Disturbi e Terapie

Articoli

Varie
Dott.ssa Federica Leonardi

Diario di quarantena

Riflessioni sul tempo nella prima fase della quarantena, sulle difficoltà e vantaggi delle relazioni familiari in questa fase così delicata e particolare e sul significato emotiv ...

28 Aprile 2020

Domande e risposte

Mi manca la mia famiglia tossica

Buongiorno. Avevo scritto su questo sito circa un annetto fa, presa dalla disperazione a causa della tossicità di mia madre che mi distruggeva giorno dopo giorno... ne avevo parlato molto in dettaglio e mi era stato consigliato di allontanarmi assolutamente da quell'ambiente. Durante quest'anno sono successe tante cose, mi sono allontanata da mio padre (ancora peggio di lei) e sono finita a vivere con mia madre e il mio patrigno per cinque mesi... la settimana scorsa me ne sono finalmente andata, in un appartamento mio e basta e sono qui da cinque giorni. Sto malissimo. Mi sento vuota, spaventata, non al sicuro, inconsolabile, senza speranze... ogni secondo che passo lì dentro nella più completa solitudine sento questa voragine dentro di me farsi sempre più grande ed io mi sento affondare sempre di più... cerco sempre di stare fuori con gli amici, di non pensarci, guardarmi un bel film... ma questa sensazione di angoscia NON se ne va e non so perché! È più di un anno che volevo tutto questo, che desideravo finalmente andarmene, cominciare una nuova vita... e allora perché non sono felice?! Ho provato a dare la colpa al fatto che la casa è brutta e vecchia e non sono abituata, ma ora comincio a pensare che forse sto così male perché mi manca mia madre siccome non faccio che pensarci. Penso ai rari momenti felici che avevo con lei e il suo fidanzato e mi mancano terribilmente... gli ho chiesto se potessi tornare a vivere con loro (pur sapendo che sarebbe stato un Inferno) e mia madre si è rifiutata dicendomi che se sto così è perché sono depressa io e che dovrei prendere dei farmaci. Anche mia zia, a cui sono molto affezionata me lo sta dicendo... ma io sotto sotto sento che per essere felice mi servirebbe solo vivere in una famiglia sana e felice. Io non sarei andata a vivere da sola se non mi fossi sentita disperata a causa del comportamento di mia madre. La verità è che NON ho una famiglia sana e normale e MAI ce l'avrò, quindi sento che di conseguenza neppure io sarò MAI felice. Perché desidero una cosa impossibile. E ancora non saprei dire se sia anche questa casa così brutta a farmi sentire tanto male... ma ho cercato su Internet altri posti e sento che ovunque andrò questo senso di angoscia e solitudine mi accompagnerà SEMPRE. In questi giorni ho visto spesso mia mamma e il suo fidanzato ma mi sentivo ancora sola, e anche quando esco con gli amici mi sento sola... a proposito di amici, no, ho chiesto ma nessuno di loro ha intenzione di staccarsi dalla famiglia quindi non posso vivere con loro anche se lo vorrei tanto. Soffro così tanto che stavo considerando di andare a vivere in Portogallo da mia zia, molto dolce, di 70 anni... ma se lo facessi metterei la mia vita "in pausa" non potendo così proseguire gli studi qui in Italia (devo cominciare la quinta liceo l'anno prossimo) quindi il dilemma è: perché mai sono così infelice nonostante non abbia più tra i piedi la mia famiglia tossica?!
Domanda Precedente

4 risposte
Sono un ragazzo di 18 anni con una bassa autostima

Sono un ragazzo di 18 anni con una bassa autostima, e introverso, da circa 3 giorni ho un malessere probabilmente psicologico, senso di vomito, mangio poco e sono molto giù di morale, battito accelerato anche se sono fermo ( non sono bravo a spiegare, ma cmq non credo sia una cosa di ora) quindi per cercare di ovviare ho cominciato a scrivere un elenco i problemi che penso di avere (psicanalizzandomi da solo) 1- malessere psicologico, bassa autostima, probabile fobia sociale, ansia, stress2- pigrizia, (possibili problemi relazionali o sociali [da decifrare meglio] e paura di affrontare il mondo e le situazioni sociali, problemi emotivi e di gestione delle emozioni)3- provo qualcosa per una mia compagna che è fidanzata con un mio compagno e ieri gliel'ho detto ma non è la prima volta (mi ha detto di stare tranquillo e che mi vede come un amico ne più ne meno e questo mi ha fatto stare un pò male) 4- poco probabile la presenza di depressione6- mancanza di vita sociale, difficoltà ad avere una vita sociale, difficoltà ad avere una ragazza(sono probabilmente presenti altri problemi da comprendere e decifrare ma vanno confermati quelli attuali)

