Domande e risposte

leggi tutte le domande
Come posso risanare il rapporto con i miei genitori quando non accettano il mio ragazzo?

Sono una ragazza di 22 anni, vivo con i miei genitori e sono figlia unica. Ho sempre avuto un bellissimo rapporto con la mia famiglia fin da piccola, abbiamo affrontato tutto insieme e non mi hanno mai fatto mancare niente. Ma ora ho come la sensazione che non vogliano che io cresca o come se avessero paura di perdermi: sono fidanzata con un ragazzo da 2 anni e mezzo circa, in tutto questo tempo hanno fatto fatica ad accettare il fatto che io potessi essere di un’altra persona; hanno faticato ad esempio a lasciarmi andare in vacanza con lui, a lasciarmi andare in giro da sola con lui e ovviamente di tutto questo ne ha risentito la mia relazione. Il mio ragazzo ha sempre cercato di portare molta pazienza e piano piano è stato accettato dalla mia famiglia, che spesso lo accoglieva in casa e nei momenti di svago. A dicembre del 2018 io il mio ragazzo abbiamo litigato pesantemente, io decisi di lasciarlo, non solo a causa della discussione ma anche per altri motivi che da tempo mi facevano soffrire. Dopo pochi giorni ci siamo sentiti per messaggio e lui, arrabbiato dalla situazione, per difendersi ha usato delle parole molto brutte nei confronti dei miei genitori, ai quali sono arrivate a causa mia, perché mi sono confidata con loro. Da quel momento i miei genitori non hanno più voluto saperne del mio ragazzo, nonostante io decisi di dargli una seconda possibilità perché ancora lo amavo, e lo amo tuttora. In questi ultimi mesi lui mi ha dimostrato di essere migliorato in quel che mi aveva fatto soffrire prima della rottura della nostra relazione, ma i miei genitori non hanno comunque voluto avere nessun approccio con lui, nemmeno per chiarirsi e non vogliono più avere niente a che fare con lui. Il mio ragazzo è molto amareggiato per la situazione, perché si rende conto di aver sbagliato e vorrebbe non solo chiedere scusa, ma rimediare con i miei genitori proprio come ha fatto con me, ma loro non glielo permettono. Io vivo ormai con l’idea di deludere continuamente i miei genitori e con perenni litigate dove mi accusano di essere incoerente. Faccio fatica a vivere serenamente la mia relazione, non solo perché penso sempre che tutto quello che faccio sia sbagliato, ma perché spesso vengono messi dei paletti dalla mia famiglia, che ovviamente sono contro questa relazione. Ogni volta che io e il mio ragazzo cerchiamo di mettere fine alla nostra storia, non ci riusciamo perché capiamo di essere veramente tanto legati l’un l’altro. Ho provato a parlare con i miei genitori, ma loro non capiscono quanto io stia bene con lui e tendono ad essere molto chiusi sull’argomento, facendo valere soltanto le loro ragioni. Il mio più grande desiderio è quello di riuscire a fargli capire che nella vita bisogna perdonare e dare una seconda possibilità alle persone, specialmente a chi si rende conto di aver sbagliato in un momento di rabbia. Ma da quello che vedo non riesco a farlo perché non mi ascoltano.. Vedo tutto molto nero e alle volte ho dei pensieri molto cupi, visto che mi viene spesso detto che sono una delusione; non riesco a fare delle scelte, a cambiare radicalmente e a vivere serenamente la mia vita come vorrei, perché sono in mezzo alla mia famiglia alla quale tengo moltissimo e con cui sto bene, e in mezzo al mio ragazzo con cui vorrei costruire un futuro, ma con la paura di fare del male alla mia famiglia proprio per questa situazione.. Non so più cosa fare..

1 risposta
Parole sbagliate

Buonasera... è da circa 3/4 mesi che parlando, e mi capita Anche 2/3 volte al giorno, dico una parola al posto di un’altra. Non ho esitazioni, ma sono parole che comunque hanno un significato diverso ma buone x per quel contesto. A volte sono il contrario di ciò che voglio dire, ad esempio, mani/piedi, freddo/caldo, doccia/vasca, rosso/nero, scuola/lavoro .... non riesco a capirne il motivo....i miei familiari iniziano a prendermi in giro... da un po’ di giorni capta con la lettura. Giusto un paio di volte....

