Problemi di coppia

Ho scoperto che il mio compagno è sposato e ha figli

marzia

Condividi su:

Come faccio a non spappolarmi il cuore dopo avere scoperto dopo 3 e passa anni di convivenza con le promesse x il futuro che il mio presunto compagno è sposato con 3 figli, la piu' piccola è nata nove mesi fa?

9 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve mi rendo conto della delicata situazione, in realtà già la scoperta di queste bugie da parte del suo compagno e dei fatti ad esse correlate  è stato un forte shock. La sofferenza che ne deriva è già in corso, solo che a volte travolti dagli eventi non realizziamo subito come venirne a capo al meglio. Non si può scappare nè evitare di soffrire, anche perchè la perdita che sta subendo è anche quella dell'idea che aveva del suo compagno e il fatto di vedere infranti i suoi sogni di progettualità che aveva immaginato con lui. Se non si sente di affrontare tutto questo da sola si rivolga ad uno specialista che possa supportarla.

Dott.ssa Arianna Scarpellini Forli Cesena (FC)

Gent.ma Marzia,

immagino il dolore che si possa provare dopo aver scoperto una cosa simile: il mondo sembra crollare addosso e tutto ciò in cui si credeva sembra svanire nel nulla. Con la convivenza e i progetti per il futuro sicuramente, dalle poche righe che ha scritto, risulta chiaro che lei investiva moltissimo sulla vostra relazione di coppia. Probabilmente aveva fiducia nel suo compagno e ora questa fiducia non può più esserci. Forse si sta chiedendo cosa fare adesso: interrompere il rapporto e ricominciare da capo? E probabilmente il "ricominciare da capo" la spaventa, perchè le vengono a mancare delle certezze per il suo futuro. Oppure si sta chiedendo se vale la pena provare a ricostruire un rapporto con il suo compagno, ma la domanda che si pone è come poter riuscire ad avere nuovamente fiducia in lui dopo aver saputo non solo che è sposato con figli, ma che il rapporto con la moglie è contiunuato in tutto questo tempo visto che hanno avuto un figlio nove mesi fa.

Innanzitutto come ha reagito il suo compagno dopo aver saputo che lei ha scoperto "il suo segreto?"

Dalle poche righe lette nel suo testo riesco chiaramente a percepire il suo dolore ed in questo momento sembra richiedere un supporto per poter affrontare questo evento decisamente traumatico. Se vuole, essendo oltre che psicologa esperta in naturopatia, potrei consigliarle anche qualche prodotto naturale che potrebbe esserle utile in questo momento.

Cordiali Saluti.

Buongiorno sig.ra Marzia. Deve essere veramente molto difficile il periodo che sta attraversando. Si può comprendere perfettamente quanto, dopo una tale doccia gelata, la sua intera relazione,  se non addirittura la percezione che lei ha di se stessa, abbia assunto ai suoi occhi una connotazione molto diversa. E' anche vero che , per quanto dolorosa sia, questa docciapuò essere il presupposto per porsi delle domande su se stessi e sul perchè le è capitata questa situazione. Nel caso in cui le risposte che lei si dà non le sembrino esaustie. può chiedere l'aiuto ad un professionist esperto che la sappia guidare. Rimango  sua disposizione nel caso in cui decidesse di rivolgersi a me. cordiali saluti.

Gentile Marzia

davvero comprendo la sua angoscia e il suo stato emotivo e di disorientamento mentale nell'aver fatto una simile scoperta circa il suo attuale compagno.

Se lei vorrà potremmo parlare in un colloquio individuale. penso che per lei sia importante avere un confronto e un momento di comprensione per comprendere bene quanto è successo. Raccontare a qualcuno tutta la storia può senza dubbio farle molto bene.

Io ci sono!

Cordiali saluti

Spero sentirla.

Dott.ssa Licia Crosato Forli Cesena (FC)