2 risposte
Come gestire un forte legame affettivo sincero con il proprio psichiatra

Buongiorno,ho 28 anni e sono seguita da uno psichiatra da circa due anni. Nello stesso periodo iniziai anche un percorso di psicoterapia abbastanza "tormentato": non mi trovavo affatto bene con il primo psicologo psicoterapeuta e dopo quasi un anno decisi di cambiare, consultai diversi specialisti ma nessuno lo sentivo disposto all'ascolto empatico e professionale, ho trovato solo tante parole standardizzate, superficiali e soprattutto di nessun aiuto. Alla fine comunque, anche su consiglio del mio psichiatra, ho effettuato una scelta e ho iniziato un nuovo percorso con un nuovo psicoterapeuta con cui sentivo leggermente più affinità. Purtroppo anche questa volta il rapporto terapeutico è stato completamente inesistente perché la situazione è sempre la stessa: estrema superficialità, le solite parole trite e ritrite. L'unico vero aiuto ad andare avanti l'ho ricevuto dal mio psichiatria, persona splendida dal punto di vista umano e professionale. Accenno brevemente di essere una persona che da anni lotta tra depressione, disturbi borderline, autolesionismo, forti sintomatizzazioni, una vita totalmente alla deriva. Sono sola, con una famiglia ipercontrollante e allo stesso tempo inesistente per i miei reali problemi che non sono riuscita a gestire. Dopo anni di faticosa lotta sono riuscita a iniziare l'università. Il mio sogno era ed è psichiatria e l'ambito medico. Ma per l'ennesima volta non sono riuscita ad inseguirlo (non mi dilungo ulteriormente sui motivi) e ho dovuto deviare su psicologia. Più studio psicologia, più vado avanti con la psicoterapia e più la rabbia, la delusione, l'insoddisfazione e il rimorso aumentano. Ma oramai è chiaro che non ci sia più niente da fare, anche perché sono letteralmente stanca della vita e mi ritrovo a dovermi accontentare, come in ogni ambito della mia vita, anche in ambito professionale e soprattutto di realizzazione della persona. In questo contesto la psicoterapia mi fa l'effetto di una caramella alla menta per curare una polmonite. Ho cercato di riassumere il più possibile, con grandissima fatica, un mio quadre generale per poter centrare il punto di questo mio intervento. In questo quadro per me soffocante l'unica persona di riferimento è il mio psichiatra a cui mi sento fortemente legata, forse anche troppo. Con lui ho un'affinità mentale unica e ogni volta attendo il momento di poterlo rivedere e parlarci. Dato che da anni non sento più bene le emozioni, letteralmente ricoperte da angoscia rabbia e vuoto, non capisco se si tratta di una sorta di amore paterno o di un innamoramento. Quello di cui sono certa è che non si tratta di nulla che possa rientrare nella sfera del transfert, è un sentimento genuino nei confronti di una persona che rappresenta tanto per me. Ma allo stesso tempo so bene di non essere niente per lui e che lui fa tutto quello che fa per lavoro (anche se ha fatto cose che penso in pochi avrebbero fatto nella sua posizione) e con ogni paziente probabilmente. Inoltre io sono una persona molto difesa nelle relazioni di ogni tipo e in parte lo sono anche lui ancora. Ma nonostante ciò da due anni questo mio sentire è progredito molto. In tali situazioni vi è la possibilità o la necessità che io riferisca tutto ciò al mio psichiatra per analizzare insieme la situazione? Gli ho solo accennato alcune volte di quanto il suo aiuto per me sia stato prezioso e che lo ringrazio per la sua gentilezza e disponibilità. Ma parliamo di poche parole e che non lasciano trasparire il vero sentire. Ho però il terrore di riferirgli tale situazione perché temo per le conseguenze. Potrebbe non seguirmi più (parliamo di un CSM pubblico) o affrontare il discorso in modo che ne esca maggiormente distrutta? Probabilmente ne dovrei parlare con una figura con cui conduco la psicoterapia ma ripeto che non vi è minimamente un rapporto di fiducia e alleanza terapeutica. Al di fuori del rapporto con lui, sembra sempre più che io non abbia più niente da perdere e vorrei affrontare questo punto importante per me. Grazie a chi dedicherà del suo tempo per poter accogliere le mie parole.

3 risposte
Socialità e relazioni di coppia.

