Famiglia e bambini

Come posso aiutare mio figlio piccolo a superare l ennesimo cambiamento di casa e scuola?

Barbara

Condividi su:

Dopo solo 1 anno dall'ultimo trasloco da poco abbiamo ancora traslocato, siamo sempre nella stessa regione ma per motivi economici siamo in una casa comunale. Così ho dovuto cambiare asilo nido ancora a mio figlio. Da 1mese a questa parte è spesso nervoso arrabbiato e si irrita subito anche mentre giochiamo, e dice sempre brutti o cattivi a me ed al papà. Non capiamo come mai continua a dirci così, cerchiamo di stargli vicino e di fagli vedere tutti i lati positivi del cambiamento ma credo che ci incolpi di aver cambiato casa e quindi di averlo portato anche lontano dai suoi amichetti...

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buona sera ,  dalla sua lettera lei mamma si sta chiedendo quali strategie attivare per aiutare il figlio ad adattarsi alla nuova situazione. Poiché il bambino è piccolo ho pensato a come  voi genitori avete accettato il cambiamento che mi pare di capire non è il primo e che rispetto alla situazione precedente è meno vantaggiosa economicamente. Vi suggerirei una riflessione sulla modalità di trasferimento e  su come lo avete comunicato al bambino

Buongiorno Barbara,


la sua preoccupazione mi sembra comprensibile e può essere vero che per vostro figlio sia difficile affrontare questi cambiamenti. Ma le vorrei chiedere: come state voi genitori? Come vivete questi cambiamenti a vostra volta? E' importante che vi occupiate per prima cosa del vostro benessere come genitori. Può essere che a causa del trasloco vi sentiate in colpa e "brutti e cattivi" verso vostro figlio? Se così fosse, è probabile che il bambino lo percepisca e che questo lo renda nervoso e confuso. Infatti, i bambini danno un senso alle cose che vivono non solo attraverso le parole che gli adulti usano per spiegargliele, ma anche dal clima emotivo che respirano: se queste due cose non coincidono (ad esempio se dite al vostro bambino che andrà tutto bene, ma voi per primi siete preoccupati e spaventati dai cambiamenti che state affrontando) per un bambino diventa tutto più difficile da capire e da accettare.


Considerate la possibilità di rivolgervi a un consultorio famigliare: un percorso di sostegno alla genitorialità può sicuramente aiutarvi a stare meglio e quindi a garantire un maggiore benessere anche al vostro bambino.


Nella speranza di esserle stata di aiuto, la saluto cordialmente.


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mamma di un bimbo di 3 anni

Salve sono una mamma di un bimbo di 3anni. Ho 30 anni. Il papà di mio figlio mi ha lasciata ...

6 risposte
Rapporto difficile con figlia 11enne

Buongiorno, siamo due genitori di due bimbi, una di 11anni ed il secondo di 7. Scriviamo per la ...

1 risposta
Non sono più felice di vivere in casa con la mia famiglia. Vorrei andarmene al più presto.

Salve a tutti, sono una ragazza di 22 anni e da qualche anno, specie in questo ultimo periodo, sono ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.