Problemi di coppia

Difficoltà e strategie per superare una separazione

Dott.ssa Paola Liscia contattami

Condividi su:

Non esistono tempi più o meno giusti per separarsi, questi sono soggettivi e spesso sono correlati al vissuto del proprio passato, all’importanza data al rapporto e alla persona amata e alla fase del ciclo vitale che si sta attraversando.

Il passato incide perché la capacità di superare adeguatamente la fine di un amore è legata alle prime separazioni, infatti il modo in cui abbiamo vissuto e superato le prime separazioni infantili, condiziona il modo in cui vengono vissute e superate quelle future. Assumere questa consapevolezza potrebbe aiutare a superare meglio la fine di un amore, e soprattutto a cambiare il copione passato, scegliendo situazioni diverse in un incontro futuro.

L’importanza data al rapporto e alla persona amata, oltre al fatto che ci piace perché soddisfa dei nostri bisogni profondi, dipende anche dalla nostra ricettività verso l’altro, e da quanto siamo pronti ad abbandonarci in una esperienza sentimentale. Un chiaro esempio di questo aspetto può essere quello di persone che pur essendosi incontrate più volte in passato, non siano state ricettive l’una verso l’altra e che solo in seguito rincontrandosi riescano a iniziare una storia d’amore, i tempi interni, la coincidenza con i tempi dell’altro e la predisposizione verso l’altro, diventano determinanti per lo sviluppo di una storia tra due individui. Degna di nota è anche la presenza di messaggi chiari nel lasciarsi, spesso un atteggiamento ambivalente, rende ulteriormente difficile chiudere perché si da il doppio messaggio, “voglio stare con te, senza stare con te”.

La fase del ciclo vitale attraversata è un altro indice importante che condiziona il modo di reagire alla fine di una storia d’amore. Chiudere un rapporto tra i 20 e 30 anni è più semplice, perché si è ancora aperti rispetto alla vita e alle prospettive future, mentre farlo dopo i 35 anni diventa più difficile, soprattutto per chi vorrebbe crearsi una famiglia, o per chi l’ha creata, il vedere andare in frantumi il progetto di una vita. Dai 50 anni in poi, la caratteristica prevalente è il diverso vissuto tra donne e uomini, mentre per questi ultimi può esser definita una opportunità per sperimentarsi rispetto alla propria virilità, magari con donne più giovani, per le donne che si affacciano alla menopausa, diviene un ulteriore elemento di disagio, che incide sulla propria autostima.

Una volta accettata la separazione, poiché separarsi come abbiamo visto non è per niente semplice, per via delle numerose resistenze che mettiamo in atto, occorre adottare tutta una serie di strategie che ci permettano di colmare il vuoto lasciato dalla persona amata., se non lo colmiamo anche solo parzialmente, il ricordo e la mancanza dell’altro potrebbero rafforzarsi.

a) E’ fondamentale mantenere un buona cura di se stessi; questo si può fare curando l’alimentazione, mangiando delle cose che ci piacciono e se sappiamo farlo, cucinando, inoltre fare del movimento fisico, ci permette di scaricare la tensione accumulata e di mantenere una buona forma fisica. Fare delle cose buone per se, è un modo per coccolarsi, pertanto tutte le cose che hanno a che fare con la cura del corpo sono positive perché generano sensazioni di benessere.

b) E’ importante mantenere ordinato e pulito l’ambiente in cui si vive, buttare delle cose che non servono più e ricordano l’altro, questo ci permette di lasciare spazio al nuovo, ciò può dare una sensazione di novità e freschezza nella propria esistenza.

c) E’ positivo far entrare delle cose nuove nella propria vita, magari dedicarsi a un’attività che ci è sempre piaciuta e non abbiamo avuto possibilità di fare. Liberare le nostre passioni e far emergere la creatività contribuisce a migliorare notevolmente la nostra autostima.

d) Infine, è fondamentale evitare di frequentare e sentire la persona amata, se è possibile. Spesso per soffrire di meno, si tende a mantenere una relazione amicale con l’altro, ma questo alla lunga non permette una reale separazione e al contrario contribuisce a rimettere il coltello sulla piaga, occorre creare una chiusura più decisa, così da evitare ulteriori dolori. Per poter riprendere un rapporto amicale con l’altro, e non è detto che sia possibile, occorre del tempo e l’accettazione completa di quanto è successo.

Separarsi è difficile, ma non impossibile, occorre aver accettato e metabolizzato quanto successo per andare avanti, ma una volta superato questo scoglio ci si riaffaccerà alla vita ricordando con malinconia il dolore dell’amore passato. Chi non riuscisse a superare da solo questa fase, può chiedere aiuto a uno psicoterapeuta che lo accompagnerà e gli fornirà gli strumenti per superare questo difficile momento.

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Domande e risposte

Tradirsi a vicenda

Buongiorno, sono mamma di due bimbi di 8 e 1 anno, 3 anni fa dopo la morte di mio suocero mio marito ...

4 risposte
Uomo perfetto ma non lo amo

Buonasera a tutti, Sono una ragazza di 29 anni fidanzata da un anno e mezzo con un ragazzo stupendo ...

3 risposte
Abbandono dei miei due figli

Buonasera sono una donna di 42 anni, da due anni e mezzo separata e divorziata da mio marito, dopo ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.