Comunicazione e Formazione

Come faccio a smettere di alzare la voce durante una discussione?

Sabrina

Condividi su:

Buongiorno,
sono la madre di tre figli (7 anni, 4anni, 14 mesi) e sono sposata.
Quando perdo la pazienza tendo ad alzare la voce, soprattutto nei giorni in cui sono molto stanca.
Vengo da una famiglia in cui i litigi erano all’ordine del giorno e si alzavano sempre i toni.
Io e mio marito andiamo molto d’accordo, non litighiamo quasi mai, chi mi fa uscire di testa è la secondogenita, che ha un carattere fortemente oppositivo. Nei giorni in cui sono concentrata riesco a gestirla bene ma non è una cosa che mi viene naturale. I giorni che abbasso la guardia e mi fa arrabbiare non riesco a controllarmi e urlo invece di parlare. Per dire oggi è volato anche uno schiaffetto. Mi odio per questo, non mi piacciono gli adulti che non hanno il controllo di sé e non voglio essere così. come faccio a fare in modo che parlare invece di urlare diventi un’abitudine?

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentilissima Sabrina,


la rabbia è una emozione che, come ogni emozione, trasmette un messaggio, che ci dice che una situazione è fastidiosa, ingiusta o minacciosa.
Se però la reazione alla rabbia è quella di esplodere, il messaggio non avrà la possibilità di essere trasmesso.
Pertanto, mentre è perfettamente normale sentirsi arrabbiati quando si viene maltrattati o, come nel suo caso, c'è una posizione di forte opposizione da parte della sua secondogenita, la rabbia diventa un problema che può danneggiare il rapporto con la bambina.


La prima cosa da fare è quella di cercare di concentrarsi sulle sensazioni fisiche che le sta dando la rabbia. Faccia alcuni respiri profondi, conti fino a dieci (come immagino le suggeriva anche sua nonna, ma i consigli di saggezza sono sempre validi), ma soprattutto si faccia alcune domande:



  • Vale davvero la pena arrabbiarsi per questo?

  • Vale la pena rovinare il resto della mia giornata?

  • C’è qualcos'altro che posso fare al riguardo?


In linea generale, per riuscire a controllare la rabbia, faccia quotidianamente degli esercizi fisici, che servono a liberare serotonina e migliorare il proprio benessere generale e si eserciti nella meditazione.
Se poi da sola vede che non riesce a farcela, consulti un professionista.
Le auguro di stabilire nel tempo un ottimo rapporto con tutti i suoi figli
Cordialmente
dr. Rodolfo Vittori

Gentile


Se ho ben capito il problema è la gestione dell’impulso. Meglio sarebbe dire che il problema è la gestione della tensione che sale nel momento in cui emergono sentimenti conflittuali verso sua figlia. Sembra che nei momenti in cui non si trova sotto stress l’aumento della tensione interna sia tutto sommato gestibile per mezzo del pensiero, un pensiero che l’aiuta a portare l’attenzione necessaria al suo stato di tensione interna, e quindi riesce ad autoregolarsi (“nei giorni in cui sono concentrata”). Quando non è concentrata il crescendo di tensione purtroppo le sfocia nel tono di voce ed in un agito (schiaffetto). Ha già da sola fatto un collegamento con un vissuto personale passato, questo è sicuramente d’aiuto. Lei chiede un aiuto per interrompere questo circolo vizioso. Il suggerimento che le do è quello di conoscere sempre di più l’agitazione. Nel momento che esplode significa che in qualche modo il suo cervello non ha registrato il crescendo di tensione. Di solito questo significa che lei si è abituata a tollerare alti livelli di tensione. Più nello specifico, essendo da molto tempo abituata a sentire tensione (faccio riferimento al suo collegamento con il passato familiare) lo “stimolo” della tensione non viene più registrato. Se questa tensione non viene registrata non le è possibile regolarsi come quando è concentrata. Non potendo regolarsi, perché inconsapevole dell’ansia che sale, il limite tra il pensiero ed il comportamento è sempre più lieve, cioè ha meno tempo per calmarsi. Tanto prima sente salire la tensione tanto più tempo ha per calmarsi.


