Parafilie

Parafilie

Parafilie Parafilie o perversioni sessuali: comportamenti sessual devianti che implicano l'uso della violenza psicologica e fisica (pedofilia, sadismo e masochismo) o riferiscono l'attrazione ...

19 Dicembre 2011

Domande e risposte

leggi tutte le domande
Preoccupazione per la mia sessualità

Sono un ragazzo di 24 anni, sto pensando di entrare in seminario, per via di una vocazione su cui sto facendo discernimento con un sacerdote.. il problema è che mi piacerebbe avere rapporti anche con l'altro sesso dato che non li ho mai avuti. E magari capire meglio la mia sessualità, dato che ho "complessi di sottomissione" e anche feticismi per i piedi femminili. Quindi vorrei capire come comportarmi. Capite la mia difficoltà a parlare di questo, dato che non posso parlarne con nessuno per svariati motivi. Perdonate la mia schiettezza. Vi ringrazio in attesa di risposte.

2 risposte
Sesso con moglie

Buongiorno, sono sentimentalmente legato a mia moglie da ben 21 anni, di cui 9 di fidanzamento e 12 di matrimonio. Il sesso tra noi non è mai stato totalmente appagante per lo scrivente, frutto, verosimilmente, di un diverso approccio alla pratica sessuale. Io penso al sesso come espressione di libertà del corpo, dove le persone possono praticare qualsiasi esperienza purchè condivisa; mia moglie, invece, ha una visiona basica e bigotta: il sesso si fa solo in certe posizioni (due per inciso), senza alcuna altra pratica (niente ammiccamenti, pratiche sensuali, fellatio, rapporti anali, ecc.) ed al massimo un paio di volte al mese. Ho cercato in ogni modo di "accenderla" attraverso "esibizioni sexy" del sottoscritto ovvero creando situazioni eccitanti, ma non vi è stato nulla da fare. Ne abbiamo parlato in tantissime occasioni, ma al di là di futili ammissioni dell'esistenza di un problema, lei non ha mai fatto nulla per risolverlo. Non le ho mai messo pressione e le ho dato tutto il tempo per maturare un cambiamento, dichiarandomi anch'io propenso ad essere meno "voglioso"; l'ho più volte sollecitata a rivolgersi ad uno specialista, ma ogni tentativo è naufragato per la completa assenza di volontà da parte di mia moglie. Nonostante i duri colpi subiti, il mio desiderio sessuale non si è completamente sopito, ma sta iniziando seriamente a dirigersi verso altre donne. Non ho mai tradito mia moglie perché sposandola ho scelto la monogamia, ma oggi sto rimettendo tutto in discussione. D'altro canto, però non voglio mettere fine al nostro rapporto, poiché abbiamo tre figli e, ad eccezione del sesso, siamo molto uniti. Cosa posso fare?

5 risposte
Indossare abiti femminili.

Buongiorno da circa 6 anni ho un forte desiderio di indossare abiti femminili, scarpe con tacco alto minigonne, vestitini corti, e non solo, oltre tutto l'intimo femminile, vorrei precisare che amo le donne mi piacciono, ma vi sono dei momenti che penso ad un uomo, ma non riesco ad avvicinarmi. Ma non sono riuscito a trovare una donna per poter esporre questo problema, frequento una donna da molto tempo ma non ho il coraggio di parlarne, un giorno ho apprezzato la sua gonna corta, mi sono sentito dire: ANCHE A TE PIACCIONO LE GONNE CORTE TI PIACEREBBE INDOSSARLA? no grazie questa è stata la mia risposta. Attendo una sua cordiali saluti.

2 risposte
Problema con l'orgasmo femminile

Salve. Sono una ragazza di 21 anni, ho una vita sessuale di coppia abbastanza attiva da quando ne avevo circa 18. Il mio problema è che nella mia vita non sono MAI riuscita a raggiungere l'apice del piacere (ne mediante rapporti con il partner, ne attraverso autoerotismo). Provo piacere, a volte più intenso altre meno, ma a un certo punto del rapporto (o masturbazione che sia) ho un "blocco". Improvvisamente sento che devo assolutamente smettere di fare ciò che sto facendo, e se continuo a toccarmi/lasciarmi toccare provo una sensazione di forte disagio. In alcuni casi credo di esserci andata vicino, ho provato sensazioni più forti rispetto al solito, ma sono sicura di non aver mai provato un orgasmo vero e proprio. La situazione sta diventando molto stressante, perché col tempo sto iniziando a perdere interesse/stimolo nella masturbazione e quando ho un rapporto sessuale molto spesso mi sento più frustrata per la situazione, piuttosto che "appagata". Il mio partner è perfettamente al corrente di ciò, è comprensivo nei miei confronti, mi ascolta, rispetta, ascolta ciò che mi piace/non mi piace e si ferma quando lo blocco. Non ho davvero idea di quale possa essere il motivo di ciò e di come superarlo, ho provato davvero di tutto. Purtroppo non ho la disponibilità economica per iniziare un vero e proprio percorso e non so se solo un paio di incontri con un esperto potrebbero effettivamente essere utilo. Vorrei almeno provare ad avere qualche opinione/consiglio su cui poter iniziare a lavorare.