Salve, mi chiamo Deborah e ho 29 anni. Da ormai 6 anni a questa parte mi sono autoindotta in isolamento. Ho problemi nell'instaurare rapporti interpersonali, che essi siano di natura amorosa o amichevole. Vivo in solitudine, vorrei avere una vita più sociale e cerco anche di costruire un rapporto di coppia, ma finisco sempre col troncare di netto qualsiasi tipo di contatto, allontanando di fatto le persone. Ciò che mi turba in tutto ciò è la velocità e la facilità con la quale io la faccia e il non provare alcun tipo di emozione/sentimento dovuta al distacco o alla perdita di quella persona. È un circolo vizioso. Cerco di instaurare un rapporto, vedo che tale si evolve in qualcosa di più, in un impegno se dir si voglia e io taglio i ponti. Vorrei capire se dietro ciò si nasconda un qualche disturbo, del quale sia meglio io sottoponga a uno specialista. Ringrazio anticipatamente per il tempo fornitomi.

6 risposte
Ragazzo di 20 anni che non ha interazioni sociali

Buonasera, sono un ragazzo di 22 anni e non ho un problema io direttamente ma mio fratello, di 21 anni. Mio fratello è sempre stata una persona introversa ed asociale, nel senso che in ogni percorso formativo o scolastico non è mai stato in grado di farsi degli amici per cui passa tutte le sue giornate nella solitudine più totale, senza parlare mai con nessuno. Purtroppo, ciò va avanti da quando ha iniziato le superiori, quindi oramai da 8 anni. Non credo possa essere effettivamente considerato hikikomori, in quanto, nonostante non abbia mai avuto né amici né conoscenti e si sia isolato dalle persone, ha sempre continuato il suo percorso formativo arrivando anche all'università, che sta tutt'ora continuando. Purtroppo, non è facile parlare di questo argomento con lui. Normalmente evade il discorso semplicemente andandosene o non rispondendo anche se gli si fanno delle domande e gli si chiede di rispondere. Ho provato alcune volte a dirgli di attivarsi per cambiare la situazione rivolgendosi ad uno psicologo ma è stato completamente inutile. Ovviamente, questa situazione lo fa soffrire. Molti giorni non parla per niente. Cerca spesso di evitare Natale e Pasqua per non dover stare con i parenti e quando ci sta non parla anche se intromesso nel discorso. Gli propongo numerose volte di uscire con me, da soli o con i miei amici, ma la risposta è sempre stata NO. Se si prova ad insistere reagisce con aggressività, passando anche alle mani in alcuni casi isolati. Come dicevo, soffre molto e si sta sempre più lasciando andare e vive la vita per inerzia. Mai una vacanza (anche da solo), mai un’uscita, mai qualcosa fuori dai suoi schemi. Passa quasi tutto il giorno in casa, al telefono o al computer, guardando youtube o Reddit. Inoltre, data la completa asocialità, non ha mai avuto una ragazza/o, né una cotta, né alcun tipo di interazione amorosa e non ne parla mai. Insomma, la mia domanda è come affrontare tutto ciò, come posso aiutarlo, come fargli capire che la psicologia può aiutarlo? Più va avanti e più soffro per lui, vorrei vederlo felice ma vedo come ogni giorno lui si stia spegnendo. Come posso fare? Ho paura che i suoi problemi siano stati sempre sottovalutati e che andando avanti peggiori sempre di più. Mi scuso per il messaggio molto lungo e ringrazio chiunque abbia avuto la cortesia di arrivare fin qui e rispondere, spero di essere stato chiaro. Grazie mille per la disponibilità.

