, che le reali motivazioni fossero una certa distanza di interessi e di idee dalle tue parti. Ora vivono “insieme“ nella mia casa nativa, nella mia città per pagarmi i costi universitari (non potevano più permettersi case separate). Ho iniziato questo percorso, con il peso di tutto ciò alle mie spalle (spesso e volentieri, i miei mi hanno rinfacciato i loro sacrifici, dicendo: “sono tornato con tua madre per colpa tua, dovrò pagare una tangente per i prossimi anni“ - mio padre ; “guarda gli sforzi che facciamo per mantenerti e che sacrificio ho fatto nel tornare con tuo padre, non puoi permetterti di sbagliare“ - mia madre), anche se ora hanno percepito, seppur in parte, e rinfacciano meno il peso dei loro sforzi. A questa difficoltà, si aggiunge, il mio vivere in una famiglia modesta che, agli sforzi da me sopracitati, fanno sì che io viva con più difficoltà l'esperienza da fuorisede, per mancanza di reali possibilità di poter frequentare un corso, una palestra, l'andare a mangiare un panino, prendermi una birra con gli amici. (Non ho molti soldi, quelli che ho li uso per la spesa e per pagarmi le fotocopie degli appunti) Questo ha fatto sì che io, seppur molto estroverso, abbia stretto con diversi colleghi della mia università, ma non così tanto da sentirmi parte di un gruppo, da poter vivere da ragazzo e poter realizzare me stesso, al di là dei successi universitari.. questo perchè non sempre sono potuto scendere con loro per mancanza di soldi (ma anche di interessi, vi spiegherò dopo perchè). Studio in un'università, molto poco liberale e particolarmente bigotta, gestita dall'Opus dei (già questo va contro i miei ideali e filosofia di vita), dove l'invadenza religiosa si fa sentire particolarmente e, seppur non ti impongano di seguirla, molte persone si omologano e ne diventano parte. Un'università che è distante dal tipo di persone che frequento e dall'ambiente culturale e artistico che amo, in particolare c'è una certa, strana omonimia nella tipologia di persone che vi si incontrano. Io ho il terrore che stando qui, mi stia ingrigendo e che, soprattutto, per mancanza di valvole di sfogo, io perda definitivamente l'interesse per la medicina. Non ho neanche la possibilità di fare un giro in città, prendermi un caffè liberamente in centro poichè, è ubicata nella periferia, della periferia, della periferia, di Roma (in mezzo alle campagne, c'è solo l'università e l'ospedale dei tirocini e un bar fuori l'università.. non sto enfatizzando, è realmente così). Per raggiungere il centro di Roma, con metro e pullman, ci impiego 1h e 40 minuti e, ovviamente, questo fa sì che anche nel weekend, io sia limitato dagli orari della metro e pullman, se volessi uscire. Tuttavia, al di là di tutti i lati negativi, mi sembra giusto, ora esporvi quelli positivi: -Come avete potuto immaginare, ovviamente, il mio lasciare “casa“ è stato anche positivo nel farmi abbandonare quel contesto familiare che tanto mi ha mortificato e ferito nel mio passato. -Essendo un'università privata è più semplice (non perchè si studi meno, ma perchè si è molto più seguiti), laurearsi. -Ho lasciato una affetto che, per me, è ancora importante lì a Napoli, rappresentato dalla mia ex ragazza. -Amici storici che si sono rivelati un po' serpi Vorrei soffermarmi sulla vicenda ex ragazza: lei è stata una persona particolarmente importante per me, a cui ho donato tantissimo amore e per la quale ho fatto, molti gesti bellissimi (scritto canzoni, dedicato libri, scritto poesie, sogni su di lei, su un futuro assieme).. è stato il mio primo amore, con cui ho scoperto cosa vuol dire amare ed essere innamorati. Lei mi ha lasciato, in maniera orribile, tradendomi e mettendosi con quest'altro, riferendo per telefono, “da un giorno all'altro“, non ti amo più e non voglio che tu faccia più parte della mia vita, sparisci. E' stata una storia di 3 anni e poco più circa. Ho scritto virgolettato il “da un giorno all'altro“ poichè, anche se è stato improvviso, era ormai da quasi 1 anno che vivevamo una relazione tossica, basata sulla disistima reciproca e sulla mancanza di progettualità, legata perlopiù, a lei (in tal caso) e soprattutto di voglia di coltivare questo fiore che, come tutti i fiori non curati, è andato a morire. E' passato circa un anno, da quando lei non c'è più. Io non mi sono mai “rifatto“ una vita sentimentale, poichè non ho i mezzi (ve l'ho scritto prima) per poter conoscere nuove persone nè tantomeno la voglia. Ogni donna che conosco che potrebbe interessarmi, viene