Cara Marzia, per evitare di spappolarti il cuore, come dici tu, comincia col pensare positivo. Hai avuto l'occasione di scoprire un suo segreto, segreto non da poco, ha una famiglia, un'altra donna con la quale ha messo al mondo un bambino. Nel tempo della vostra convivenza, un tempo che credevi ti dedicasse come tu lo dedicavi a lui, lui, con la legittima, ha generato un bambino. Segreti di tali dimensioni, per essere tutelati, richiedono bugie. Ora, per questa ragione, ti suggerisco di pensarlo come un bugiardo patologico, molto probabilmente un manipolatore. Uno che la sa raccontare, con abilità, e te l'ha raccontata. Per te, dunque, venire a scoprire la verità, per quanto immensamente doloroso e motivo di crisi, può essere altresì valutato come un momento necessario di transizione verso una nuova consapevolezza di chi sei, di quanto vali, di cosa sei disposta a perdere, di cosa desideri nell'amore, ecc. Pensa se la verità ti si fosse palesata più tardi ancora, pensa se, fidandoti di lui, avessi voluto una vostra creatura. La tua frustrazione, la tua rabbia, la tua disperazione non sarebbero state maggiori? Ipotizzo, come dicevo, che tu ti sia imbattuta in un fulgido esempio di bugiardo patologico. Se ho ragione, ti rimando senz'altro a leggere un paio di articoli sul mio blog che parlano di questo. Vi troverai una trattazione più estesa e ben descrittiva, vedrai tu se calzante. Mi trovi in Internet, digitando il mio nome. Se vorrai conoscermi di persona ti sarà facile, ci separa poco più di mezzora, in automobile. Un'ultima considerazione: l'amore presuppone fiducia (non diffidenza) e la fiducia richiede per sua definizione reciprocità. Lui ha mancato di saperti dare l'essenziale: il rispetto. Non ti sentire colpevole di dabbenagge e ingenuità. Qui c'è un solo colpevole, e non sei tu.

Dott.ssa Gloria Monti Forli Cesena (FC)

Gentile Marzia,

mi chiedo come sia possibile che il suo compagno convivesse con lei ed avesse, contemporaneamente, un'altra famiglia, ed anche ben numerosa.

A parte questo, adesso non credo che possa trovare immediatamente la forza di reagire costruttivamente ad uno choc simile, che coinvolge davvero tutta la sua vita, la sua identità di donna e che fa saltare tutti i suoi progetti per il futuro.

Sarebbe anomalo che non fosse sconvolta; tuttavia, le consiglio di confrontarsi con un professionista per elaborare nel miglior modo possibile questo trauma; temo che da sola farebbe davvero molta fatica.

Auguri di cuore

Dott. Alberto Vignali Pesaro Urbino (PU)

Cara Marzia,

penso sia impossibile non spappolarsi il cuore come dice lei o non attraversare un periodo di profonda tristezza e rabbia di fronte a una simile situazione, in cui deve affrontare una perdita di una relazione così importante e su cui aveva investito tanto.

Quello che può essere un suo obiettivo realistico è superare questo periodo e tornare ad aver fiducia in altri uomini.

Penso che in questo periodo può cercare di non rimanere sola e farsi consolare da amici e familiari che con la loro vicinanza possono aiutarla a elaborare questa perdita.

Cara Marzia, la tua lettera é molto sintetica, poche parole e una richiesta: " Come faccio a non spappolarmi il cuore?". Penso davvero che quanto descrivi brevemente sia un evento scioccante e traumatico che fa scoppiare la bolla della relazione che immaginavi di avere con quello che pensavi essere il tuo compagno. Io ti rispondo provando a esprimerti in modo positivo quello che puoi fare, se lo decidi... perchè questo potere nonostante tutto rimane a te! Puoi iniziare a prenderti cura del tuo cuore, ascoltarlo e lasciarlo esprimere atterverso a te tutte le dolorose emozioni che sta provando: delusione, rabbia, tristezza (forse disperazione) e molte altre sicuramente. Datti il permesso di sentirti come ti senti innanzi tutto. Puoi valutare la possibilità di farti aiutare da uno psicologo/psicoterapeuta ad elaborare questo doloroso " lutto ", perchè venendo a conoscenza della verità, muore in qualche modo l'idea che ne avevi. Ti  abbraccio con il cuore e resto a disposizione. P.s Se affronti questa sofferenza il cuore non si spappolerà, ma ti ringrazierà e tra queste macerie potrai ritrovare te stessa!        

Dott. Artabano Febo Pescara (PE)

Purtroppo, i bugiardi menzonieri ne è pieno il mondo ed è per questo che ai miei pazienti propongo sempre di seguire un mio " Corso di Comunicazione Non Verbale in DVD " al fine di stanare chi mente. In questa fase della tua vita credo che tu abbia bisogno del sostegno di uno Psicoterapeuta. Ciao, a presto.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Varie problematiche sessuali di coppia

Salve, mi chiamo Giulia e ho 26 anni, sono fidanzata da un anno e mezzo e ultimamente sto avvertendo ...

5 risposte
Come comportarsi quando lui sta con una più grande

Salve, scrivo perché ho dei dubbi riguardo una storia che porto avanti con un ragazzo mio ...

4 risposte
Come posso uscirne?

Salve, ho 47 anni, sono sposata da 24 e ho 2 figli di 16 e 20 anni, soffro di depressione ed attacch ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.