Mia figlia non accetta il mio compagno

Buongiorno. Da anni cerco di capire una situazione di disagio continua tra mia figlia e il mio compagno. Mi sono separata dal padre con cui non andavo d'accordo quando mia figlia aveva da poco compiuto 3 anni. Il rapporto con lui all'inizio ha avuto qualche problema perché lui non accettava la fine e a volte mi pedinava. Pian piano ha accettato Dopo un anno, ho conosciuto un uomo di cui mi sono innamorata. Questo uomo in realtà è mio cugino di primo grado, ma l'amore ha preso il sopravvento anche sulla parentela. Ho cominciato a lavorare da lui fuori provincia per un anno e poi stanca di fare avanti e indietro perché non vedevo più tanto mia figlia, ho deciso di trasferirmi. Mia figlia gradualmente ha conosciuto il mio compagno e fin da subito si è mostrata astiosa io penso spinta molto anche da un padre che non accettava una mia relazione né tanto meno con mio cugino. Al trasferimento si è adattata senza problemi. Nel nuovo asilo è venuto fuori il suo carattere forte ma dolce e ha legato con tantissime persone (a differenza di dov'eravamo prima che era chiusa). Ma il suo papà non l'ha presa così e ha voluto un avvocato. Da lì i rapporti si sono inaspriti. Ho vissuto per due anni solo con mia figlia e tutto è sempre andato bene tra me e lei anche se quando stavamo insieme noi tre, lei tendeva a trattarlo male e a litigarci. Dopo due anni abbiamo deciso di convivere ma la convivenza ha peggiorato il loro rapporto. Riescono ad andare d'accordo solo quando andiamo in vacanza. Per il resto è una lotta un giorno si e uno no. Lei non è mai affettuosa con lui e lui non tollera i suoi capricci, anche se è padre pure lui ma ora suo figlio ha quasi 18 anni. Purtroppo il mio compagno cerca di resistere ma quando non ce la fa più se ne va rifugiandosi nel camper per qualche giorno. Le acque si calmano, ritorna, ma poi gli scontri ricominciano. Il rapporto tra me e lui è peperino e a volte litigioso (passando noi molto tempo assieme tra casa e un'attività in proprio) ma dopo poco facciamo pace e ci mostriamo rispetto e affetto anche davanti a mia figlia. Se ci baciamo un tempo ci divideva, ora mette il muso. Il problema è che dopo due anni di convivenza volevamo acquistare una casa. Ma non me la sento di affrontare un mutuo se ogni giorno è una lotta. Dobbiamo decidere se continuare una convivenza oppure no. Io sono tra due fuochi. Amo entrambi e vorrei andassero d'accordo ma sono due teste dure e sono arrivata al punto di non intervenire più nei loro scontri, dove mia figlia molto spesso usa schiaffi e calci. Ora. Mia figlia ha 8 anni compiuti, viviamo nella nuova città da 4 anni, è ben integrata e pensavo che crescendo e avendo molti amici, la scuola le attività, un po' si "staccasse" da me e mi lasciasse vivere la mia relazione. Il padre lo vede solo una volta la settimana e a weekend alterni (questo per scelta del padre. L'accordo fatto con gli avvocati prevederebbe almeno due incontri la settimana ma lui dice che non ce la fa con turni e soldi - abitiamo a 40km da lui) e io vorrei di più visto che durante la settimana la gestisco io e la babysitter, ma non vado a creare ulteriori problemi visto che sembra che il padre se la sia messa via e sia più sereno. Quest'anno abbiamo festeggiato tutti assieme il compleanno di nostra figlia e andiamo d'accordo. Ma questo forse a lei non basta. Ho l'impressione che lei conti solo su di me. Vuole bene al suo papà ma ne sente raramente la mancanza. Ora, causa coronavirus, siamo a casa da un mese e mezzo e suo papà lo vede solo in videochat e sembra non risentirne. A volte ho la sensazione che mi abbia identificata come unico genitore e per questo non accetta il mio compagno. Io mi sento sfinita e non so più cosa fare. Parlo molto con lei ma sembra cambiare idea continuamente

Salve, comprendo le difficoltà che incontra e le incertezze che sta vivendo insieme a due persone che lei ama ma che reciprocamente non si accettano.

Le mie riflessioni riguardano soprattutto la sua relazione con la figlia, una figlia che ha vissuto contrasti tra le figure di accudimento, i genitori, da sempre probabilmente.

Posso pensare che, per sua figlia, la figura maschile vicino alla propria mamma possa essere vissuta minacciosa e pericolosa per entrambe.

 Le esperienze negative vissute tra il padre e la madre nei primi tre anni di vita possono portare i figli ad atteggiamenti di protezione verso il genitore che generalmente subisce azioni negative da parte dell’altro partner.

In altre parole il bambino non può accettare di vedere ferito ed in pericolo anche se solo disprezzata, una figura di riferimento sicura per la sua crescita.

Nel prosieguo di questi vissuti il minore può fare nascere la gelosia nei confronti di un nuovo partner per paura di perdere la persona che ama.

Tengo anche a pensare che il proprio attuale compagno non riesca a stabilire una relazione positiva con la bambina e pertanto a rassicurarla che non perderà l’amore e le attenzioni della mamma.

Quindi, quello che le posso consigliare è di capire in modo chiaro le motivazioni per le quali la bambina si relaziona attualmente in modo cosi aggressivo con il suo compagno nonché trovare insieme a lui le modalità più adeguate, strategie e azioni, per stabilire una relazione positiva con la bambina stessa.

Il rifiuto e la permalosità hanno sempre una ragione!

Cordiali saluti

domande e risposte articoli pubblicati

Dott.ssaMaria Zampiron

psicologo, psicoterapeuta, sessuologo - Roma - Padova

  • Terapia per Disturbi d'Ansia
  • Problematiche di somatizzazione, relazionali e affettive, di dipendenza
  • Disagio comportamentale nell'eta' evolutiva e adolescenziale
  • Consulenza e Psicoterapia individuale, di coppia e familiare
  • Autostima adolescenza
  • Fobie (claustrofobia, agorafobia..)
  • Terapia di coppia e conflitti nei rapporti coniugali
  • Depressione
  • Percorsi di educazione alla sessualità
  • Terapia di coppia e conflitti nei rapporti coniugali
  • EMDR per il trattamento di grandi traumi o piccoli eventi stressanti
  • Psicoterapia e sostegno psicologico alla coppia
  • Disturbo d'attacco di panico
  • Elaborazione del "lutto" e separazione
  • Disturbi d'ansia
  • Supporto Psicologico Online
CONTATTAMI