Le suggerisco anche di non odiarsi per questa difficoltà che riscontra, l’autocritica aumenta solo lo stato di tensione interna. Inoltre si capisce bene il suo dispiacere, questo implica della sofferenza nell’essere vittima di un meccanismo autosabotante ed implica una colpa per aver trattato male chi ama. Se il problema è la tensione interna, aumentare la tensione autocriticandosi rafforza il meccanismo, provi a stare in contatto con il dispiacere e la tristezza e l’amore per sua figlia, ed aspetti che torni calma, di modo che si senta in pieno controllo di quello che vuole dire di come lo vuole dire. Nel caso in cui anche la tristezza aumentasse lo stato di agitazione significa che rabbia e tristezza la stanno mandando in ansia, purtroppo a  volte senza che lei se ne accorga. Quelle emozioni andrebbero quindi processate, sentite, e fare anche l’esperienza che prima o poi passano.


Cerchi in rete qualche manuale per migliorare la comunicazione con i figli, potrà trovare degli spunti utili e veloci per uscire dalle impasse comunicative. Per la gestione della sua ansia le devo suggerire un percorso di terapia con uno specialista di modo che possa insegnare al suo corpo che le tensioni vissute nella sua famiglia fanno parte del passato e che il presente può essere diverso.


Le auguro ogni bene

Buongiorno Sabrina. Molto importante è il particolare che lei riporta di venire da una famiglia in cui dice si alzassero sempre i toni in una discussione: in qualche modo rimaniamo sempre influenzati da quello che ci succede intorno e tendiamo ad attribuire a questi eventi dei significati. Nell’arco di vita, questi significati e modalità d’azione possono non essere più adeguati e risultarci, come sta succedendo a lei, fastidiosi, come fossero degli ostacoli ad una vita serena.
Con l’aiuto di uno psicoterapeuta può riuscire a rielaborare tali significati per arrivare anche a cambiare le sue reazioni agli eventi stressanti come le discussioni in famiglia senza dover vivere costantemente “in guardia”, ma facendo sue queste nuove modalità più vantaggiose.
Per un percorso di questo tipo ed un consulto più adeguato ed approfondito per la sua specifica situazione mi rendo disponibile anche online.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.

Gentile Sabrina,


da come descrive la sua situazione attuale (seppure in poche righe) sembrerebbe che lei sia consapevole della sua difficoltà e che non sia sempre presente ma solo quando è stanca.


Con sua figlia ha provato a parlarne?


In quali occasioni specifiche accade?


Potrebbe essere un'idea mettere delle regole in casa da far osservare a tutti? Provare insieme a fare meditazione (mindfullnes) per cercare di gestire meglio la rabbia o la frustrazione? Potrebbe essere anche una attività da fare insieme e che magari vi avvicina maggiormente.


Le urla sono solo sue o anche di sua figlia?


Se le difficoltà persistono le consiglio di chiedere una breve consulenza genitoriale per essere aiutata a gestire meglio queste situazioni difficoltose e ritrovare le sue risorse interne.


Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza online o se volesse rispondere in privato alle domande poste.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Comunicazione e Formazione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non sono brava a socializzare, come faccio?

Inizio con dire che in realtà ho 14 anni... non sapevo a chi chiedere e mi sono messa a cerca ...

6 risposte
I miei genitori non accettano la mia nuova relazione

Ho 25 anni e poco più di un mese fa ho lasciato un ragazzo con cui ci sono stata per 6 anni e ...

1 risposta
Incapacità di comunicare adeguatamente

Il mio è un problema che persiste da tanti anni, molto spesso mi capita che non riesco a ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.