Famiglia e bambini

Comportamenti Infantili bambino di 6 anni

Antonio

Condividi su:

Salve a tutti.
Espongo la situazione.
Nostro figlio, di 6 anni, tende, in maniera molto accentuata, a perseverare in attegiamenti molto infantili soprattutto con gli altri bambini, e occasionalmente con gli adulti.
Intendo dire saltelli, versi, cantilene senza senso, risate a sproposito, contatto fisico esagerato (salta addosso, sempre in maniera benevola ma molto esuberante).
Ho notato, in prima persona, che questo avviene soprattutto quando è in una situazione di tensione emotiva, soprattutto quella positiva.
Quando in effetti subisce una tensione negativa, tende a 'rallentare' il ritmo, ed è come se effettivamente fosse in grado di capire come muoversi (in maniera corrispondente alla sua età, ovviamente).
Diversamente una tensione troppo negativa spesso sfocia in rabbia e frustrazione non facilmente gestibile (ma su questo ci si sta già lavorando, vd oltre).
Gli piace molto stare in mezzo alla gente e ai bambini, ma spesso (non sempre) tende ad avvicinarsi più ai bambini piccoli  che a quelli della sua età (quelli che parlano una lingua più 'facile' per lui).
Tende a non stare seduto composto o cmq fermo in una posizione per molto tempo (a scuola, a casa, etc..), tranne quando qualcosa non gli interessa davvero.
A fronte di questo, ha buona capacità di concentrazione che però perde velocemente se c'è un minimo di tensione emotiva.

Cronistoria:
E' figlio unico e in sostanza ci han già segnalato che certi comportamenti possano essere riconducibili alla nota posizione di 'privilegio' da cui provengono certi suoi attegiamenti.
Su questo per conto nostro, stiamo lavorando cercando di responsabilizzarlo, soprattutto facendogli 'pagare di tasca sua' (sbagliare in maniera controllata e pagarne le conseguenze), introducendo regole (come quelle di casa, di buona educazione, etc..) e in effetti stiamo vedendo buoni risultati.
Come genitori crediamo di essere molto presenti, imparando anche noi ad allenarci con lui a gestire situazioni in cui si richiede un allenamento emotivo opportuno (ci stiamo documentando il più possibile a riguardo...).

Ha avuto un problema di udito non serio, ma rilevante nei primi anni di vita, ora completamente risolto, con tutte le conseguenze su integrazione, apprendimento etc..
Infine, ci siam trasferiti da Roma a Milano un annetto fa, in pieno anno scolastico (scuola materna), interrompendo quindi molte amicizie e percorsi formativi.
Dal punto di vista del rendimento scolastico non ci han segnalato problemi, anzi risulta essere di un'intelligenza molto viva ed attiva.
Le sue difficoltà espressive sono state gestite adeguatamente (logopedia etc..), parla a volte un po' troppo lentamente e fatica in rendere concetti complessi (la cosa sembra non destare molta preoccupazione da parte di insegnanti e specialisti)

Ha buone occasioni di socializzazione con altri bambini (parco giochi, feste, doposcuola, etc..) anche in attività extrascolastiche (stavamo pensando di farligi seguire qualche palestra in cui si praticano soprattutto sport di squadra).

Ad ogni modo, tutti questi eventi sono stati analizzati dal supporto ASL prima di Roma, ora del comune in cui viviamo, ma riteniamo in maniera non completa, essendo la terapia mirata più che altro alla gestione di frustrazioni, su cui devo dire in effetti sta avendo bei risultati.
L'intenzione è ovviamente approfondire un dialogo prima di tutto con gli specialisti dell'ASL, ma chiedo gentilemnte qualche consiglio su linee guide adeguate da seguire in primis in famiglia.

Grazie.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno signor Antonio,


dalla sua descrizione, sarebbe importante capire se suo figlio ha anomalie nella percezione sensoriale, specialmente a livello uditivo (veda il mio articolo "udito uguale comportamento" su questo sito). Spesso, dal momento che tali anomalie non sono molto conosciute, si scambiano per problemi emotivi quelli che invece sono adattamenti ad anomalie nella percezione a livello qualitativo.


Un cordiale saluto

Salve,


da come lo descrive suo figlio è un bambino esuberante e tendenzialmente impulsivo a cui riesce difficile contenere e controllare l'espressione emotiva, come ad esempio l'euforia di fronte a situazioni per lui piacevoli e/o la rabbia quando vive, invece, qualcosa che non lo soddisfa o lo frustra.


Tutto ciò è normalissimo e molto naturale per un bimbo di sei anni. 


A questa età il pieno controllo emotivo non è ancora raggiungo, così come le abilità di attenzione e concentrazione sono ancora molto diverse da quelle adulte.


Perché ciò si sviluppi adeguatamente, tuttavia, è indispensabile il ruolo dei genitori.


Importante è favorire la manifestazione delle emozioni, la loro espressione e condivisione affinché non vengano percepite dal bambino come qualcosa di sbagliato o sporco. Accogliere e parlare con il bambino delle sue emozioni lo aiuterano ad imparare a riconoscerle e a gestirle. Frasi del tipo: "Vedo che questa situazione ti fa arrabbiare...", "Cosa provi quando qualcuno si comporta così con te?", "Come ti senti quando...?" sono molto utili.


Accanto a ciò è, tuttavia, essenziale contenere l'emozione del bambino fornendo, amorevolmente e rispettando i suoi tempi senza alcuna fretta e rigidità, esempi concreti di comportamento, regole e cornici entro i quali imparerà a muoversi e ad esprimersi. 


Spero di esserle stata d'aiuto.


 

Gentile Antonio,


la situazione che ha esposto non sembra avere caratteristiche preoccupanti e, per come la descrive, sembrerebbe anche adeguatamente trattata. Parla di buoni risultati rispetto alle terapie intraprese attraverso il sistema pubblico. Tuttavia le cause che innescano in suo figlio i comportamenti che descrive, forse andrebbero chiarite meglio. Un altro aspetto che andrebbe certamente sondato in modo più approfondito è quello delle emozioni che questi comportamenti più "infantili" di quanto vi attendereste suscitano in voi genitori. Trovare il giusto ascolto da parte di un esperto su questi aspetti, potrebbe sicuramente favorire un alleggerimento della "tensione" che ritorna spesso nel suo messaggio e aiutarvi a trovare strategie, come genitori, per affrontare al meglio atteggiamenti che percepite come problematici. Se lo desiderate, sono a disposizione per un consulto. Ricevo a Monza. Molti auguri

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mio figlio non si applica e non lavora a scuola.

Ho un bambino di 6 anni ed è al primo anno di scuola. Fino a marzo si è impegnato ...

2 risposte
Bambina di 9 anni mangia poco e non assaggia

Buongiorno, ho una bimba di 9 anni che fino ai due anni di età mangiava e assaggiava di ...

3 risposte
Figlia unica che cerca continuamente compagnia

Salve cari dottori, volevo porre un quesito che riguarda mia figlia di sei anni. Non per nostra ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.