Ipocondria

Sono “ipocondriaco“ o soffro di Ipocondria?

19 Settembre 2016

contattami

Condividi su:

All'interno della prassi medica e di approfondimento diagnostico di una malattia, tutto parte dalla percezione soggettiva del paziente il quale, accusando determinati sintomi e sensazioni di malessere, si rivolge ad un medico che eventualmente fa una richiesta di esami clinici. Se i risultati sono positivi,e quindi viene riscontrata la presenza di una malattia, lo specialista procede con la prescrizione medica specifica per trattare la sintomatologia e curare la persona.

Ma può accadere che una persona non sia soddisfatta degli approfondimenti fatti e voglia continuare la strada degli accertamenti medici, perchè continua a percepire di avere qualcosa che non va, una malattia; questo le procura così tanta ansia da non riuscire a vivere più come prima, nonostante le rassicurazioni mediche che ottiene. 

L'Ipocondria è un disturbo della sfera dell'ansia in cui il soggetto ha una percezione distorta dei sintomi fisici che accusa, scambiandoli costantemente per segnali di una malattia di cui potrebbe soffrire. L'iperattenzione a tale sintomatologia e lo stato di allerta e focalizzazione costante sul proprio corpo contribuiscono a mantenere alta la preoccupazione e di conseguenza ad innescare nuova sintomatologia fisica ansiosa, che il paziente scambierà nuovamente per segni di una malattia. Spesso nella storia dei soggetti che soffrono di Ipocondria ci sono episodi medici traumatici personali o vissuti dalle persone appartenenti al contesto socio-relazionale di riferimento del paziente. 


I Sintomi sono:

  • Una paura irrazionale di essere malati sulla base di sensazioni fisiche quali un battito cardiaco irregolare, dolori muscolari e gastrointestinali o anche un normale mal di gola o raffreddore. 
  • I sintomi fisici non sono giustificati da una condizione medica specifica o non del tutto.
  • Nonostante le rassicurazioni mediche il soggetto continua costantemente a credere di essere malato e a ricercarne le cause.
  • La vita familare è focalizzata sulla condizione ipocondriaca e finalizzata al benessere del "malato".
  • Le persone che soffrono di ipocondria possono ritenere di non essere state curate e seguite adeguatamente e questo giustifica la convinzione di essere malati.
  • Sono frequenti assenze da lavoro a causa della condizione medica
  • A volte subentra un ritiro sociale ed una vera e propria condizione progressivamente invalidante nella vita del soggetto.

Come si evince dalla sintomatologia chi soffre di Ipocondria non è mai certo di essere stato curato adeguatamente, può ritenere che le sue paure non siano così esagerate e irrazionali e anche quando comincia a rendersi conto di avere un problema psicologico non è mai definitivamente convinto che alla base dei suoi guai ci sia solamente un aspetto psicologico.

All'interno di un percorso di psicoterapia, ad esempio la terapia cognitivo-comportamentale, si lavora sul concetto di "malato", sulla percezione e interpretazione corretta dei sintomi che innescano la preoccupazione di essere malati e la ricerca ossessiva delle cause mediche del malessere ed infine si favorisce un miglioramento del personale rapporto con le emozioni spiacevoli, fra le quali la paura. Se si vivono situazioni, pensieri e sintomi ansiosi come quelli descritti in questo articolo il mio suggerimento è di prendere contatti con uno specialista psicologo o psicoterapeuta per un approfondimento del caso. 

Commenta questa pubblicazione

Iscriviti o accedi per lasciare un commento

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ipocondria"?

Domande e risposte

Temperatura corporea 36.9 persistente

Ciao sono una ragazza di 22 anni soffro di ansia da quando ho 9 anni e negli ultimi anni anche di ...

2 risposte
HELP PLEASE

Gentilissimi medici Mi chiamo luca e soffro ( credo ) di ansia enorme da parecchi anni. Volevo chied ...

8 risposte
GIOCO D'AZZARDO

Non so come uscire dal gioco! Gli ultimi 3 anni della mia vita mi hanno rovinato cifre enormi, ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.