1 risposta
Sono maschio ma mi sento femmina

Salve, sono Aurora, Eugenio da maschio, da quando ero piccola indossavo i vestiti di mia madre. L'ho fatto sempre e mi piace vestirmi da donna, una volta ho visto una trans e mi sono tornate in mente quelle scene dove mi vestivo e mi sono fatta una domanda, ma è possibile che io sia femmina dentro e quindi che potrei essere trans? Io dall'idea di esserlo mi sento felicissima non so il perchè, può essere che lo sono veramente? Cosa dovrei fare?

3 risposte
Problema erezione

Buongiorno a tutti, Premetto che non pensavo mai di ritrovarmi a scrivere di un mio problema che mi affligge mentalmente in alcune giornate e momenti sia quando sono da solo e sia quando sono con la mia ragazza. Racconto la mia storia con annesso problema di erezione. Con la mia ragazza siamo fidanzati da circa 7 mesi, premetto la mia prima storia seria dove ho provato e provo delle sensazioni uniche sia a livello mentale che fisico. Dopo 3 mesi dal fidanzamento l'abbiano fatto per la prima volta, All'inizio avevamo provato a farlo ma non con grandi risultati, appena mettevo il preservativo l'erezione veniva a mancare, ma li premetto che il preservativo era stretto e quindi mi faceva male e di conseguenza l'erezione veniva a mancare per il dolore. Premetto che nella mia vita l'ho fatto pochissime volte con pochissime ragazze, e anche li alcune volte andava bene e altre no... Ritornando al mio problema, dopo la prima volta abbiamo provato a farlo altre volte dove alcune volte andava bene e altre no. Da luglio a settembre tutte le volte in cui l'abbiamo fatto è andata sempre bene, anzi benissimo direi Ora da una settimana che durante u preliminari sono super eccitato e quando arriva il momento della penetrazione l'erezione muore. Premetto che ci sono stati tanti litigi nelle ultime settimane, e per di più le ultime due volte che ci abbiamo provato a farlo veniva a mancare l'erezione durante la penetrazione perché mi veniva da pensare a quelle volte in cui è andata male e quindi la mia testa dava per scontato che doveva andare male anche questa volta, così anche ieri sera. Io sono convinto sia questo e non altro il motivo della mancata erezione prima della penetrazione. Lei però pensa che sia il fatto che non sono attratto fisicamente da lei. Ma ora mi chiedo, se sia andata bene da luglio a settembre, perché ora non dovrebbe più andare? Sarà che non ho tantissima esperienza sessuale o perché è la prima volta che provo delle sensazioni uniche. Grazie mille per la comprensione

3 risposte
Problema di disfunzione erettile con conseguente ansia e pensieri negativi

Buongiorno Vi scrivo in merito a una disfunzione erettile avuta circa un mese fa, che mi ha ultimamente un po’ cambiato la vita. Sono fidanzato da 8 anni e sono sempre stato bene con la mia ragazza, fino a che all’improvviso è capitata questa disfunzione (prima nella mia vita) che mi sta dando fastidio a livello emotivo. Da quel giorno ho sempre avuto ansia da prestazione, nei successivi rapporti sessuali non avevo il pene troppo in erezione, e quando lo era avevo paura potesse ricapitare la disfunzione e quindi con la conseguenza di eiaculazione precoce. Inoltre dopo quell’episodio non sono più lo stesso. Ho paura di essere lasciato dalla donna che amo, mi sono iniziati a venire mille dubbi che magari non la consideravo abbastanza o che abbia sbagliato qualcosa, ho paura a non vivere più quello che vivevo prima, e stavo da dio in generale sia con la mia fidanzata che con gli amici, ora sono triste e sempre ansioso, dormo molto poco la notte e Non ho più voglia di fare quello che facevo prima, e mi faccio altre mille paranoie. Si può attenuare questa situazione? Voglio tornare il prima possibile la persona che ero circa un mese fa! Grazie dell’attenzione

4 risposte
Assenza di desiderio

Buongiorno so che la tematica è già stata trattata ma dire che sono disperata è poco. Ho 44 anni il mio compagno non convivente 41. Lavoriamo assieme. E' una persona molto difficile dal carattere particolare, intelligente, molto laborioso. Il problema è che non ha alcun tipo di manifestazione d'affetto, ne sessuale da dicembre 2018 e ritiene cio del tutto normale, ho cercato di parlargliene, ma nega la cosa, vi son state parecchie discussioni ma solo di recente ho messo nero su bianco la questione dicendogli che il problema è enorme, che vi è bisogno di u intervento medico per capire. Ovviamente mi ha voltato le spalle. Per anni questo ragazzo ha fatto uso di cocaina e canne, e non so se questa insana abitudine sia una causa o concausa. E' spesso folle, aggressivo, cattivo in modo esagerato. Io non sono una donna-vittima, ma ho la brutta o buona abitudine di dire la mia e questo lo irrita, ma a parte il grande bene vorrei che facesse pace con se stesso perché a tratti odia tutto e tutti, poi si erge su un piedistallo. L'anno scorso mi sono rivolta ad una terapeuta ma chiaramente mi ha detto che la terapia dovrebbe essere per lui principalmente. Spero in un consiglio. Grazie

2 risposte
Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.