Coppia e sesso

Articoli

Domande e risposte

Non posso esprimere liberamente la mia sessualità

Salve, sono una ragazza di 23 anni, studentessa in corsa per una seconda laurea, essendo io già laureata. Ho molte passioni, sane ed equilibrate, come lo sport e la musica. Le coltivo da anni anche grazie all'aiuto delle persone che mi ruotano attorno. Sono cresciuta in una scuola cattolica e ho sempre frequentato ambienti e persone sane e generose. Scrivo perché sono stata fidanzata 3 anni al liceo, in una relazione dove non abbiamo mai avuto un rapporto sessuale, per colpa di entrambi e per timore delle nostre rispettive famiglie. Ad oggi ho 23 anni e sono in una relazione, la seconda della mia vita, da quasi 2 mesi, anche se lo conosco da 4 mesi. Ho perso la verginità 1 mese fa e alla notizia ai miei non sembravano poi tanto scossi, mi hanno detto che sarebbe successo. Ieri notte ho passato la mia prima notte con lui. Prima di andare sono stata insultata dai miei e dalla mia intera famiglia. Al ritorno, sono stata aggredita fisicamente e verbalmente e cacciata di casa. Sono genitori all'antica, ma io sotto il profilo sessuale non ho mai dato problemi, essendo arrivata a 23 anni vergine e senza malizia, con dei valori e degli obiettivi ben chiari. Ho voglia di vivermi questa relazione, ma sento che per la mia famiglia non sono libera di stare con nessuno, o se dovessi starci, non dovrei concedermi fisicamente. Ho provato ad avere un dialogo con mio padre e la cosa è andata benino, ma con mamma e con gli altri non c'é alcun verso, inveiscono, alzano le mani e usano termini e parole per definirmi ciò che non sono. Cosa fare?

3 risposte
Ho vergogna dei miei impulsi sessuali

Buongiorno, Sono un uomo di 30 anni e la masturbazione mi ruba molte ore del giorno.Dall'età di circa 15 anni ho iniziato ad avere le prime eccitazioni sessuali e questo da subito mi ha fatto provare molta vergogna. Il fatto che un maschio sia così facilmente eccitabile per una spinta biologica o per stimoli esterni mi crea un forte senso di inferiorità soprattutto verso il genere femminile. In una prima fase della mia adolescenza ho provato a cercare solo incontri con ragazze che avessero forti impulsi sessuali per le quali il sesso fosse solo lo sfogo di un bisogno per non sentirmi inferiore o rifiutato. Attualmente invece questo senso di colpa mi porta alla situazione paradossale di masturbami molte volte (3/4) al giorno per essere poi meno sensibile agli stimoli sessuali e abbassare l'ansia. Sia i pensieri di vergogna che la masturbazione mi rubano molte ore al giorno. Mi rendo conto di avere un problema e vorrei comprenderlo meglio per cambiare. Secondo voi soffro di masturbazione compulsiva? Come posso superare questa situazione?

2 risposte
Non vengo durante i rapporti col mio ragazzo

Salve, io e il mio ragazzo abbiamo 20/21 anni e stiamo insieme da 1 anno, non riesco a venire con lui ed in più non riesco a "staccare la spina" durante i rapporti, ovvero a rilassarmi ma comincio ad avere mille pensieri. Non riesco a capire quale sia il problema. Io non amo il mio corpo quindi questo può essere un motivo o forse perché essendo giovani non abbiamo un posto "tranquillo" dove farlo. Questo problema non sorge solo con lui ma anche quando sono sola con la masturbazione, ci metto molto ma vengo però ho sempre mille pensieri e non sono mai tranquilla. Vorrei un parere da una persona esperta per riuscire a capire qual è il problema e come poterne rimediare. Grazie per il disturbo

