Disturbi e Terapie

Articoli

Domande e risposte

Voglio parlare con i miei genitori

Vorrei avere una rapproto migliore con i miei genitori.
Passo dall'essere dipendente all'essere infastidita da loro. Non sono più adolescente, ma sto passando quella fase di crescita, con l'aiuto di un terapeuta. Ho fattod dei miglioramenti (sono passata da anni di isolamento a fare piccoli lavori) ma nessuno sembra accorgesene e vengo molto spesso criticata dai miei genitori che d auna parte vorrebbero si evdermi autonoma, ma non volgiono rinunciare alla figlia obbediente. 
E' chiaro che hanno delle problematiche irrisolte. Ora sto progettando un viaggio di un mese all'estero per studire e per testarmi da sola. Sono mesi che ci penso e non l'ho ancora detto. Ogni giorno i miei tornano a casa dal lavoro e io mi innervosisco, perchè mi chiedono costantemente se ho trovato lavoro o farà il paragone tra me e figli altrui.
Io per ora ho scelto dei lavori saltuari, perchè mi permettono di sperimentarmi, di imparare a sbagliare senza che ciò diventi un peso eccessivo.
Sto risparmiando tanto e mi sto impegnando tanto cercando di superare la paura del lavoro e delle coe nuove e di sbagliare per questo viaggio. Rischio di non fare più nulla, ma non so proprio come comunicare con loro, senza che scoppi a piangere, mi arrabbi e finiamo per litigare.
  A parole il discorso è saltato fuori durante una serata tra amici: sarebbero disposti a pagarmi pure il volo e che io non devo aspettare il loro permesso per farlo. So che in realtà non è così, perchè mi assillano e mi tappano le ali su tutto e faticano a tollerare che io possa sbagliare o che faccia le cose senza di loro. cosa posso dire e fare per essere convincente? cosa posso dire? quando?

3 risposte
RIFIUTO AD USCIRE

Buongiorno,
ho un figlio di 16 anni che si rifiuta ad uscire e preferisce giocare con la playstation. Sarò più preciso, a scuola va volentieri, a calcio va volentieri, quando usciamo con amici esce volentieri, ma se gli diciamo di chiamare qualche amico o compagno di classe si rifiuta.
Devo dire che alle medie è stato oggetto di una forma di bullismo, veniva sempre mandato via. Cosa posso fare per aiutarlo? Distinti Saluti

2 risposte
Cosa non va in me?

Ciao, sono una ragazza di 21 anni e non riesco più ad andare avanti. Vorrei davvero capire quale sia il mio problema, così potrei affrontarlo meglio.
So di non essere felice per niente, so cosa non mi piace di me, ma non riesco precisamente a capire il mio problema, e di conseguenza non so risolverlo. Ho un'autostima molto bassa.
Mi vedo brutta, o meglio mi vedo strana. Sono costantemente in imbarazzo per quello che sono come persona, sia esteticamente che interiormente. Mi sento sempre inferiore agli altri, da sempre. Ho molta ansia, mi capita di avere attacchi di panico molto spesso, di tremare, di non avere aria.
Ho dei momenti in cui sono completamente a terra emotivamente, perché mi odio e vorrei essere diversa in tutto e per tutto. Cerco costantemente di cambiare, di crescere, ma non riesco mai a finire quello che inizio. Parto con entusiasmo, progetti, voglia di essere diversa, ma a metà strada mi demoralizzo, mi viene ansia e tutto va in frantumi. È come se non riuscissi ad accettarmi, e per questo per me è anche difficile avere una relazione.
Se inizio a frequentare un ragazzo, sono troppo impegnata a pensare a come mi vede l'altro, a dove sbaglio, al mio aspetto, che a me non piace, a quanto sono imbranata, e finisco per troncare la cosa, dato l'eccessivo stress che mi causa. Questo mi fa star male. Sono arrivata a farmi del male fisicamente, in certe occasioni, perché troppo soppraffatta dall'odio per me stessa, dall'imbarazzo dell'essere me.
Mi sembra di star vomitando parole perché è difficile esprimere il caos che ho in testa ogni santo giorno, che non mi fa dormire, che mi fa pensare che sia inutile vivere.
Cosa non va in me? Perché non posso essere felice? Apparire sfigata, ridicola o strana agli occhi degli altri è la mia più grande paura, e questo mi porta a evitare certe situazioni.
Sono realista o pessimista? Ho una tale confusione, non ce la faccio più.
Come posso aiutarmi?

