Psicoterapia

Resistenze caratteriali alla Psicoterapia

07 Aprile 2014

contattami

Condividi su:

Qualcosa all'interno del rapporto paziente-psicoterapeuta sembra costituire un impedimento insormontabile alla guarigione ed al ripristino di un equilibrio psicosomatico nel paziente. Nonostante il processo psicoanalitico induca una maggiore consapevolezza e l'interpretazione del materiale inconscio produca svolte decisive nel decorso terapeutico, il risultato è più spesso una maggiore consapevolezza dei propri problemi e molto meno una loro risoluzione.

Al di là dell'alleanza manifesta tra terapeuta e paziente, destinata a venire a capo del sintomo, qualcosa sembra impedire al paziente e al terapeuta di instaurare un contatto reale, che permetta loro di dirigersi verso il ritrovamento dell'equilibrio perduto.

Se il fine di ogni psicoterapia è quello di rimuovere i blocchi che ostacolano un perfetto contatto con la realtà e di aiutare il paziente a riconsiderare le errate relazioni causa-effetto e il proprio sistema cristallizzato di illusioni, non sembra essere questa, in verità, la motivazione che induce la maggior parte dei pazienti ad entrare in terapia. Il loro fine è piuttosto quello di eliminare o dominare il sintomo mantenendo al tempo stesso intatta la propria visione di sé e del mondo circostante ed è proprio ciò che W. Reich ha definito con il termine “carattere”.

Il paziente si manifesta nella relazione terapeutica con il suo atteggiamento caratteriale, il quale va oltre il contenuto della comunicazione, per includere il  "come" , ovvero la modalità in cui il paziente comunica. Il suo modo di muoversi, la mimica facciale, la gestualità, le espressioni del volto, il modo di esprimersi con il linguaggio, il  tono e ritmo della voce, sono elementi corporali che informano circa la struttura caratteriale del paziente. Reich iniziò ad osservare e valutare questi elementi, per poi elaborare la sua teoria sull’analisi del carattere.


Fonte: Il Linguaggio del corpo, W. Reich.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicoterapia"?

Domande e risposte

Boderline e narcisisti: come venirne fuori?

Buongiorno, Ho 34 anni e da alcuni anni cerco di uscire da un loop che sembra non aver fine. Infatti ...

3 risposte
Voglio continuare la Psicoterapia ma i miei non vogliono.

Gentili dottori /dott.sse, sono una ragazza di circa 21 anni e un anno fa ho iniziato una psicoterap ...

2 risposte
Vi parlo di me...

Ciao, sono Lia ed ho 19 anni, da quasi un anno non mi sento più la stessa, non ho voglia di ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.