Domande e risposte

leggi tutte le domande
Dubbi sul sesso

Salve , mi chiamo Diego e ho 26 anni. Questa estate ho voluto provare una lezione gratuita di jiu jitsu, dove per la prima volta in vita mia ho dovuto lottare contro una donna di 47 anni ( già esperta judoka) fisicamente molto forte! Dopo 15 minuti di sparring mi aveva già finalizzato 5/6 volte, e devo ammettere che non avevo mai provato così tanto imbarazzo, mai avrei pensato che una donna potesse essere così tanto forte! Ma nell’ultimo “combattimento “ avviene qualcosa di strano (a dir poco) mi prende da dietro immobilizzandomi e strangolandomi ( con le gambe intorno alla mia vita e le braccia intorno al collo); ed è proprio tra la difficoltà di muovermi e l’imminente svenimento per strangolamento che mi viene una forte erezione tanto da far sì che lei se ne accorgesse ! Il mio imbarazzo era alle stelle, non solo una donna mi aveva umiliato ma aveva anche scatenato questa reazione! Le sarò sempre grato perché con grande maturità fece finta di niente e in secondo momento mi disse sorridendo ...... se ti da piacere la dominazione forse dovresti rivolgerti ad una mistress no al jiu jitsu ! Mi spiazzó incredibilmente, perché sembrava che conoscesse “il problema “ma tempo dopo fino a oggi mi rivolsi a delle Mistress Amazzoni abili anche nella lotta .( il sito wb 270 potrebbe darvi un’idea ) Insomma ho scoperto che provo piacere nella dominazione, ma solo di fronte a donne apparentemente più forti, come artiste marziali o bodybuilder, perlomeno donne che in quanto a forza fisica o capacità di diverso genere siano realmente superiori ed imbattibili per me! (es. Anna M Strong, Barbara Carità, Ariel x o Madam Mysteria)E mi chiedo.....se sia più sano che questa perversione vada repressa o alimentata? Perché non riesco a farne a meno? Potrebbe aiutarmi un/una psicologa? E in quanto fidanzato sarebbe meglio parlarne con la mia partner? E in che modo si può spiegare una cosa del genere alla propria fidanzata? Grazie per l’ascolto. Mi servirebbe seriamente un parere

1 risposta
Perdita erezione

Buongiorno a tutti, sono un ragazzo di 26 anni, vado a raccontarvi il mio problema. Non soffro di nessun apparente disturbo fisico (anche perchè riesco tranquillamente ad avere l'erezione durante la masturbazione), tuttavia nel momento della penetrazione perdo l'erezione e mi è difficile farla ritornare anche dopo. Questo succedeva un paio di anni fa con la mia ex ragazza. Ad oggi ho provato ad avere alcune storie con alcune ragazze, soltanto per divertimento reciproco, tuttavia il problema persiste. Inoltre alcune volte non solo la perdo nel momento della penetrazione o quando metto il preservativo, ma anche prima. Il mio imbarazzo è al 1000% perchè le ragazze continuano a riprovare ma sempre con lo stesso risultato, e io non so più cosa fare. Grazie per la comprensione e per l'aiuto.

2 risposte
Ho avuto problemi di erezione

Buongiorno Poco tempo fa ho avuto un rapporto con una ragazza, la mia attuale ragazza, all'inizio tutto bene ma nel momento che metto il preservativo, era ritardante, ho perso l'erezione e da quel giorno, tranne che con lei, neanche con la masturbazione, ho problemi di erezione!! Quale puo essere il problema?

1 risposta
Ho 23 anni e non ho mai avuto rapporti

Sono Denise ho 23 anni e non ho mai avuto rapporti. Sono uscita con vai ragazzi in passato, ma non mi sono mai sentita di fare niente, neanche avere dei semplici preliminari (anche se volevo), ma sono sempre rimasta ferma. Forse per paura che all indomani sparivano e quindi sentirmi usata ( nonostante non sia successo niente, comunque hanno preso strade diverse)Forse anche il fatto che mia madre mi ha sempre detto di stare attenta, sul fatto di non fidarsi. Non so. Da circa un mese sto uscendo con questo ragazzo, è stato il primo a cui ho detto di non avere mai fatto niente. Dopo varie volte chi siamo visti, all'improvviso un giorno ha deciso di stroncare il tutto senza un motivo. Dopo varie settimane si è fatto sentire, spiegando il motivo del suo comportamento ecc. Ok il problema è che a me piace, ma quando ha provato a creare il preliminare non ho sentito niente, ma solo dolore. Ma Comunque l'eccitazione ci sta quando ci sto sopra, anche nell'immaginare un qualcosa con lui. Ma nel momento non ho sentito nulla e mi spiace in primis per me....perché non capisco dove sia il problema. Ho provato anche la masturbazione, da parecchio. Non vorrei che il problema stia li.