5 risposte
Non so più come andare avanti

Salve a tutti, sono una ragazza di venti anni ma sento che la mia vita sia già conclusa. Sembra che, ormai, non c'è nient'altro da fare. Mi sento sempre imprigionata in una specie di vortice che mi fa cadere continuamente, ad ogni passo che faccio. Ho provato in tanti modi di scappare da questa realtà che mi pesa come un macigno ma sento che tutto questo dolore mi sta appesantendo ogni giorno un pò di più. Non mi piace parlarne con le persone che conosco, ho sempre quella sensazione che non capirebbero perchè a parole non riesco ad esprime tutto ciò che provo. Molte volte ho pensato addirittura di star sognando, che da un momento all'altro tutto sarebbe finito. cercavo di dare un altro senso a tutto quanto vissuto. cercavo di andare oltre agli anni di depressione di mia madre che mi hanno portata ad avere sfiducia verso tutti. Anche se provo con tutta me stessa a non cedere a quel dolore che ti fa perdere la fiducia nell'umanità. Ho provato a dare un senso al male che mi ha fatto mio padre, a lui e alla sua vita che sono diventati per me come un buco nero nel quale ricado frequentemente. Ho provato a dare un senso ai mille perchè, ai mille interrogativi e ai mille sensi di colpa che da sempre mi hanno impedito di andare avanti. e mi chiedo spesso se il mio senso è quello di dedicarmi completamente agli altri dimenticando me stessa. MI chiedo se mia madre è mai guarita dalla depressione oppure si comporta così perchè sa che non ho il coraggio di lasciarla andare. Ha sempre avuto una forte influenza su di me, ma non in senso di autorità, ma dal fatto che anche quando non è presente sento costantemente addosso il senso di colpa di non aver fatto niente quando a sei anni mio padre è diventato il mio peggior incubo. Forse, avrei dovuto non dire niente... sarei rimasta comunque inascoltata nei miei silenzi e nelle mie sofferenze. Comunque, oggi a vent'anni mi sembra di aver vissuto già abbastanza e sono veramente molto stanca. Sto provando a progettare il mio futuro, studiando e cercando una strada per la mia indipendenza ma sono attimi, momenti in cui tutto torna a farsi sentire. Come quando, iniziata questa pandemia, sono stata costretta a telefonare a mio padre dopo anni di silenzio e di distanza. Ho vissuto questi due mesi di chiusura con il suo pensiero costante in mente, con mia madre nella stanza accanto che soffriva che si lamentava su ogni cosa e mi sembrava di esser tornata ai tempi dei miei sei anni, quando mettevo da parte il mio dolore per allontanare la depressione di mia madre. quando le lacrime dovevano essere invisibili perchè c'era qualcun'altro che stava, forse, peggio di me. e oggi, veramente, mi rendo conto che non riesco più a camminare su nessuna strada, non riesco a ricorrere i miei sogni perchè mi sento bloccata a metà strada tra un passato che ritorna continuamente e più prepotentemente di prima e tra un futuro che ho progettato ma che vedo troppo lontano e non alla portata del mio cuore e della mia mente. Sono proprio sul punto di gettare la spugna, di arrendermi a tutto. Sono stanca, davvero tanto.

5 risposte
Mio figlio viene allontanato

Salve, mi chiamo Elisa e sono la mamma di un bimbo di 3 anni. Mio figlio ha sempre giocato con due amichette vicine di casa, una coetanea e l'altra più grande di 2-3 anni. Da qualche mese al gruppetto si sono aggiunti altri bimbi dai 7 agli 8 anni con i quali mio figlio vorrebbe giocare a palla ma loro quando lo vedono anche solo uscire di casa esclamano: no c'è....e dicono il suo nome. Quando si avvicina alcuni cercano di allontanarlo anche in malo modo del tipo: vattene dobbiamo giocare perché non ti muovi. Io cerco di dire loro che si deve giocare tutti insieme di insegnargli il gioco anche se è più piccolo ma loro rispondono a me allo stesso modo. Mi dispiace perché alcuni di questi bambini giocano con il mio quando magari gli altri non ci sono e vedere il comportamento che hanno verso mio figlio quando sono nel "branco"mi fa ancora più male. Anche le bimbe con le quali ha sempre giocato hanno cambiato comportamento ed inoltre i genitori presenti non intervengono mai dicendo qualcosa di conseguenza questi bambini percepiscono secondo me quello che fanno come giusto. All'inizio il fatto era più circoscritto adesso lo stanno facendo anche altri bimbi. Cosa posso fare prima che Mio figlio risenta della situazione e prima che diventi un comportamento generalizzato? Grazie 1000

1 risposta
Perchè mi abbuffo anche se so che sbagliato?

Buonasera, ho 27 anni e ultimamente (nell'ultimo mese circa) soffro di abbuffate assolutamente fuori controllo. Dall'anno scorso ho perso 8kg e sostengo un regime alimentare ipocalorico in quanto in preparazione per una gara di bodybuilding. Nell'ultimo mese però mi capita, in alcune giornate, di abbuffarmi dalla mattina alla sera passando da dolce a salato pensando che tanto non è un giorno che cambierà un anno di duro lavoro. In particolare nell'ultima settimana il giorno dopo l'abbuffata guardandomi allo specchio e vedendomi inevitabilmente gonfia e piena di ritenzione e dopo essermi pesata e avendo visto il peso molto più alto del giorno precedente penso che peggio di cosi non può andare e sentendomi anche avvilita per la condizione fisica e per non essere riuscita a controllarmi il giorno prima ricomincio. Un loop infinito che non riesco a fermare. Cosa posso fare per mettere fine a tutto questo?

4 risposte
Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.