Problemi di coppia

Come smettere di soffrire

Silvia

Condividi su:

Buongiorno
Il mese scorso vi ho scritto perché sono in crisi con il mio compagno o meglio perché lui non mi desiderava più, ebbene sono riuscita a farlo confessare.
Mi ha detto di aver voluto cercare le emozioni che non provava più con me fuori e così ha conosciuto una ragazza di qualche anno più giovane, con una figlia e l’ha frequentata per 6 mesi, i sei mesi più brutti della mia vita, dove io mi consumavo di dubbi e dolore e domande, alle quali lui dava sempre la solita risposta:” sono solo stanco”.
Quindi l’ho lasciato e a quel punto lui piangendo mi ha pregato di perdonarlo, perché mi amava ed ero la donna della sua vita!!!!

Cavolate, perché ho scoperto che si sentiva ancora con lei e la sua giustificazione è stata solo ti amo, ma sto bene anche con lei.
Cavoli che trauma violento!

Da allora tutto si è bloccato, tranne il mio odio è la mia voglia di vendetta.
Poteva scegliere molte altre strade e non il tradimento e soprattutto l’inganno per mesi!!!

Ora lui fa la vittima, perché avendolo mandato via, si sta pagando l’albergo e perché, purtroppo, ho rovinato due suoi vestiti (tutti miei regali) cosa di cui non vado fiera, ma che per almeno 10 minuti mi ha fatto sentire bene.
Ora sono distrutta, mi manca il lui di prima, non questo essere infame e non riesco a smettere di pensarci e sono terrorizzata, perché vorrei vederlo soffrire, come me se non di più.
Come posso liberarmi da tutto questo?

Come posso ricominciare a vivere a 43 anni senza più amici?

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buonasera Silvia, 


la riflessione che mi viene in mente è che lei è arrabbiatissima; ma più che con il suo ex fidanzato lei è arrabbiata e furiosa con se stessa. Non accetta di essere stata tradita e alla fine diffida di se stessa. Lo vorrebbe indietro più di prima proprio perché è stata ingannata e pensa di poter e dover rivestire quel senso di impotenza che ha vissuto. Ma il suo problema sembra legato alla paura dello stare sola con se stessa per poter pensare ai suoi obiettivi e ai suoi desideri. Con un percorso di psicoterapia potrebbe darsi l’occasione di poter avere uno spazio per se stessa e vivere l’essere sola come una opportunità impagabile per poter pensare alle sue priorità!


Cordiali saluti.

Gentile Silvia,


La sofferenza e la rabbia che prova in questo momento sono comprensibili ma se queste diventano ingestibili e la sovrastano, dovrebbe valutare l'idea di rivolgersi ad uno psicologo che potrebbe aiutarla a gestire tutto questo. Sicuramente non avere una rete sociale non l'aiuta ma credo sia arrivato il momento di riprendere in mano la sua vita e cercare nuove strade per il suo futuro perchè merita di trovare la sua serenità.


Resto a disposizione.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mi sento delusa perchè sono stata lasciata senza ragione

Buongiorno, mi chiamo Francesca ho 35 anni, questo ragazzo che volevo molto bene ed ero affezionata ...

2 risposte
Rifiuto della relazione

Salve a tutti, da qualche giorno la relazione con la mia ragazza è terminata, purtroppo, non ...

4 risposte
Gelosia del passato e rabbia incontrollata

Ciao a tutti. La mia storia è molto sofferta, violenta, turbolenta nonostante la mia et&agrav ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.