2 risposte
Contrasto continuo con mia figlia appena maggiorenne

Buongiorno sono una mamma separata con due figli maggiorenni che vivono con me. Mia figlia che ha da poco compiuto 18 anni dopo una lite ha deciso di andare a vivere da suo padre per sua comodità durante la settimana e il fine tornava a casa. La rabbia e la delusione mi avrebbe voluto fargli dire restaci per sempre. Premetto mia figlia è una ragazzina arrogante e poco rispettosa qualche mese ho scoperto che con i soldi che gli davo comprava le sigarette dopo una discussione avevo promesso che avrebbe cercato di smettere invece a distanza di 5 mesi gli ho ritrovato il pacchetto di sigarette e questo è stato il motivo del litigio. Come mi devo comportare sono cosi arrabbiata delusa e amareggiata.

5 risposte
Non riesco mai ad andare agli appuntamenti

Salve, Mento sempre quando devo incontrarmi con altre persone. Non voglio andare agli appuntamenti, ma non riesco mai a dire no, li prendo e poi annullo pochi minuti prima, usando scuse. Vorrei evitare perché alla fine risulto inaffidabile, ma ho paura di sembrare asociale e allora non riesco a dire di no. Come posso togliere questo vizio?

9 risposte
Mia figlia opprime le compagne

Salve, mia figlia di nove anni non ha un buon rapporto con le compagne di classe. Dapprima pensavamo fosse un problema non dovuto a lei, ma in varie occasioni abbiamo verificato che in realtà e' proprio lei ad instaurare un rapporto conflittuale, del tipo "ho ragione io, tu sbagli" con le compagne. Sebbene io la consideri una bambina fondamentalmente buona, questo pero' non giustifica la mancanza di attenzione per chi le parla siano i genitori oppure le compagne. Il rendimento scolastico non e' pessimo, ama fare esercizio fisico, ma mi sembra non aver alcun vero interesse cosa che la porta a tagliar corto ogni discorso per non entrare nel merito oppure, quando provo a fare qualcosa assieme a lei, come cucinare oppure lavorare in giardino, lei presuppone già di sapere come fare qualsiasi cosa: quando si accorge che la cosa non va come vorrebbe, lascia cadere il problema e trova altro da fare. E' una mia impressione ma credo che sia importante recuperare il possibile prima che entri nella successiva fase di crescita e per questo vi sarei grato per qualsiasi suggerimento. Grazie