4 risposte
Consulto su pensieri ossessivi

Get.mi dottori, vi espongo brevemente il mio percorso. Nell'anno 2010 ho sofferto di una grave depressione ansiosa (cosi vagamente definita dal mio psicoterapeuta dell'epoca). La stessa è stata trattata (senza visita psichiatrica) con 20 mg di sereupin e tanta tanta psicoterapia.. la mia vita era stata stravolta da un giorno all'altro.. sono riuscita a stare di nuovo bene (a mio modesto parere, non per il farmaco, ma per la psicoterapia).. tuttavia si sono susseguite altre 2 ricadute abbastanza pesanti.. bene o male negli anni sono riuscita a ritrovare una sorta di equilibrio nella malattia.. andavo avanti.. ma la serenità completa non è mao tornata..nel frattempo ho continuato la psicoterapia (prima di gruppo con il medesimo psicoterapeuta e poi di nuovo individuale con un altro, che nel frattempo si era avvicendato al precedente nel csm del mio paese).
Sono riuscita a portarr avanti la mia vita, con molte difficoltà.. decisa a risolvere la questione mi sono rivolta ad uno psichiatra, il quale in sostituzione del sereupin mi ha prescritto lo zoloft.. prima a 50 mg poi a 100.. nel contempo si sono susseguite nell'ultimo anno una serie di eventi spiacevoli che hanno riportato a galla i pensieri legati alla mia malattia.. Al momento, dunque, sebbene a livello fisico sento una leggera ansia (che io identifico per lp più come paura di quello che ho vissuto e che ritorno), mi sento perseguitata dai miei pensieri ossessivi sulla malattia.. anche se sto bene, nella mia mente si è radicata la convinzione di non stare bene.. e questo, ovviamente, genera in me sensazioni molto spiacevoli.. non riesco a pensare ad altro, a distrarmi.. ad avere altri pensieri.. il tutto da un mese.. Stante la situazione attuale e lo stato di agitazione, ho contattato lo psichiatra che ha deciso di ridurre lo zoloft ritenendolo non efficace.. Nel frattempo ho contattato ed effettuato una prima visita con un nuovo psicoterapeuta..dal suo sito ho avuto modo di vedere che tra i metodi utilizzati c'è la terapia breve, psicodinamica ed altri.. Volevo chiedervi.. ritenete che per ristabilire una normale condizione psicologica possa essermi d'aiuto un nuovo percorso terapeutico? Secondo la vostra esperienza, cosa sarebbe opportuno fare? Mi sento veramente in preda a qst pensieri, che io definisco ossessioni, sin dal mattino..

1 risposta
Bambina esclusa dalle compagne di classe

Buongiorno, mia figlia Stella ha 6 anni ed ha appena terminato il primo anno di scuola primaria. E' allegra e solare, è da sempre stata molto socievole con tutti. Ha un carattere molto esuberante ma accetta e rispetta l'autorità dei genitori e degli insegnati. Fino a un mese fa tutto sembrava tranquillo anche perché lei sorride sempre e dice di non avere mai problemi ma poi ho scoperto, dopo una festa di sole femmine (dalla mamma di una delle bambine che era presente) che in realtà tutte pare si siano coalizzate contro di lei, che la escludono dai giochi e la allontanano. Indagando ho scoperto che la cosa accade anche a scuola da qualche mese, senza nessun apparente motivo, e che lei reagisce andandosene e giocando coi maschi che peraltro frequenta più spesso fuori dalla scuola perché io ho legato molto con le mamme di alcuni maschi della classe. In realtà, parlando con lei, ora che è finita la scuola, mi ha detto di essere molto triste pesando che il prossimo anno sarà di nuovo senza amiche, che tutte la odiano ecc... Non so davvero come gestire la cosa, se doverla aiutare cercando di avvicinarmi io alle madri di queste bambine (cosa che mi costa molta fatica perché sono arrabbiatissima!) ma anche come capire il perché, visto che lei dice di non avere fatto nulla, ma sono convinta che magari qualche suo atteggiamento troppo spavaldo o sicuro, possa aver infastidito queste bambine. Potreste darmi un parere o indicarmi una linea guida da seguire? Grazie.

