Ansia

Che paura !!! Mamma mia che ansia!!!!

Dott.ssa Claudia Urbani contattami

Condividi su:

Ma che rapporto c'è tra ansia e paura? Proviamo a fare qualche distinzione.
Un'interessante chiarificazione è quella che viene proposta da G. Nardone in “Oltre i limiti della paura”, dove l'autore sottolinea come la paura sia una percezione che innesca un'emozione che a sua volta scatena una reazione psico-fisiologica, che prende appunto la forma dell'ansia.
Dunque possiamo affermare che per molti aspetti l'ansia sia semplicemente la conseguenza psicofisiologica della paura.
Ciò che è importante sottolineare, inoltre è come non sempre la paura e di conseguenza l'ansia siano da considerare come qualcosa di negativo. Pensiamo a quello che accade quando dobbiamo scampare un pericolo, ma anche semplicemente a quando dobbiamo dare il meglio di noi. In casi come questi un po' di ansia non solo non è di ostacolo, ma è addirittura utile ci permette di allertarci e far fronte con tutte le nostre risorse alla situazione che dobbiamo affrontare e ci permette di fronteggiare la paura stessa. Insomma entro certi limiti l'ansia ha una vera e propria funzione adattiva. D'altra parte chi non ha mai sperimentato la sensazione di ansia fisiologica che si prova davanti ad un pericolo e che ci permette di concentrare tutte le nostre risorse cognitive e fisiche per evitarlo e salvarci? O ancora chi non ha vissuto quello stato d'ansia che si percepisce prima di un colloquio di lavoro, di un esame o di una gara e che ci permette di mantenere la massima lucidità e concentrazione sulla prestazione?
Entro certi limiti, dunque, l'ansia è un'alleata preziosa .
Quando però supera una certa soglia , che è diversa per ogni persona, allora i sintomi sia cognitivi (preoccupazione costante, vuoti di memoria difficoltà di concentrazione, confusione mentale ) che fisiologici ( tensione muscolare, tachicardia, respiro corto, disturbi gastro-intestinali,sudorazione, vertigine ) conseguenti possono diventare estremamente disturbanti e volte paralizzanti.
Può accadere che sia proprio l'ansia a diventare causa della paura e a trasformarsi in panico , innescando quel meccanismo per cui non si ha più paura di qualcosa in particolare, ma della paura stessa.
E' la paura della paura a diventare centrale e a scatenare il panico .
Ciò che spaventa è proprio la possibilità che possano manifestarsi tutti quei sintomi fisiologici che caratterizzano l'ansia. Di conseguenza si corre ai ripari, cercando di controllare la paura e le reazioni fisiologiche ad essa connesse. Ciò che si ignora in questo processo però è che l'effetto che si otterrà è proprio quello opposto di amplificarli . Il fallimento di questa tentata soluzione porterà alla messa in atto di altri tentativi di risolvere il problema, la fuga dalla situazione identificata come scatenante ( quindi l'evitamento) oppure la richiesta d'aiuto.
In realtà però tutti e tre questi tentativi seppur efficaci nel brevissimo termine sono quelli che finiscono col mantenere il problema e che sarà necessario sovvertire acquisendo adeguate strategie .

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Domande e risposte

Paura di uscire di casa

Buongiorno, sono una ragazza di 29 anni ed ultimamente ho paura di uscire di casa. Quando so di ...

11 risposte
Gelosia ossessiva nei confronti del mio partner

Buonasera, sono una ragazza di 21 anni e sto insieme al mio ragazzo da 4 anni. Sono molto gelosa e ...

4 risposte
Mio figlio ha questi "attacchi di panico"??

Salve vi contatto per avere una vostra opinione in merito alla situazione di mio figlio: lui ha ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.