2 risposte
Coppia in crisi

Conviviamo da 8 anni e stiamo cercando di superare una forte crisi della coppia...ho scoperto di essere tradita ...nel recuperare il nostro rapporto si è presenta la proposta da parte del compagno di vivere una esperienza insieme con un altra persona (uomo)per un rapporto sessuale a tre ...chiedo agli esperti se mi possono aiutare per capire le motivazioni della proposta del mio compagno ...il suo pensiero e per dimostrare l’amore che prova per me invece il mio pensiero e che si vorrebbe sentirsi più alleggerito con la coscienza nei miei confronti ...non nego che nei rapporti sessuali sono cambiate un po’ di cose ...premetto che abbiamo sempre avuto una complicità e un attività sessuale molto intensa ...nei ultimo periodo forse più del solito con delle richieste un po’ particolare ...chiedendomi di raccontare nei minimi dettagli i rapporti sessuali con i miei ex mentre che si ha il rapporto ...concentrandosi poco su di noi...mi sembra che l’eccitazione maggiora con i miei racconti ...ho la sensazione che sta attraversando un periodo dove un uomo dovrebbe viverlo da solo... anche se dopo 8 anni siamo perdutamente innamorati uno del altro ...non so se sarò in grado di superare questa fase della sua vita insieme...io ci metto tutta me stessa...però a volte mi sembra così difficile

4 risposte
Fidanzato violento

Salve, ho 46 anni separata con due figli, ho sofferto di depressione e ancora attualmente prendo le medicine datemi dal neurologo. Da due anni sto frequentando un uomo di 43 anni più giovane di me, io vivo con mia madre ed i miei figli, lui a casa dei suoi genitori. Da due anni che stiamo insieme ha lavorato come pasticciere solo 5 mesi, con la scusa del lockdown è da un anno che non lavora, ed io sopperisco comprandogli le sigarette metto la benzina, pago anche il caffè. Questa situazione per me è diventata molto pesante dato che io ho uno stipendio 2 figli un cane e arrivo a fine mese senza un soldo. Ho provato a dirgli che deve trovare un lavoro ma appena s intavola questo discorso diventa una belva. Non ho un auto ma utilizzo la sua che mi accompagna perché gelosissimo e si è fatto pagare l'assicurazione dell'auto. Fatto sta che l'assicurazione non l'ha ancora fatta ha inventato tante scuse che sta cercando una compagnia migliore, e ieri abbiamo avuto l'ennesima discussione. Perché gli ho rinfacciato che lui ogni mese mi costa 500 euro come minimo, si è infuriato mi ha chiamato in tutti i modi, e m ha detto che sono pazza attaccata ai soldi, mi ha tirato i capelli poi che sono una poco di buono, sentendo le sue offese mi sono ribellata e gli ho dato un morso sul braccio, lui con la mano sx m ha dato uno schiaffo fortissimo al volto ed ora ho tutto l'occhio viola con un dolore fortissimo. Gli ho detto che era finita tra noi per sempre ma lui m ha minacciato. Stamane m ha mandato un messaggio scritto che se il problema sono i soldi lui è disposto a vedermi anche una volta a settimana, io nn gli ho risposto. Chiedo un consiglio cosa devo fare, mi sento spaventata confusa. Grazie per la risposta.

2 risposte
I miei non accettano il mio ragazzo

Ciao a tutti, Io e il mio ragazzo siamo cresciuti insieme, circa 7 anni fa mi ha fatto stare tanto male e ci siamo completamente persi, io ho avuto un’altra relazione e lui pure. A distanza di 7 anni ci siamo ritrovati e ci stiamo rifrequentando, ma i miei genitori non lo accettano perché dicono che mi farà stare nuovamente male, che non ho dignità se torno con lui, mi abbattono psicologicamente tanto che io dico bugie pur di vederlo, ma loro mi scoprono e la situazione peggiora di giorno in giorno Che devo fare?

3 risposte
Proporre esperienza cuckold alla moglie soffrendo di eiaculazione precoce?

