Ho scoperto che il mio compagno si incontra con delle escort

Salve, non so come affrontare questa cosa. Io e il mio compagno conviviamo da circa un anno. La nostra storia sentimentale è stata interrotta qualche anno fa (dopo 4 di relazione) a causa di vari tradimenti da parte di lui. Anche allora non me lo ha mai detto chiaramente, ho scoperto tutto dopo qualche tempo. Da un anno vogliamo riprovarci, lui dice che mi ama profondamente ma non facciamo sesso nonostante io lo desidero (e gliel'ho esplicitato più volte)...lui dice che ha avuto un passato "drogato" dalla continua ricerca sessuale e che questa cosa lo ha nauseato. Che il sesso è sporco e io sono "pulita" e che non vuole "contaminarmi". Io non capisco questa cosa, stiamo bene assieme, condividiamo interessi....ma in un anno abbiamo fatto sesso solo una volta e presumo soprattutto perché il mio livello di frustrazione era arrivato al limite e lui lo vedeva. Ho fatto qualcosa che non si dovrebbe fare lo so, ma quando non riesco a dare una spiegazione alle cose scavo...e così guardo i suoi tabulati telefonici e molto spesso tra le chiamate trovo numeri telefonici di escort. Questo accade quando è distante da casa (3 gg alla settimana mediamente lavora in un altra regione). Ho provato ad affrontare l'argomento prendendolo alla larga, chiedendogli come mai gli uomini vanno a prostitute,chiedendogli se lui ci è mai stato...chuedendogli se ha delle fantasie... e niente,lui nega di esserci mai stato,dice che non sa cosa spinge un uomo ad andarci, minimizza. In alcuni momenti di particolare sconforto ho parlato con lui spiegandogli che secondo me ha un problema, dicendogli che non posso essere io la persona che lo aiuterà anche se lo vorrei tanto...dicendogli che deve prendere in mano la situazione e farsi aiutare. Li per li ha ammesso di avere una visione distorta del sesso,ha detto che lo avrebbe fatto ma niente..... le sue continue ricerche continuano e non cambia nulla. Mi sono colpevolizzata per tanto tempo,tutt'ora a volte mi chiedo cosa non va in me,forse non sono abbastanza attraente...ma poi mi dico che c'è un disagio più profondo in lui che va al di là della mia persona. Come posso essere più incisiva nel fargli capire che si deve far aiutare? Io non lo voglio allontanare da me ma questo problema rischia di diventare motivo di rottura per noi, vorrei che lo capisse. Io cosa posso fare per fargli capire che dietro questa mia richiesta non si cela semplicemente un egoistico desiderio? Perché a volte mi sento proprio cosi: egoista e guidata,nei miei sfoghi, da un istinto...che lui banalizza perché mi dice che non capisco che la cosa che c'è tra noi è amore. Per me eesso e amore vanno di pari passo, ma per lui credo proprio non sia così...
Grazie per l'aiuto e i consigli che potrete darmi

Salve, concordo con lei quando afferma che il proprio partner ha un problema riguardo alla sessualità nonché relativo soprattutto al modo di esprimere l’amore attraverso le esperienze sessuali.

Da quello che scrive, è vero che questo uomo vive la genitalità in modo “sporco”, staccata dagli affetti.

Ciò mi fa pensare ad eventuali abusi sessuali ricevuti nell’infanzia e nell’adolescenza dove il piacere sessuale se da una parte porta piacere al minore, dall’altra determina in quest’ultimo sensi di colpa per avere violato regole morali e sociali o altro.

Quindi, le consiglio di essere stabilmente affermativa ed incisiva con quello che chiede al proprio partner: affrontare questo suo disagio profondo che va al di là della propria persona e che rischia di farle vivere o non vivere una sana sessualità basata sul rispetto e la reciproca stima, sulla condivisione degli affetti, delle emozioni e del piacere sessuale. Un diritto che spetta anche a lei nel ruolo di partner.

Concretamente come e cosa fare?  Affronti in modo esplicito quello che ha visto al cellulare prendendo in considerazione nel caso della continua negazione da parte di lui, la comunicazione della fine del vostro rapporto di coppia!

In questi casi è  salutare agire che continuare a subire!

Cordiali saluti

Dott.ssa Maria Zampiron

domande e risposte articoli pubblicati

Dott.ssaMaria Zampiron

psicologo, psicoterapeuta, sessuologo - Roma - Padova

  • Terapia per Disturbi d'Ansia
  • Problematiche di somatizzazione, relazionali e affettive, di dipendenza
  • Disagio comportamentale nell'eta' evolutiva e adolescenziale
  • Consulenza e Psicoterapia individuale, di coppia e familiare
  • Autostima adolescenza
  • Fobie (claustrofobia, agorafobia..)
  • Terapia di coppia e conflitti nei rapporti coniugali
  • Depressione
  • Percorsi di educazione alla sessualità
  • Terapia di coppia e conflitti nei rapporti coniugali
  • EMDR per il trattamento di grandi traumi o piccoli eventi stressanti
  • Psicoterapia e sostegno psicologico alla coppia
  • Disturbo d'attacco di panico
  • Elaborazione del "lutto" e separazione
  • Disturbi d'ansia
  • Supporto Psicologico Online
CONTATTAMI