In ritardo con il mondo

La mia vita è giunta a un limite, proprio in questi giorni. Ho cercato di fare finta di niente in questi 4 anni universitari in cui ho dato pochissimi esami in una facoltà ritenuta anche abbastanza facile. Ho cercato di ignorare il senso di fallimento che mi invadeva ogni santo giorno e il problema è che ci sono riuscita. Sono diventata la persona che non volevo diventare, sono uno dei fallimenti più grandi che io conosco. Non so fare niente, vorrei mollare l'università.. io non so perchè ho iniziato, o meglio ci sono molte motivazioni che mi hanno spinto ad iniziare questo percorso nuovo in una città nuova.. tante motivazioni tranne la principale: la voglia di imparare cose nuove e la voglia di studiare. Credevo di essere capace di interessarmi di tutto.. pensavo "vabè dai, adesso mi appassionerò, conoscerò tanti nuovi amici con cui condividere lo studio ecc...". Non è stato così. Vedevo un futuro bellissimo davanti a me, dopo aver trascorso delle superiori da incubo volevo ottenere il mio riscatto; ottimi voti da sventolare davanti alle facce di chi non credeva in me, tanti amici con cui passare del bel tempo e che magari avrebbero anche allietato i miei disturbi di ansia sociale.. Non è stato così, io sono un fallimento, avevano ragione tutti. Tutti sono andati avanti, ottenendo qualcosa e io sono qui in tutta la mia gelosia. Mi sento delusa da me stessa. Sono sola e disperata adesso, nessun amico, nessun risultato. Ho parlato con mia mamma del fatto che questa università non fa per me e lei mi ha detto che devo concludere comunque.. mi sono sentita incompresa, ero in lacrime. Non so a chi chiedere aiuto per questo sto scrivendo qui.. sono 3 giorni che non faccio altro che piangere e non riesco a fare nient'altro. Non so da dove iniziare, non so come, non so che fare. Non sono una ragazza per nulla ambiziosa e sento di meritarmi il peggio dalla vita, me lo merito. Vorrei abbandonare tutto e tutti e scomparire. Mi manca anche il coraggio purtroppo, per fortuna, perchè se ne avessi avuto un minimo probabilmente l'avrei fatta finita.

Cara Ester, il tuo scritto mi ha colpito per la durezza della tua analisi: non salvi niente di te e della tua vita. Ma hai avuto il coraggio e la forza di scrivere, di farlo sapere a qualcuno, professionisti che neanche conosci ma che sai possono ascoltarti. Ecco, questo è già un movimento positivo nella tua situazione: come un naufrago che disperando di farcela lancia in mare la bottiglia con dentro il suo ultimo messaggio...
Ti dico solo che il messaggio è arrivato. Io l’ho letto, tanti altri colleghi l’hanno letto.
Ora, lasciati solo aiutare!
E per aiuto intendo intraprendere un percorso di psicoterapia. Scegli tu il modo e la persona o qualcuno a te più vicino che ti possa aiutare a scegliere (puoi rivolgerti sia al professionista privato che alla struttura pubblica). Con il tuo scrivere hai dato voce e forma alla tua disperazione ma non basta a cambiarla, mentre la relazione tra due esseri umani (di cui uno è il terapeuta), può farlo.
Un caro saluto.

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaMonica Mazzini

Psicologa, Psicoterapeuta - Brescia

  • Supporto Psicologico Online
  • Disturbi d'ansia
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi dell'autostima
  • Sostegno genitoriale relativamente all' educazione e al rapporto con i figli
  • Consulenza e sostegno psicologico
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Sostegno per traumi psicologici
  • Sostegno alla separazione, e all'elaborazione del "lutto" del distacco
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Problemi di coppia
visita sito web