Problemi di coppia

Non è tutto oro quello che luccica: mogli “schiave“ dei propri mariti

08 Aprile 2014

contattami

Condividi su:

Il triste caso di una donna che viene messa alla porta da suo marito perchè ormai stanco di lei, che negli ultimi anni ha vissuto praticamente segregata in casa a fare da schiava a quest'uomo, mi ha lasciata profondamente perplessa.

Possibile che questa donna non si fosse accorta, già all'inizio della loro storia, che quest'uomo, dietro l'apparenza di gentiluomo, nascondeva il volto di un “marito padrone”? Certo che no!

All'inizio di una storia, per conquistare l'altro, mettiamo in mostra solo il meglio di noi stessi, facendo meticolosa attenzione a non commettere errori. Diventiamo abili venditori di noi stessi, esponendo sul banco del mercato il prodotto migliore perchè qualcuno venga a comprarlo.

Così facendo, mentiamo a noi stessi e soprattutto a chi, ammaliato da tanta perfezione, si è fidato di portare a termine l'”affare”!

E' naturale voler mostrare il meglio di sé ma ad una condizione: che restiamo comunque e sempre noi stessi, senza fingere o indossare maschere che non ci appartengono fino in fondo.

Lo dobbiamo a noi stessi ma soprattutto alla persona che ha deciso di condividere la sua vita con noi. Su che basi, altrimenti, potremmo costruire un saldo futuro insieme?

Va da sé, poi, che la persona innamorata accetti pregi e difetti del suo partner, altrimenti non sarebbe vero amore. Ma fino a che punto?

Un uomo che tratta sua moglie, o la sua compagna, come una schiava, che la priva di ogni libertà, e che l'annulla come donna togliendole perfino l'identità, può essere un uomo da amare?

Per alcune donne sì: pare che questi uomini siano così capaci di abbindolarle, di far credere loro che è giusto che sia così, che funziona così, che queste donne si lasciano letteralmente fare e privare della loro vita per assecondare i bisogni del partner. E infatti, di bisogni trattati e non di amore!

Per questi uomini la donna si riduce a semplice oggetto di possesso (“tu sei mia e fai quello che voglio!”), un oggetto che viene addestrato piano piano a soddisfare ogni loro necessità, fino a che non si stancano, le lasciano crudelmente e vanno a caccia della prossima vittima da conquistare.

E queste donne sono donne fragili, deboli, che non essendosi create una loro salda identità, sono felici di “servire” a qualcuno così da sentirsi illusoriamente utili, traendo da questo grande soddisfazione, almeno fino a che il gioco delle parti non viene bruscamente interrotto.

Hanno pensato di comprare oro e all'inizio pareva esserlo davvero: brillava così tanto!

Quella donna riportava: “Sì, è vero, è capitato che mi picchiasse ma io effettivamente non avevo fatto bene il mio dovere...poi lui veniva da me piangendo e, supplicandomi di perdonarlo, mi ripeteva quanto mi ama!”. E così il gioco è fatto: la fa sentire in colpa per un errore che non ha commesso non mancando di ricordarle quanto brilla l'oro che ha comprato, illudendola che è oro vero quando invece....

Commenta questa pubblicazione

Iscriviti o accedi per lasciare un commento

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Domande e risposte

Come riavere fiducia in mia moglie?

Salve dottori, avrei bisogno di capire il perché mia moglie abbia nei miei confronti un compo ...

2 risposte
Mi sento delusa perchè sono stata lasciata senza ragione

Buongiorno, mi chiamo Francesca ho 35 anni, questo ragazzo che volevo molto bene ed ero affezionata ...

2 risposte
Rifiuto della relazione

Salve a tutti, da qualche giorno la relazione con la mia ragazza è terminata, purtroppo, non ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.