Disturbi dell'eccitazione sessuale

Donne “guerriere” o uomini “prigionieri”?

08 Luglio 2019

contattami

Condividi su:

“Non trova che le donne di oggi siano troppo indipendenti, troppo disinibite, pretenziose ma soprattutto esageratamente aggressive nei confronti del’uomo? Nicolo’”
DONNE “GUERRIERE” o UOMINI “PRIGIONIERI”?

Le donne sono cambiate, sono piu’ indipendenti, forti e sicure di loro stesse ed oltre a rivendicare giustamente i loro diritti, hanno purtroppo assimilato anche i difetti degli uomini come ad esempio: l’aggressività., attitudine al comando, il sesso fine a se stesso. Questo cambiamento negli atteggiamenti e nei comportamenti femminili ha creato tensioni e difficoltà nel rapporti fra uomini e donne, tuttavia ritengo che questi cambi di ruolo non dipendano tanto dalla aggressività femminile (che è effettivamente reale), quanto dalla difficoltà che gli uomini hanno con loro stessi e nel ritrovare la loro vera identità. E’ vero che le donne vogliono essere sempre di più al centro dell’attenzione, che vogliono giustamente essere padrone della loro vita; ma questa loro autodeterminazione e la rivendicazione dell’orgasmo non fanno altro che mettere l’uomo in un perenne stato di ansia, che degenera nell’ansia da prestazione molto diffusa anche fra i giovani.Grazie all’evoluzione delle donne, ora è possibile un rapporto alla pari , ma molti uomini non sono preparati e fuggono invece di cogliere l’opportunità di una crescita data da un dialogo paritetico.

Se da un lato la scoperta dell’orgasmo e la pretesa del piacere ha creato nell’animo femminile la consapevolezza di una identità, dall’altro ha relegato l’identità maschile a quella di uno “strumento” per il piacere e il divertimento della donna.
Infatti anche nella sfera sessuale le donne vengono rimproverate per mancanza di tenerezza ed eccessive pretese, che causano insicurezza all’uomo: il maschio si sente minacciato nella sua virilità dalla donna che prende sempre più spesso l’iniziativa. Si stà sempre più diffondendo la nuova icona femminile che non è più la “donna fatale”, ma la “donna giaguaro”, una predatrice che non chiede, non attende ma afferra ciò che vuole, mentre l’uomo rimane basito ed interdetto di fronte a questo “guerriero” che vince sempre senza lasciare superstiti.

Le donne con la loro aggressività hanno spogliato l’uomo del suo ruolo, dell’armatura culturale che da secoli aveva indossato ed ora è nudo ed impaurito. Il declino del maschio non è provocato direttamente dall’ascesa delle donne, bensì è dovuto alla rivelazione delle mille incapacità e insicurezze che ha celato per millenni dentro la sua armatura. Ecco perché una volta l’uomo era triste dopo il coito, adesso lo é anche prima e soprattutto durante….. la paura del giudizio e della defaillance rende l’uomo sempre più remissivo e prigioniero non delle donne guerriere , ma delle proprie paure. La soluzione è una nuova educazione sentimentale, non avere paura di un vero rapporto alla pari e le donne non devono ostentare atteggiamenti da uomo.. gli uomini non dovrebbero fare i metrosexual ( alias omuncoli griffati più attenti all’antirughe che all’antigelo dell’auto)… ma ritornare a recitare il gioco delle parti, senza più dominio di un sesso sull’altro.



Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi dell'eccitazione sessuale"?

Domande e risposte

Sento di essere cattivo, ho paura di essere una persona che sfrutta gli altri, non so voler bene

Salve, sono un ragazzo di 23 anni con un passato turbolento..i miei genitori si sono separati quando ...

1 risposta
Come migliorare la libido?

Salve. Ho 35 anni e mamma d 2 figli..ho sempre avuto poca voglia di rapporti sessuali e ho il ciclo ...

3 risposte
Non riesco a portare a termine il rapporto con la mia compagna

Ciao a tutti.... da qualche mese ho un problema .. Nn riesco più a completare il rapporto ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.