squadrata per filo e per segno, e basta il minimo, per far sì che io la “rifiuti“ e non provi un eventuale corteggiamento. Probabilmente non sono pronto. Guardo ancora i social della mia ex ragazza e, nei momenti di nostalgia, il mio pensiero è ancora diretto a lei quindi, presumo che un anno non sia bastato e mi ci voglia, in virtù della mia grande sensibilità, più tempo. Fatto sta che, l'anno scorso, il suo abbandono, associato a tutte le difficoltà che il mio essere fuorisede comportano IN QUESTA SITUAZIONE COMPORTANO, ha fatto sì che soffrissi particolarmente questa solitudine e che passassi le mie giornate, sotto la vasca a piangere e a non fare praticamente nulla. Mi sentivo molto depresso, snaturato e svalorizzato e la mia autostima è calata particolarmente. Ho avuto anche pensieri suicidi. Ora le cose vanno meglio, sto ritrovando un equilibrio in me stesso e provando, a trovare valvole di sfogo nelle piccole cose: come un piatto di pasta cucinato bene da me, o un buon thè accompagnato da un libro.. Ma ho il timore che possa ripetersi la situazione dell'anno scorso dove necessitavo di aiuti psichiatrici probabilmente e, per mancanza di soldi, non ho avuto. Ecco perchè a giugno-luglio, ho chiesto il trasferimento per studiare nella mia città: -Tuttavia tornare a casa, con i miei. -Vedere gli amici (?) storici, far nulla della propria vita, ubriacarsi, farsi gli spinelli. -La manipolazione affettiva di mia madre: “ Se torni a Napoli,tu non farei più niente della tua vita. “ “ Ci metterai 20 anni per laurearti. “ “ Tutti questi sforzi per nulla. “ “ Sei la mia delusione, il mio fallimento più grande. “ (con pianti annessi) Ora: lei ha sempre fatto leva sul suo vittimismo, e sul suo star male (si lamenta sempre, è perenemmente infelice) per far sì che io faccia quello che lei vuole (questo è un qualcosa che ho maturato adesso, ma di cui ho preso coscienza sia “nella lotta contro mio padre“ sia “nel tipo di persona che vuole che io sia“). Lei ha questo complesso tremendo del volermi far fare le scuole “migliori“, università “migliori“ (la mia è effettivamente, per didattica, molto buona), nonostante io di mezzi per potermi integrare e vivere appieno quelle realtà, non ne ho mai avuti. Specialmente in passato, dove l'assenza di mio padre ha fatto sì che le nostre possibilità economiche erano ridotte al lastrico. Questo, ovviamente, ha alimentato nel corso degli anni la mia sensazione di “disagio“ perchè parte di un contesto che, a me, era estraneo. Basato sul niente, sull'ipocrisia e non su valori reali. Bene, la storia si sta ripetendo ora. (com'è stato alle elementari, medie, superiori e, ora, università). Fatto sta che, a settembre, quando stavo per fare il trasferimento, non me la sono sentita, ho avuto paura di rischiare e di decidere, ho lasciato che la vita decidesse per me. Ho pensato che l'anno scorso, la mia depressione, fosse, perlopiù, legata all'abbandono della mia ex compagna. Ho paura che possa crollare di nuovo, e abbandonare, poichè, un altro anno così, non posso tollerarlo e non riuscirò a dare esami e a mantenere la mia sanità mentale.. Tuttavia, mi auguro che questo sia l'anno della consapevolezza oggettiva in cui, senza se e ma, riesca a vedere oggettivamente se questa è la strada che debbo perseguire o meno per essere felice (intendo il restare o il tornare).. anche perchè, fino a giugno-luglio, non posso fare nuovamente la richiesta.. Cosa mi consigliate di fare in tal periodo? Grazie in anticipo.

Gentile ragazzo,

con chi può parlare abitualmente delle sue preoccupazioni, delle sue paure? Quanti pesi porta sulle spalle? Non crede sia arrivato il momento di iniziare ad occuparsi di sè e dei suoi dolori?

Purtroppo, non è possibile poterla aiutare mediante questo canale, per questo le suggerisco di rivolgersi ad uno specialista della sua città per un consulto. 

In bocca al lupo, resto a disposizione

domande e risposte articoli pubblicati
AREA PROMO

Dott.ssaMonica Mazzini

Psicologa, Psicoterapeuta - Brescia

  • Supporto Psicologico Online
  • Disturbi d'ansia
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi dell'autostima
  • Sostegno genitoriale relativamente all' educazione e al rapporto con i figli
  • Consulenza e sostegno psicologico
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Sostegno per traumi psicologici
  • Sostegno alla separazione, e all'elaborazione del "lutto" del distacco
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Problemi di coppia
visita sito web