3 risposte
Blocco mentale

Buongiorno. Mi chiamo Aurora e da 3 anni vivo a Londra. Premettendo che tutte le volte in cui abbia avuto un rapporto sessuale non e' mai stato con qualcuno per cui provassi qualcosa (ergo, mai propriamente il mio ragazzo etc), da 10 giorni sono cambiate delle cose. 7 mesi fa io e il mio migliore amico abbiamo dovuto trovare un nuovo coinquilino; per 7 mesi non c'e' stato mai nulla, ma da 10 giorni a questa parte e' scattato qualcosa e siamo finiti per frequentarci. Problema: ovviamente vive con me, lo vedo tutti i giorni e sinceramente la cosa e' parecchio strana per me (visto che non ho mai avuto una propria relazione, questa vicinanza la vedo un po' estrema). Siamo praticamente passati da convivenza da amici a frequentarci....vivendo insieme. Non sarebbe un problema se riuscissimo ad avere un rapporto. Ci abbiamo provato diverse volte ma non riesce a farmi venire o perlomeno ad eccitarmi a tal punto da provare la penetrazione, la quale risulta o impossibile o dolorosa. Abbiamo provato anche con del lubrificante, ma niente, sono troppo asciutta e non riesce ad entrare. Non capisco se sia un problema psicologico o se sia dovuto al mio corpo o a lui che non sa come prendermi. Oggettivamente sta provando di tutto per far si di mettermi a mio agio e si preoccupa che io stia bene, ma mentalmente ho quest'ansia da rapporto che credo mi stia impedendo di godere la fisicità' del nostro rapporto. Dovrei allontanarlo? Provare a essere distanti per un po'? non dormire nello stesso letto per alcuni giorni? il fatto di vederlo in casa a tutte le ore e tutti i giorni mi risulta strano, ma mi manca allo stesso tempo...e vedo che lui adora stare con me ma non sa come gestire questo tipo di problema perche' per lui non ci sarebbe. Pensavo di andare fuori per un fine settimana, per vedere se vederlo fuori possa rendere le cose piu' naturali e sbloccarmi magari... Consigli su cosa fare?

2 risposte
Voglia irrefrenabile di andare a prostitute che non sfocia mai.

Premetto che sono felicemente sposato con mia moglie con cui abbiamo una sessualita' fantastica e molto disinibita in perenne e piacevole evoluzione e scoperta, tuttavia come ogni anno in corrispondenza dell'estate quando sia io che lei iniziamo ad essere estremamente occupati al lavoro. Soprattutto io svolgo un ruolo di dirigente di alto livello, il che mi porta a stare molte ore fuori casa anche quando mia moglie e' gia' a casa da molte ore a giocare con nostro figlio. Amo mia moglie alla follia, la nostra vita di coppia e' perfetta e stimolante, tuttavia in estate nei momenti di maggior stress e quando inevitabilmente le attivita' sessuali con mia moglie si diluiscono un po' mi scopro a vagare nei siti web dove si offrono prestazioni sessuali da parte di prostitute. Attenzione pero' : io non vorrei mai avere un rapporto con una prostituta, mi basterebbe che lei obbedisse alle mie richieste di farsi ammirare in varie posizioni mentre io accennerei a praticare su di lei del leggero sesso orale ( unico tabu' di mia moglie : non ama che le venga praticato il sesso orale ) fino a che eiaculerei sul suo corpo. Mi scopro a cercare prostitute in citta' poco lontane dalla mia di modo che il "fattaccio" rimanga " altrove" e la fantasia galoppa,galoppa e galoppa. Ho appena appreso che a luglio fara' un tour una giovane e bellissima escort che viene ogni anno dalle mie parti,ebbene quest'inverno non ho fatto altro che pensare a questo eventuale incontro,tuttavia mi rendo conto che una volta spento il computer oppure soprattutto dopo aver sfogato la pulsione con la masturbazione davanti alle foto delle parti intime della prostituta ( o foto ad esse simili cercate sul web ) la pulsione passa. Premetto che sono andato SOLO una volta in vita mia con una prostituta e non ho assolutamente un bel ricordo, non ero ancora sposato e ritrovarmi nudo davanti ad una persona il cui unico compito era quello di provocarmi una mera eiaculazione non mi ha fatto sentire in colpa,ma mi ha dato comunque un senso di squallore. Ricordo pero' la leggerezza mentale e di sollievo dopo che il rapporto si concluse....io che correvo in macchina nella notte,un fresco odore di pioggia e la sensazione di aver scaricato un peso. Tuttavia non ero sposato,pertanto sto immaginando come potrei sentirmi dopo un simile incontro, sempre che ne abbia il coraggio di farlo. Parliamoci chiaro : una prostituta e' poco piu' che una masturbazione ben fatta...e con questa mia pratica porterei ad un altro livello questa masturbazione...ma e' impensabile per me tradire mia moglie,figuriamoci se lo facessi con una prostituta. Eppure con questo tipo di rapporto forse mi sento piu' "perdonato" e autorizzato. Troppo comodo?