Buongiorno.Chiedo gentilmente un vostro aiuto, se possibile.Sono un 30enne sposato da qualche anno e da sempre soffro di eiaculazione precoce (nonostante le numerose visite andrologiche la mia durata è di circa 4/5 affondi una volta entrato). Ciò mi impedisce di soddisfare pienamente la mia compagna (ne discutiamo apertamente tra di noi senza problemi) e anche me stesso, dovendo sempre cercare di prolungare i miei tempi. Fino ad ora si è ovviato giocando con dei sex toy anche se a detta della mia compagna l'uso di "oggetti" non le permette di ottenere quel coinvolgimento che si ha durante una penetrazione "classica".Non so se come conseguenza di ciò, o magari è semplicemente una fantasia nata in maniera autonoma, da un po' di tempo ho sviluppato fantasie cuckold o comunque fantasie in cui oltre a me la mia compagna gioca con un altro uomo. Non mi piace il lato relativo alla sottomissione o umiliazione che spesso è associato al cuckoldismo ma mi eccita l'immaginare la mia compagna godere pienamente grazie all'aiuto di un altro uomo. Oltre a eccitarmi la fantasia in se nel vederla con un altro, questa situazione potrebbe permettere alla mia compagna un miglior appagamento sessuale e nel contempo mi permetterebbe di godere appieno il mio orgasmo senza dover cercare di trattenerlo per prolungare la mia durata. Secondo il vostro parere dovrei proporre alla mia compagna questa mia idea, in modo che, se anche lei fosse d'accordo, si potrebbe cercare una persona che possa giocare con noi? Sarebbe sbagliato provare almeno una volta l'esperienza per vedere le sensazioni e il piacere che può portare ad entrambi? Gradirei una vostra opinione in merito. Mi sarebbe di grande aiuto, grazie.

2 risposte
Il mio ragazzo mi ha tradito in passato? Va a trans?

Buonasera, sono una ragazza di 25 anni da quasi un anno sono insieme al mio ragazzo, inizialmente eravamo legatissimi, c'era un feeling indescrivibile, la vita sessuale andava bene, c era amore. Con il tempo, però, sono successe delle cose che hanno rovinato il rapporto. Purtroppo il suo lavoro causa covid è stato discriminato ma quest'estate lui è riuscito a fare la stagione. Lui spesso usciva da lavoro tardi ma poi veniva sempre a dormire da me, inizialmente non vedeva l ora, fin quando ha fatto amicizia e si prolungava a fare qualche birra con i colleghi e poi tornava a casa, una sera ho scoperto però che sul suo giubbetto c erano tracce di rossetto proprio sulla manica dx (a dx si siede il passeggero in auto), ho indagato a lungo e ho scoperto che era stato a casa di una collega (che tra l’altro aveva fatto già sesso con quasi tutto il genere maschile del lavoro) lui si è giustificato dicendo che il rossetto probabilmente era perché l aveva riaccompagnata a casa una volta e che a casa sua quella sera c era perché  aveva accompagnato un suo collega che voleva provarci con lei ed era imbranato. Io con molti dubbi l ho perdonato. Poco dopo ha perso il lavoro e mio padre lo ha accolto con sè per insegnargli il suo mestiere da zero. Lui è sempre frustrato perché non è ciò che vorrebbe fare, non guadagna abbastanza e dice che io non comprendo la sua situazione, ultimamente se va bene facciamo sesso 1/2 volte al mese e lui dice che è per tutta la situazione, che non è tranquillo e quando è sera e siamo insieme è stanco da tutta la giornata con mio padre; io gli faccio presente spesso che è una cosa che mi fa soffrire ma lui mi dice sempre che passerà appena tornerà a fare il suo lavoro . Nonostante tutto ho continuato ad indagare ed indagando nei mesi ho trovato una chiamata ricevuta da un trans, lui questa volta ha detto che non sapeva minimamente chi fosse, che non ricordava neanche di averci parlato. Indago ancora... in rubrica ha numeri di varie escort e transessuali. Lui dice di non saperne niente, che non sono suoi i numeri. Riflettendoci pochi giorni fa, quando tornò a casa (non è della mia stessa città ) con l’applicazione per vedere dove si trova l’iPhone notai che non stava dove in realtà mi aveva detto di essere, poco fa mi sono ricordata la via, la cerco su internet ed è una via famosissima per essere frequentata da prostitute. Lui nega, nega sempre ed io vorrei solo la verità, non chiedo altro... ma purtroppo resto qui con i miei dubbi anche se inconsciamente risolti... ditemi cosa dovrei fare vi prego, tutta la mia famiglia è legata a lui e mi vergogno di raccontare queste cose a loro o anche alle mie amiche, forse perché dentro di me so cos è la cosa giusta da fare ma non ci riesco .

1 risposta
Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.