Tradimento e sensi di colpa

Carla

Salve,
Ho tradito l’uomo che amo e ho amato di più a questo mondo. Non ero in me, ho passato una serata fuori con gli amici, avevamo bevuto e fatto uso di sostanze, e io non ricordo più nulla, se non il fatto che non fossi più padrona di me stessa. Non voglio giustificarmi ovviamente. L’ho tradito. Ho tradito la sua fiducia. E soprattutto mi sono abbassata a dei livelli così infimi e squallidi che vorrei solo morire per non pensare a quello che ho fatto. Ho rovinato tutto probabilmente, ma la cosa che mi annienta di più è il fatto di avergli fatto del male, di aver fatto del male a una persona che mi adora, che si fida di me e che mi da tutto. E adesso dentro di me ho solo un senso di morte e la voglia di scappare e sparire per sempre. Forse è questa il fio da pagare per quello che ho fatto: sopravvivere con i sensi di colpa, con la morte nel cuore e rinunciare a lui, per dargli la possibilità di avere davvero quello che merita, cioè una donna speciale come lui.

4 risposte degli esperti per questa domanda

Non lo comunichi al suo compagno e si faccia subito aiutare da qualche terapeuta in zona

Cara Carla,

il problema principale non è il tradimento nei confronti del tuo uomo, ma quello verso te stessa, per questo non riesci a perdonarti.

Hai volutamente perso il controllo facendo uso di sostanze e alcol....

È chiaro che poi si commettono errori... lui non sa e non soffre, ma tu devi rimediare cercando di mantenere un buon equilibrio.

Impara a dire di no, a fare le tue scelte...rafforza la tua identità e vedrai starai meglio!

Auguri di cuore

 

Buon giorno Carla,

il senso di colpa che ora lei sta provando è collegato al suo pentimento e dispiacere per quello che è successo. Forse facendo un passo in dietro potrebbe capire se quella serata di eccessi è stato un segnale che in qualche modo nella sua coppia stava succedendo qualcosa che meritava e merita attenzione.

Per cui la invito a partire proprio da se stessa, capendo il perchè di quella notte di eccessi, per ritornare ad affacciarsi alla sua coppia e lavorare per ricortruire la fiducia ora affievolita.

Se vorrà sono a disposizione per un primo colloquio.

 

Carissima Carla,

comprendo la tua delusione rivolta verso te stessa, comprendo non sia facile perdonarti di ciò che hai fatto. Il mio consiglio è di assumerti la responsabilità del tuo errore, evitando altre situazioni in cui potresti tradire. L'esperienza che hai fatto ti sta dicendo che tendenzialmente non ami tradire e ora che tu hai fatto  hai fatto esperienza di ciò  la tua coscienza ti sta rimproverando qualcosa, invitandoti a non sbagliare nuovamente. Rispetto al dirlo o non dirlo al tuo uomo questa è una tua decisione. Nel caso in cui lo fai è necessario esporre le tue richieste di scuse. In una coppia è bello non avere segreti, per cui la verità condivisa fa crescere la coppia ( se la coppia è matura e sa perdonare); con i segreti crescono i muri ed è difficile vivere l'intimità. Ti auguro di perdonarti e di poter continuare il tuo rapporto di coppia serenamente.

Cordiali saluti