2 risposte
Madre Possessiva

Ciao a tutti, mi chiamo Greta, ho 16 anni e da metà della prima superiore ho un pessimo rapporto con mia madre. Io non so più che cosa fare, va bene solo se faccio esattamente tutto quello che vuole lei, se no si arrabbia. Io ho sbagliato è vero, sentendola troppo addosso ho iniziato a dirle tante bugie e adesso lei non si fida più di me. Il mio problema è che mi sento soffocare da ogni parte da lei. Il sabato sera non posso tornare a casa più tardi delle undici, non potrò mai andare in discoteca fino a che vivrò nella sua stessa casa come dice lei, nemmeno quando sarò maggiorenne. Sono fidanzata e a lei non piace il mio ragazzo, dice che mi sta troppo addosso. Questo perchè una volta dopo aver litigato è venuto senza dirmi niente sotto casa mia (nonostante abiti lontano) per chiarire, dopo che gli ho detto di lasciarmi stare. Per lei non è stato un gesto carino ma una mancanza di rispetto, sostiene che non ha rispettato il mio desiderio espresso di non vederlo quel giorno. E' dicembre e possiamo vederci solo fuori, io non potrò mai andare a casa sua e lui non potrà mai venire a casa mia. Lui mi ha chiesto se potesse conoscerla, per sapere i suoi dubbi su di lui ed instaurare un buon rapporto con lei. Non vuole conoscerlo, dice che le relazioni a 16 anni devono essere vissute come tali e che quindi far conoscere i genitori la farebbe diventare una relazione troppo seria (stiamo insieme da 8 mesi). Se al quadrimestre di Natale avrò un insufficienza in pagella non potrò festeggiare Capodanno con i miei amici nonostante lei sappia i grandi sforzi che faccio in Matematica, che è l'unica materia con la media del cinque e da Settembre ci siano stati grandi miglioramenti. Ovviamente se decidono di andare in discoteca per Capodanno io non ci potrò andare, anche se avessi tutte sufficienze. Vuole la media dell'otto in tutte le materie per giugno altrimenti niente vacanze estive. Halloween non lo posso festeggiare. Se avrò mai debiti in pagella non potrò fare il mio diciottesimo. Non vuole darmi soldi per niente, sono andata a lavorare e ho messo da parte un bel po' di soldi che voglio risparmiare in caso di una qualsiasi emergenza. Ora che voglio iscrivermi in palestra dice che devo usare i miei di soldi e che lei non me la paga, come per i vestiti o il corso di Inglese. Allora le ho proposto di iniziare ad usare il metodo della paghetta ma non ne vuole sapere. Mi paragona sempre alle sue alunne più brave, diciamo che sulla scuola sento tanta pressione da parte sua. non so più che cosa fare, voglio instaurare un bel rapporto, ma non ubbidendo e basta, vorrei solo che capisse un po' i miei bisogni. So che questi problemi paragonati a tutti i problemi che si possono avere sembreranno un po' stupidi e magari superficiali, ma grazie al cielo nella mia vita di più gravi non se ne presentano. Per favore datemi consigli su cosa fare per farla un po' riflettere, grazie

3 risposte
Articoli e libri per Tesi di laurea

Buongiorno, scrivo per chiedere aiuto nella ricerca di articoli e libri interessanti che mi possano aiutare nell'affrontare il mio argomento della tesi. Vorrei concentrarmi sul rapporto medico-paziente e sulla sensibilità e umanità richiesta dal terapeuta nei confronti di quello che è, non banalmente e in maniera riduttiva, un "malato", ma una persona che porta con se una sofferenza, e quindi considerare la dignità anche della follia.
La mia ispirazione è stato lo psichiatra Eugenio Borgna con il suo libro "La dignità ferita". Volevo chiedere appunto consigli e pareri, su argomenti da trattare e da quali libri o articoli prendere spunto.
Vi ringrazio in anticipo!

2 risposte
La tiro fuori la laurea dal cassetto?

Buonasera mi chiamo Valentina ho 47 anni e abito a Roma. Sono separata da 18 anni, ho una figlia maggiorenne e un compagno con il quale convivo felicemente da 2 anni. Sono una psicoterapeuta sistemico relazionale e ho lavorato per qualche anno come psicologa e poi....... E' questo "e poi" che mi spinge a chiedervi un consiglio. Sono anni che ho letteralmente messo il "mondo psicologia" dentro ad un cassetto. Quindi ho lavorato in settori completamente estranei al mio, niente più aggiornamenti, niente più letture specifiche. Tutto congelato. Complici eventi stressanti che ho dovuto affrontare e il tempo che passa in fretta, ora mi trovo a prendere atto della situazione. In questo momento sono un'impiegata a tempo indeterminato, faccio la cassiera.....da tre anni. Sono da due mesi in malattia perché ho subito un'intervento chirurgico ai piedi che mi costringe ad una ridotta mobilità e mi regala molto tempo libero... E penso che mi piacerebbe tanto ricominciare da dove ho lasciato. Però devo fare i conti con tante paure che mi bloccano... Quella più grande riguarda i pazienti....non sapere cosa dire ad una persona che chiede aiuto....non so se sembra una paura infondata o meno, ma la avverto....E penso anche che dovrei colmare un vuoto che dura da tanto, e riempirlo con tutto ciò che avrei fatto se avessi lavorato come psicologa. Libri, seminari,convegni ecc.. Mi auguro di essere stata chiara e vi ringrazio per riflessioni e consigli. Salve

16 risposte
Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.