Il mio approccio

L'approccio che seguo nella mia professione è un approccio integrato: questo permette di far dialogare tra loro le varie correnti psicologiche di riferimento, anzichè prenderne in esame solo una. Nello specifico, essendo Analista Transazionale Certificata, aiuto la persona a riprendersi in mano il potere di decidere della propria vita autonomamente, in modo libero e protettivo per sè, diventando consapevole di come e quando si astiene dal prendere decisioni in modo adulto e secondo un esame di realtà, e di come e quando privilegia vecchie credenze dell'infanzia o regole genitoriali. Ognuno di noi ha il potere di ridecidere qualcosa di nuovo nel proprio presente: questo è uno degli importanti passi che i pazienti fanno durante il percorso di psicoterapia. Quindi se abbiamo sempre agito in un determinato modo, questo non significa che sarà per sempre così. 

Metto al centro del mio lavoro la persona: i modelli teorici rappresentano uno strumento al servizio della persona stessa, utili a rilevare la natura del suo disagio e a fornire chiavi di lettura che puntano alla risoluzione; il paziente è “l’esperto”in relazione all'unicità della propria esperienza.

Il potere del cambiamento è nella persona, non nello psicoterapeuta. La relazione tra terapeuta e paziente è essenziale nella promozione del cambiamento.  Do importanza all'individuo su più piani: intrapsichico, interpersonale e socio-culturale, per capire e dare senso alla singola realtà psicologica.

Attualmente mi sono impegnata a rendere ancora più efficace il mio lavoro di psicoterapia, introducendo un metodo per riuscire ad aiutare la persona a liberarsi una volta per tutte in modo radicale dai sintomi che producono malessere, nel minor numero di sedute possibile. Affascinata e profondamentamente colpita dalle ricerche sulla neuroplasticità del cervello e sul riconsolidamento della memoria, mi sono incuriosita sulla possibilità innovativa di arrivare alla cancellazione e sostituzione di quegli apprendimento emotivi indesiderati che inconsapevolmente sono alla base del malessere e della sofferenza della persona, attraverso l'utilizzo della metologia della Coherence Therapy di Bruce Ecker e Laurel Hulley.