Famiglia e bambini

Mio figlio ha legato molto con un bambino più grande di lui, perchè?

Luisa

Condividi su:

Buongiorno, la domanda che vorrei porre riguarda mio figlio di quasi nove anni che ha instaurato un rapporto di amicizia con un compagno di judo che frequenta la prima media (lui frequenta la terza elementare). Durante le lezioni di judo tendono a cercarsi e ad avere un rapporto quasi esclusivo, considerato che ci sono bambini più grandi con cui l'altro bambino potrebbe relazionarsi; il mio bambino è evidentemente molto lusingato da questo fatto. Senza volerci vedere della malizia, mi domando su che cosa può basarsi un rapporto così sbilanciato a livello anagrafico. Ringrazio anticipatamente se vorrete darmi una risposta.

8 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Signora Luisa,

il fatto che suo figlio sia lusingato dal ricevere attenzioni da un amico più grande di lui, con la condivisione di uno sport che ad entrambi piace, è forse da imputare ai suoi bisogni, chissà,quali sono? Sarebbe utile scoprire com'è stata la storia di questa amicizia, in quale periodo è nata, che cosa stava attraversando suo figlio, i rapporti con altri coetanei...e in famiglia. Inoltre a chi dovrebbe invece rivolgere le attenzioni suo figlio?

Queste domande aprirebbero molte porte e possibilità utili a capire meglio tanto suo figlio, quanto le sue curiosità, molto utili.

La saluto

Da quanto tempo? potrebbero essere fisiologico nel senso di ricerca di identità attraverso uno dello stesso sesso che sia da "copiare", come figura di riferimento. Ritengo utile sia la madre/padre a mettersi prima in discussione, forse non c'è da allarmarsi .... o forse sì ... uno specialista può fornire la risposta dopo poche sedute  ... 3-5 sedute cerchi di uno psicologo analista nella sua città ne la saluto 

Buonasera, ovviamente non è facile risponderle così su due piedi e la risposta non potrà essere esaustiva. Le variabili in campo potrebbero essere molte: eventuali difficoltà dei ragazzini a relazionarsi con i pari età, una serie di interessi comuni (per es. squadra del cuore, videogiochi etc...). Consideriamo poi che l'altro bambino, essendo in prima media, fino a qualche mese fa era alle elementari e questo potrebbe anche avere il suo peso. Queste sono supposizioni, il suo bimbo potrebbe dirle meglio di me su cosa si fonda questa amicizia. Non so da quanto tempo sia iniziato il corso, vedrà che i maestri sapranno agevolare l'inserimento e le interazioni anche con gli altri bambini, capita abbastanza spesso.

In merito a quanto da lei raccontato,  non mi sembra che ci sia una differenza di molti anni, la differenza di eta' se per suo figlio non e' un problema, la questione e' come per gli adulti, che possono avere amicizie di diversi anni di differenza. Forse lei lo vede come un problema perche' non si fida molto di suo figlio e dell'altro bambino, ma finche' non vengono segnalati dal maestro del corso comportamenti anomali, non c'e' da preoccuparsi. Se dopo il corso teme che suo figlio possa frequentare un gruppo poco raccomandato, ne parli con lui e trovate insieme un modo per cambiare amicizie. L'eta' non e' un problema. Spero di esserle stata di aiuto. Cordiali saluti

Buongiorno Luisa, non ci vedo nulla di anormale in questa amicizia che si è creata tra i due bambini. Ci sono bambini che legano di più con i coetanei, altri con quelli più piccoli e altri ancora si trovano meglio con quelli un po'più grandicelli. Qui stiamo poi parlando di pochissima differenza, cioè 3 anni. Le amicizie nascono perchè ci si trova caratterialmente, a prescindere dall'età. Io starei tranquilla. Mi sento però di farle fare una riflessione: non è che sotto sotto è un po'maliziosa e ha paura che ci siano altri aspetti in ballo ed è per questo che si pone il problema?

Gentile Luisa la sua richiesta di chiarimenti non può essere che teorica in quanto non vi sono elementi di particolare criticità che lei riporta nel descrivere la situazione se non una certa sua curiosità in merito. Condivido la sua osservazione nel vedere suo figlio lusingato dalle attenzioni di un fanciullo più grande di lui che probabilmente lo fa sentire importante e spronato ad imparare "cose da grande", peraltro è difficile comprendere perchè l'altro provi quasi esclusivo interesse per un bambino in effetti, in questa fascia di età, decisamente più piccolo: difficoltà a confrontarsi con i coetanei? Bisogno di indugiare nel mondo infantile che potrebbe essere ancora normale in un ottica di regressione data la  spinta a crescere richiesta dall'inizio della scuola media? Provi con naturalezza e tranquillità ad osservare la situazione per vedere come si evolve e qualora dovesse riscontrare delle difficoltà può nuovamente scriverci. Cordiali saluti

Gentile signora

dove sta il problema? Se non ha intravisto malizie varie può essere normale che sia nata un'amicizia per affinità anche se esiste una piccola diversità d'età. La cosa più importante è incentivare i due ragazzi a non chiudersi in se stessi ma aprirsi anche agli altri compagni pur mantenendo il loro legame esclusivo. Può essere che suo figlio senta un bisogno di protezione e che il suo amico ami dare quella protezione.Solo se quell'amicizia porta ad un'esclusione rigida verso gli altri potrebbe essere considerata un'amicizia "particolare" da prendere in considerazione.

Salve Luisa,

la spontaneità dei bambini ci guida sempre nelle più varie realtà relazionali a cui a volte un adulto fa fatica ad adeguarsi. Bambini che vanno più d'accordo con bambine che con i compagnetti maschi, bimbe più mascoline che giocano volentieri a pallone rifiutando l'uso proprio della bambola e, come nel suo caso, bimbi più piccoli di qualche anno che fanno volentieri amicizia con bambini più grandi. Credo che in tutti questi casi sia opportuno valutare il contesto, non tanto per darsi una risposta definitiva alle proprie domande, quanto per cercare di valutare, di volta in volta, la realtà relazionale dei propri figli e comprenderli. Nel suo caso potrebbe essere plausibile l'ipotesi che, trattandosi di un ambiente sportivo fatto di apprendimento di una disciplina, possa essere naturale per suo figlio cercare un modello di riferimento più grande a cui ispirarsi per migliorare o confrontarsi in caso di dubbi, e trovare in questo bambino della prima media un complice che tende una mano. A volte a questa età, soprattutto se si è figli unici (anche se non ho informazioni a riguardo) è naturale e spontaneo cercare un referente più grande che, a differenza di un genitore, possa essere un amico più alla pari con cui sentirsi a proprio agio nella condivisione di uno sport, come è nel suo caso. 

Un saluto Luisa e buone attività sportive!

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Tornata a vivere in un ambiente familiare dannoso

Buongiorno, sono una ragazza di 26 anni e, dopo il liceo, ho passato 7 anni in un'altra città ...

9 risposte
Come difendersi da una sorella perfida?

Buonasera, è difficile riassumere in poche righe la mia vita, ma cercherò di essere ...

2 risposte
Enuresi giornaliera

Buongiorno, sono una mamma di una bimba di 6 anni e mezzo. Mia figlia fino a marzo di quest'anno non ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.