2 risposte
Parafilie

Buongiorno sono un uomo di 38 anni molto fidanzato da 14 anni con la donna della mia vita che amo Sono gay, o almeno penso di esserlo perché sono attratto fisicamente dagli uomini e non dalle donne anche se non mi sono mai innamorato di loro L'unica persona della mia vita di cui mi sono innamorato è la mia donna, con la quale faccio l'amore regolarmente e senza problemi provando molto piacere e lasciandomi andare senza pensare a nulla. La mia ragazza sa come vedo gli uomini e mi accetta x quello che sono perché mi ama. Mi sono negli anni accorto oltre a questa attuazione fisica per gli uomini di provare eccitazione anche nel vedere uomini che vomitano "guardando in internet perché poi se succede dal vivo il più delle volte scappo distante" o nel veder defecare. Allo stesso tempo provo molta eccitazione nel defecare all'aperto ad esempio nei boschi. Un'altra cosa che mi eccita è vedere gli uomini starnutire Mi vergogno a dire queste cose ma ho bisogno di un vostro parere Alla mia ragazza di queste mie parafilie non ho mai detto nulla o almeno nn ho mai fatto percepire molto. Per esempio lei sa che se andiamo a fare una camminata in bosco mi stimolo e sopratutto di mattina vado di corpo ma non sa che questo dentro di me scatena eccitazione in quanto mi fa sentire più virile Premetto che da un mese non ho più guardato nulla del genere in internet (vomito, cacca) e che in ogni caso riesco benissimo a fare l'amore e a raggiungere l'erezione e l'orgasmo senza dover pensare a queste cose È solo il senso di colpa che resta dentro di me perché lei non lo sa. Sono riuscito a dire che mi piacciono fisicamente gli uomini ma non so come affrontare questa cosa che mi crea ancora più disagio nel dirglielo So di non essere normale purtroppo, pagherei non so quanto per non soffrire di questi problemi e non ho nemmeno idea di cosa possa aver fatto scatenare la mia mente verso questo tipo di perversioni Grazie mille x l'aiuto e scusate per il discorso non dei migliori

1 risposta
Come accettare di avere un marito cuckold ?

Buongiorno a tutti... Chiedo gentilmente un aiuto... Mio marito è un cuckold... si eccita soltanto immaginandomi con altri uomini..sono circa tre anni che cerca di convincermi nel condividere questo aspetto della sua sessualità e quindi insieme ci siamo messi a cercare un bull... non sono mai stata convinta di questa cosa, ma volevo farlo felice . Abbiamo iniziato a cercare sui siti dedicati e quindi chattare con uomini sconosciuti ... Devo ammettere che sono una donna calda e passionale, mi piace il sesso e quindi l’intrigo mentale di questo gioco, sapere che gli altri uomini mi desiderano piace moltissimo anche a me.. insomma, anch’io sono perversa.. ho parecchie fantasie sessuali, ma metterle in pratica non mi interessa. Ma non è questo il problema... Il problema è che vorrei farlo felice perché ne sono innamorata, ma nello stesso tempo questa sua trasgressione, mi infastidisce ... Vorrei provarla subito per vedere se poi alla fine piace anche a me, ma se invece non mi piacesse, la paura è di rinfacciarglielo per tutta la vita.

2 risposte
Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.