Famiglia e bambini

Ho il nipotino di 4 anni che ha difficoltà ad esprimersi in modo chiaro con le parole

Roberto

Condividi su:

Il bambino di quattro anni compiuti il 24.10.2017 lo abbiamo portato a visita psicologica, psichiatrica e da logopedista. Ci hanno detto che soffre di ansia da prestazione, quindi piuttosto di dire la parola sbagliata non la ripete e quindi ha problemi a colloquiare con i compagni e nel tempo potrebbe incattivirsi.

Ci hanno consigliato di contattare un Logopedista a pagamento, in quanto tramite sanità nazionale ci vogliono minimo dieci mesi di attesa. Ho parlato con un primario ospedaliero, amico da anni, il quale mi ha detto di consultare prima uno psicologo e poi eventualmente un Logopedista.

 

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Caro Roberto,


se le difficoltà del suo nipotino sembrano mostrare una componente psicologica è bene seguire il consiglio del suo caro amico. Le consiglio di rivolgersi ad una struttura che si avvale di un’équipe multidisciplinare composta da diverse figure professionali (sia psicologo che logopedista), spieghi allo psicologo la situazione e insieme troverete la soluzione più opportuna.


Restiamo a disposizione

Buonasera


Sicuramente ci può essere ansia da prestazione che può bloccare l'espressione verbale


Sarebbe opportuno procedere con una consulenza per capire l'entità del problema.....


Si tratta di fare un percorsi di 4 incontri conoscitivi a cedenza settimanale così da inquadrare la causa della difficoltà


Presentata dal bambino e poi decidere come procedere...


Noi siamo a sua disposizione....

Gentile Roberto,


la difficoltà con la parola è spesso presente nei bambini e le cause possono essere davvero tante. Mi sembra questo bambino abbia già visto molte persone, e che tutte le figure che avete consultato abbiano dato la stessa risposta: ansia da prestazione.


Gli elementi forniti da Lei non sono molti, quello che bisogna fare è cercare di disangosciare questo bambino, sostenendolo, cercando di non  far passare questa difficoltà come un problema insuperabile ma come qualcosa che con il tempo e con l'aiuto delle persone che lo circondano (ed eventualmente qualche professionista) può essere superato.


I genitori potrebbero consultare un terapeuta per spiegare meglio la situazione e capire effettivamente che cosa può essere successo, che cosa abbia causato questa difficoltà nel bambino, e quale sia il modo di approcciarsi ad essa. In seguito valutare il percorso più adatto.


A disposizione per ulteriori chiarimenti.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mamma di un bimbo di 3 anni

Salve sono una mamma di un bimbo di 3anni. Ho 30 anni. Il papà di mio figlio mi ha lasciata ...

6 risposte
Rapporto difficile con figlia 11enne

Buongiorno, siamo due genitori di due bimbi, una di 11anni ed il secondo di 7. Scriviamo per la ...

1 risposta
Non sono più felice di vivere in casa con la mia famiglia. Vorrei andarmene al più presto.

Salve a tutti, sono una ragazza di 22 anni e da qualche anno, specie in questo ultimo periodo, sono ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.