Problemi di coppia

Il decalogo delle "5 A" che ogni coppia dovrebbe rispettare

27 Gennaio 2020

contattami

Condividi su:

L’atto comune di costruzione di una relazione sana, positiva e funzionale è una competenza che si deve conoscere e apprendere, al pari di come si impara anche a guidare un’automobile, utilizzare uno smartphone o un PC e imparare qualsiasi nuova attività. Nell’esemplificare cosa si può attivamente fare, dunque, per poter imparare a edificare e mantenere una relazione appagante per entrambi i partner ho stilato un decalogo avente la peculiarità di risultare molto facile da tenere a mente, poiché costituito dalla prima vocale e lettera dell’alfabeto ripetuta cinque volte: cinque volte A. Ogni A rappresenta proprio un’attività che ciascun componente della coppia dovrebbe scegliere di compiere, con costanza e buona volontà, al fine di migliorare attivamente la vita sentimentale propria e del partner, e portare allo scoperto tutto ciò che di magnifico può esserci all’interno di una relazione. Più nel dettaglio le “5 A” sarebbero:

  •  AMARE
  • ASCOLTARE
  • AIUTARE o ASSISTERE
  • AMMIRARE o APPREZZARE
  • ASPETTARE o ATTENDERE reciprocamente il proprio partner.

Amare è molto probabilmente il primo concetto che affiora alla mente allorchè si pensa a una relazione di qualità, ed effettivamente l’amore è un sentimento importantissimo all’interno della coppia. Io stesso ho scritto anche un libro di poesie d’amore e ogni giorno di più mi rendo conto di quanto una relazione possa essere vuota se non contempla l’amore. Però ci sono molti generi diversi di amore, che variano a seconda della persona, della fase di vita, dei valori, dell’educazione ricevuta eccetera. Ecco perchè ognuno di noi può amare a suo modo, un modo diverso dall’altro, e che può pure evolversi nel corso del tempo. Ciò spiega perchè, ad esempio, l’amore che inizialmente affiora tra due persone e che porta all’inizio di una relazione sentimentale è assai diverso da quello che intercorre tra chi ha passato anni ed anni insieme. Ma non importa: l’importante è amare e cercare di amare con tutto se stesso. Dopotutto si va incontro a una relazione di pura e semplice convenienza se si sceglie di stare insieme a una persona che non si è mai amata (scrivo “che non si è mai amata” perchè capisco che è molto difficile amare il partner ogni giorno che si passa insieme e infatti la maggior parte delle persone non ne è capace; ma se si sta con un essere umano per cui proprio non abbiamo mai provato amore, allora il discorso cambia).

Ascoltare è altresì assai importante perchè − se è vero che al giorno d’oggi si parla molto e molto animatamente − si tende però a non assegnare la stessa rilevanza all’ascolto. Va bene esporre i propri pensieri, desideri e le proprie perplessità, esternandoli al partner, ma se poi non si ascolta ciò non serve a nulla: la comunicazione è una ricchezza all’interno del rapporto solamente allorchè preveda che vi sia anche un ascolto attivo e reciproco. Ascoltare empaticamente è il segreto per poter ottimizzare la comunicazione nella coppia ed evitare dunque malintesi e situazioni ambigue. E se si pensa che la maggior parte delle liti e dei conflitti in una relazione avviene proprio perchè la comunicazione non è appropriata − in quanto tutti parlano ma solo in pochi ascoltano − allora si può capire ancora meglio quanto la capacità di ascolto sia una componente essenziale di una relazione coi fiocchi.

Aiutare o assistere è un po’ la controparte più pragmatica dell’amare, ma si sa: stare in coppia serve anche affinchè sia possibile espletare delle finalità pratiche, che ogni giorno la vita quotidiana freddamente pone dinanzi a noi. Aiutare dunque la persona che amiamo − sia nella risoluzione dei piccoli, inevitabili, problemi di tutti i giorni, sia in situazioni più eccezionali e gravose − è l’unica via percorribile che offre la possibilità di superare tutti quegli ostacoli che la vita ha in serbo per noi: difficoltà tuttavia superabili con una persona capace e fattiva al nostro fianco decisa a tenderci una mano amica che ci accompagni nel difficile cammino della vita. Un cammino a cui nessuno di noi può sottrarci.

Ammirare o apprezzare lui o lei è la quarta colonna portante di una relazione matura e desiderabile: infatti, se non si tiene in considerazione il proprio partner, se non lo si vede come una persona capace − che date le sue risorse, conoscenze e competenze riesce a farci stare bene − allora non sarebbe possibile immaginare di passarci effettivamente una vita accanto. E cosa ancora più importante, è necessario ammirare/apprezzare il partner per quello che è veramente, non per come appare o per come vorremmo che fosse. D’altra parte ognuno di noi possiede delle conoscenze e competenze che ha acquisito tramite l’istruzione, il lavoro, dei corsi vari o anche semplicemente in maniera autonoma, ed è auspicabile che vengano messe al servizio della coppia, della famiglia e − (anche) per tale ragione − diventino motivo di ammirazione e apprezzamento.

Aspettare o attendere l’uomo o la donna della propria vita costituisce nondimeno un aspetto essenziale della relazione, poichè ogni persona al mondo ha i suoi tempi e le sue esigenze e quindi − se per qualsiasi motivo non riusciamo a stare al passo con i tempi e le esigenze del partner − occorre fermarsi a riflettere sulla possibilità o meno di rompere la relazione: se però si arriva alla conclusione di non volerla troncare, allora è necessario armarsi di santa pazienza e aspettare la persona che amiamo. Sì, perchè l’amore necessita anche di tempo. Ed è lo stesso tempo che dobbiamo impiegare per conoscere (bene) il nostro partner. Aspettare il partner non è solo un dovere da porre in atto all’interno della relazione (allorchè diventi necessario) bensì serve attuarlo anche molto prima che la relazione vera e propria abbia inizio: attendere dunque il proprio partner, non accontentarsi del primo o della prima che capita, saper scegliere e imparare (anche) a dire di no quando necessario. Non dobbiamo infatti dimenticarci che una relazione, in realtà, inizia ben prima di quando due persone sono insieme: comincia infatti dal momento in cui si è seriamente in cerca della nostra dolce metà. Un essere mortale che quotidianamente ci riempia il cuore facendolo battere di gioia. Una persona con la quale, attuando con impegno e serietà questo decalogo delle “5 A”, si potranno vivere i momenti migliori che la vita ci potrà regalare. Giorno dopo giorno, mano nella mano.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Domande e risposte

Cosa fare per stare bene

Buonasera sono un uomo di 49 anni sposato da 24 anni vi scrivo per capire. Ho profondamente deluso ...

1 risposta
Cosa devo fare se mio marito non vuole più avere rapporti?

Salve, sono sposata da 18 anni ho sempre capito che mio marito aveva qualcosa che non andava in ...

2 risposte
Marito ipercritico

Buongiorno, Sono una donna di 39 anni, sposata da 12 anni. Mio marito mi critica in continuo per ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.