Procrastinazione

Salve, sono una ragazza di 21 anni e studio all'università. Il mio percorso universitario è tutt'altro che lineare, ho cambiato facoltà infatti dopo due anni che avevo iniziato il mio percorso di studi.
Diciamo che non sono mai stata una grande studiosa, ma quando mi ci mettevo mi bastava davvero poco per arrivare ad ottimi risultati. Ho cambiato facoltà perchè non mi piaceva, ho capito che volevo dimostrare di diventare qualcosa che non sono, in particolare a mia madre, ho intrapreso infatti il suo stesso percorso di studi convinta che fosse la mia strada, nonostante sapessi già in cuor mio che non lo era. Ora ho cambiato, ma non sono comunque soddisfatta della mia scelta, diciamo che è stato più che altro un ripiego, essendo questa nuova facoltà vicino casa, più breve e forse un po' più vicina alla mia propensione verso le materie tecnico-matematiche.
Ho un grande problema però: non supero gli esami e quelli che supero è per merito di questa mia propensione verso le materie più pratiche. Per il resto, ed è una cosa che ho notato anche e soprattutto nelle materie della facoltà precedente (prettamente teoriche) procrastino alla grande, nonostante conosca bene le conseguenze, sia sul piano emotivo (mio e dei miei genitori), sia universitario perchè rischio di non passare al secondo anno.
Non so perchè lo faccio, è come se mi autosabotassi, ma non capisco se è per paura o se sia un modo più subdolo di ribellarmi.
Ho tante idee per il mio futuro, ho una grande passione per il make-up, che però non riesco a coltivare a causa di mia madre che la sminuisce, attribuendole nomignoli come "maquillage, visage, trucco e parrucco, pittura". Non mi ha mai sostenuta in questa cosa, neanche quando ha visto dei risultati, infatti quando ho iniziato a coltivare questa passione ho collaborato con aziende cosmetiche anche molto conosciute. Poi ho dovuto smettere, per l'eccessiva pressione che sentivo da parte sua, mi ha smontato qualsiasi aspettativa, sogno.
Io sono disposta a continuare gli studi e voglio finirli perchè capisco e sò che al giorno d'oggi un titolo di studio serve, ma così, passando le mie giornate a procrastinare non vado da nessuna parte e il fatto di non poter fare altro oltre l'università, che sia lavoricchiare, coltivare una passione, fare sport perchè mia madre attuerebbe questa pressione continua su di me, mi blocca.
Vorrei tanto iniziare un percorso terapeutico con un professionista, ma non ho le possibilità economiche per farlo da sola e mia madre ha già espresso la sua contrarietà sulla cosa. Vorrei trovare il coraggio di uscire da questa situazione, per riprendermi almeno un po' di quello che ero prima.

Salve, le consiglio di seguire i propri interessi e le proprie inclinazioni lavorative. Successivamente con le proprie disponibilità economiche derivanti dalla propria attività lavorativa, la invito a intraprendere un percorso psicoterapeutico al fine di superare la dipendenza affettiva che dimostra nei confronti dei propri genitori.

Cordiali saluti

Dott.ssa Maria Zampiron

domande e risposte articoli pubblicati

Dott.ssaMaria Zampiron

psicologo, psicoterapeuta, sessuologo - Roma - Padova

  • Terapia per Disturbi d'Ansia
  • Problematiche di somatizzazione, relazionali e affettive, di dipendenza
  • Disagio comportamentale nell'eta' evolutiva e adolescenziale
  • Consulenza e Psicoterapia individuale, di coppia e familiare
  • Autostima adolescenza
  • Fobie (claustrofobia, agorafobia..)
  • Terapia di coppia e conflitti nei rapporti coniugali
  • Depressione
  • Percorsi di educazione alla sessualità
  • Terapia di coppia e conflitti nei rapporti coniugali
  • EMDR per il trattamento di grandi traumi o piccoli eventi stressanti
  • Psicoterapia e sostegno psicologico alla coppia
  • Disturbo d'attacco di panico
  • Elaborazione del "lutto" e separazione
  • Disturbi d'ansia
  • Supporto Psicologico Online
CONTATTAMI