5 risposte
Genitori all'antica

Buonasera,
ho 34 anni, lavoro e sono fidanzata.
Ho una mamma molto all'antica, che non mi lascia vivere la mia vita, nonostante sia adulta. La mia famiglia è di religione evangelica, ma io per scelta personale ho abbandonato, cosa che mia mamma non ha mai accettato, accusandomi costantemente di fare una vita dissoluta e fuori dalla volontà di Dio.
Per lei ogni cosa è peccato, per ogni cosa che faccio mi scatena una guerra e premetto che non faccio niente di male o di grave (al massimo chiedo di tornare più tardi la sera, dato che negli orari che mi impongono loro ci sono solo adolescenti in giro), ma alla mia età non posso subirmi scenate urla e addirittura essere cacciata di casa, solo perché ho fatto tardi.
Devo addirittura dare conto se faccio tardi a lavoro e non rientro a casa in orario!
Secondo lei se sto fuori casa fuori orario sto facendo chissà cosa con chissà chi..non posso andare in vacanza o dormire fuori con il mio fidanzato, perché non siamo sposati...mi impongono di andare in vacanza con loro...cosa che ho fatto fino a quasi trent'anni...proprio per evitare storie...ma quello che non capisce è che non sono più una bambina e ho diritto di vivermi la mia vita...fra 2 anni mi sposo e mi hanno ridotta a non desiderare altro che andarmene al più presto da casa...sono arrivata all'esasperazione...

4 risposte
Cosa fare quando tutto ti è contro?

Buongiorno, sono una ragazza di 26 anni in un periodo molto delicato della sua vita.
Ho sempre avuto un rapporto difficile con i miei genitori, continue discussioni pesanti. Per loro come figlia non sono mai stata abbastanza, sono sempre stata incapace in tutto, una delusione. Di conseguenza, non sentendomi mai apprezzata, sempre criticata, ho sempre avvertito una mancanza nella mia vita.
Non mi sono mai sentita amata da loro. Non ho mai avuto amici, se non per brevi periodi, durante la mia adolescenza uscivo poco e niente. Arrivata a 18 anni i miei mi hanno incoraggiata a prendere la patente, e l'ho presa, ma non mi hanno mai fatto usare la loro macchina e stavo sempre chiusa in casa (scuola a parte), quindi della mia zona conosco pochi posti.
A 22 anni ho conosciuto un ragazzo su internet, abbiamo cominciato a vederci e ci siamo innamorati. I miei genitori, soprattutto mia madre, ha cominciato a litigare con me tutti i giorni per 8 mesi, facendomi dispetti a casa, tutti i giorni, parlando male di me e il mio ragazzo, perché lui abitava a 80 km di distanza (1h di auto) e lei non avrebbe mai voluto che stessi con lui. Questo ebbe effetti negativi sulla mia relazione, e se non litigavo con mia madre, litigavo con lui, o piangevo. Tutti i giorni.
Dopo 8 mesi ero in procinto di esaurimento, e lui mi propose di andare a vivere insieme dopo 8 mesi di relazione. Io ci andai. Con mia madre non parlai per 1 anno, ma poi il rapporto andò via via sanandosi, e alla fine accettò anche lui... Non sapendo che lui mi metteva le mani addosso. Mi sono trovata da una situazione in cui stavo male, ad una in cui stavo peggio.
Tirai avanti la relazione per 4 anni, dopodiché cominciai a lavorare presso un'azienda vicina a dove convivevo. E lì conobbi un ragazzo che mi piaceva. Avevo una situazione disastrata in casa mia, ogni settimana se non peggio il mio compagno mi metteva le mani addosso e quando cominciai a lavorare ho cominciato ad essere più indipendente, mi sentivo finalmente libera, realizzata, se non per il fatto che sapevo di dover lasciare il mio compagno.
Dopo un paio di mesi, decisi di uscire con questo ragazzo, della ditta, ma il mio compagno ci beccò e per me fu quasi un sollievo. Tornai a casa dai miei, con due gatti che nel frattempo avevo adottato, e confessai tutto ai miei. Sul momento rimasero allibiti, poi cominciarono a dire che me lo avevano detto che non era la.persona giusta, che io non li ascolto mai, che sono un fallimento. Ho continuato a frequentare quest'ultimo ragazzo, che è tutt' ora il mio ragazzo. Da quando sono tornata dai miei sono passati 7 mesi, e la situazione comincia a farsi insopportabile in casa mia, soprattutto con mia madre. In questi ultimi mesi ho lavorato presso due aziende diverse, e ora mi ritrovo Ancora senza lavoro. Mia madre si lamenta giornalmente dei gatti che fanno i dispetti, che danno fastidio, e quando è veramente arrabbiata mi dice che loro stavano meglio quando io non c'ero, che è meglio che appena posso trovo una sistemazione e vada a vivere da sola...ma sanno anche loro che non ho lavoro e se lo trovassi sarei comunque precaria... ed è anche il mio più grande desiderio tornare a vivere da sola... Ora oltre ad essere una fallita, non sono in grado di tenermi un lavoro, non ho voglia di fare niente secondo loro... mia madre è arrivata anche a dirmi che il mio ex compagno che mi metteva le mani addosso ci ha guadagnato ad essersi lasciato con me, perché io non ho mai fatto niente.. sono addirittura arrivata a pensare di andare in quei centri di accoglienza per i senzatetto... Non ne posso più... vorrei vivere da sola e tornare Serena... nella ditta dove ho conosciuto il mio attuale ragazzo continuano a chiedere di farmi tornare... Ma non posso tornare lì a meno che non abbia un posto dove stare e da lui non posso e non voglio stare per il momento... Ma un appartamento in affitto non lo troverò mai se non ho un contratto a tempo indeterminato... sono disperata, voglio andarmene da qui... ormai non dormo più e quando dormo Faccio incubi...

4 risposte
Paura del suicidio

Salve a tutti, sono Maria e non avrei mai pensato di trovarmi qui oggi a scrivere queste parole, che mi lacerano dentro... è iniziato tutto a Febbraio, una sera ho fatto alcuni tiri d'erba, non era la prima volta, ma quella sera il cuore ha iniziato a battere all'impazzata e ho iniziato a pensare: "Oddio e se adesso svenissi cosa accadrebbe?" I giorni seguenti iniziai a puntare tutta la mia attenzione sul battito cardiaco, in quanto avevo troppa paura che questo potesse smettere di battere da un momento all'altro.
Vivevo giornate strazianti, cercando i sintomi su internet e convincendomi di avere delle malattie gravi con conseguenze catastrofiche, ed immaginavo scene tragiche dove c'ero io che mi sentivo male e cadevo a terra senza poter far nulla, arrivavano i soccorsi e i miei genitori venivano a sapere dell'accaduto e soffrivano tantissimo.
Questi pensieri mi tormentavano e come se non bastasse nel bel mezzo di questo disagio morì una delle persone più importanti della mia vita, mia nonna. Dopo questo avvenimento tristissimo avevo ancora più paura e mi recavo in ospedale per dei controlli e ho fatto anche le analisi del sangue. Dopo un pò un pensiero assurdo mi spaventò tantissimo, un pensiero dove io mi buttavo dalla finestra o mi accoltellavo o cose simili. Tutt'oggi questi pensieri mi spaventano e limitano le mie attività quotidiane. Ho troppa paura, immagino scene tragiche e i miei genitori che mi trovano e soffrono tantissimo. Quando sono a casa questi pensieri mi tormentano, ho paura di poter commettere un gesto del genere. A volte ho paura che gli altri possano indurmi al suicidio tipo quando c'è una discussione tendo sempre ad evitare di esprimere la mia rabbia ecc... perchè ho paura che dall'altra parte questa persona possa ferirmi e indurmi a gesti estremi. A volte faccio rituali per scacciare questi pensieri, ma ora ho smesso. Solo in casi di estrema paura faccio rituali. Quando sono con i miei amici o con il mio ragazzo questi pensieri sembrano essere veramente poco reali, ma quando sono a casa mi tormentano. Oggi per esempio stavo studiando e questi pensieri mi infastidivano a tal punto che mi sono messa a piangere. IO HO VOGLIA DI FARE MILLE COSE, DI METTERMI IN GIOCO, DI AMARE, DI ESSERE AMATA. Ho le lacrime agli occhi scrivendo queste parole... Se volete sapere del mio passato, o qualsiasi altra cosa sono disposta a parlarne.

4 risposte
Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.