Problemi di coppia

Mancanza di progettualità e famiglia di lui invadente

Sara

Condividi su:

Buongiorno,
Vi scrivo per un parere sulla mia situazione di coppia.
Sono una ragazza di 34 anni fidanzata da 5 con un uomo di 10 anni più grande, conosciuto quando aveva già alle spalle un divorzio senza figli.
Ci vogliamo bene e andiamo molto d'accordo.
Conviviamo da circa 3 anni, nello stesso palazzo della famiglia di lui, in una città diversa dalla mia di origine. Purtroppo nell'ultimo anno ho avuto dei problemi di salute, che mi hanno portato a sottopormi prima ad un intervento poi -inaspettatamente- a intraprendere un percorso di cura per un piccolo tumore.
In questo percorso a momenti ho avuto il mio compagno molto presente e vicino, a momenti mi sono sentita completamente sola. Più o meno nello stesso periodo lui si è trovato a gestire un problema di salute simile al mio ma più grave per sua sorella maggiore, e sussistono delle dinamiche nella sua famiglia che da sempre vedono tutti dipendenti e asserviti a questa persona senza se e senza ma (lo stato di salute ha fatto sì che la sua parte dominante e manipolatrice fosse ancora più forte e senza limiti).
Tornando alla nostra coppia, a seguito di spiacevoli situazioni in cui non sentivo rispettato il nostro spazio e tenuta in considerazione la nostra situazione, esasperata da episodi accumulati nel tempo e cominciando a manifestare ansia e forti rialzi di pressione, a luglio ho deciso di lasciare l'appartamento dove convivevamo e di trasferirmi vicino alla mia città di origine, cercando di mettere una distanza fisica tra noi e la famiglia di lui, sempre più soffocante e invadente (la pandemia, l'età dei genitori, e il problema di salute che stanno affrontando ha accentuato il peso e la tossicità delle relazioni con loro). Sentivo di non avere la forza di stargli vicino in un momento in cui anch'io stavo affrontando un grosso problema e avrei avuto bisogno di sostegno. La sua famiglia non la sento da allora, da parte loro non c'è stato alcun tentativo di chiarimento o altro contatto. In questa fase ho fatto tutto da sola: ho cercato un appartamento, ho traslocato, attivato le utenze ecc.
Il mio compagno nonostante cercassi di renderlo partecipe nella scelta dell'appartamento sembrava non realizzare quanto stava accadendo o sperare che tornassi sui miei passi. Dopo qualche settimana mi ha seguita e si è trasferito nel nuovo appartamento, dove abbiamo intrapreso un percorso volto a risolvere il momento di crisi.
Oltre alla sua famiglia di origine ingombrante, che nonostante sia pesante valuto come problema minore, c'è il problema che il mio compagno non ha progettualità con me. Non parla mai di matrimonio, né di figli, anzi se io ci scherzo sopra sembra irrigidirsi o non risponde se vado sull'argomento. È un po' come se vivessimo in un eterno presente, senza futuro. Per me dopo cinque anni insieme questo è un grosso limite, perché vorrei creare una famiglia con lui e ne parlo spesso esplicitamente ottenendo sempre silenzi o non risposte.
Spesso mi dice che lui vorrebbe solo stare tranquillo. Parliamo molto ma ormai siamo in questa situazione da 5 mesi e non vedo un'evoluzione, quello scatto che cercavo in lui per avere la speranza di poter andare avanti, di poter crescere come coppia insieme. Gli ho chiesto di decidersi su cosa vuole dalla vita entro una data limite, perché non me la sento di continuare così in questo limbo.
Non è in discussione il suo valore umano, è una persona ottima a cui affiderei la mia vita, l'ho scelto come padre dei miei figli, ma credo che non voglia ammettere di non volere figli o altri matrimoni. O forse il problema sono io, che non sono la persona giusta per lui.
Considerando la felicità di entrambi come il bene primario, mi chiedo se sia giusto insistere con lui o se non sarebbe meglio lasciarlo, così da perseguire entrambi quella che per noi è la felicità.
Vi ringrazio anticipatamente per il vostro parere,
Cordiali Saluti

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buonasera, ho letto con attenzione la sua richiesta. Spero che lei adesso stia meglio nella sua situazione di salute, che non è assolutamente secondaria rispetto alle sue aspettative di coppia. 
Comprendo le difficoltà legate al condizionamento familiare dei parenti del suo compagno. Tuttavia credo sia più importante considerare, come lei stessa ha evidenziato, la sua voglia di realizzarsi come donna all’interno di una vita di coppia, così come la possibilità di avere dei figli. Chiaramente questo richiede la partecipazione di due persone i quali progetti futuri devono poter convergere.
Per trovare le risposte che sta cercando, dato che lei tiene a questa persona, le consiglio di cercare il più possibile attraverso una sana comunicazione una progettualità che soddisfi entrambi e che può evolvere nel tempo. Se avesse bisogno di un sostegno psicologico nel mentre può rivolgersi ad un professionista per progressive riflessioni in merito. 
Le auguro il meglio, cordiali saluti. 


Dott.ssa Maria Carmela Lavacca

Cara Sara,


La sua lettera è molto chiara e coerente.


Le vorrei scrivere il mio pensiero...


Quando dice "dove abbiamo intrapreso un percorso volto a risolvere il momento di crisi" parla di un percorso psicoterapeutico di coppia?


Io credo che in una situazione come la vostra decidere di fare un simile percorso, o proseguirlo qualora lo aveste già iniziato, sarebbe importantissimo e risolutivo per gli interrogativi che si pone a proposito del vostro rapporto... e ovviamente la direzione dell'evoluzione di esso, dovreste dargliela voi insieme al/alla psicoterapeuta che eventualmente scegliereste.


Nei percorsi di coppia, laddove sussistano i presupposti di saldezza della relazione, tra i compiti del terapeuta ci può essere (se necessario e/o richiesto) quello di aiutare i partners a recuperare (o a sviluppare) una progettualità di coppia, genitoriale e di vita.


Riguardo alla famiglia d'origine del suo compagno, capisco quello che prova, ma in ogni famiglia ci sono legami affettivi e complesse dinamiche interne ad essi che dall'esterno è difficile comprendere appieno. Le consiglio perciò di cercare in se stessa un punto di neutralità e di vedere in maniera più oggettiva quanto accade al suo partner in relazione ai suoi familiari. Questo la farà sentire anche un po' più leggera... credo che adesso sia importante che si occupi di se stessa e della sua salute: non vada incontro ad ulteriori stress.


Le auguro di essere presto più serena.


Cordialità,


Dott.ssa Verusca Giuntini 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

I miei genitori si lamentano del mio fidanzato

Sono una ragazza di 24 anni e sto con il mio ragazzo di 27 da 3 anni e mezzo. Abbiamo un bellissimo ...

1 risposta
Dopo 21 anni non riesco più a capire il nostro rapporto di coppia

Salve ,è la prima volta che vi contatto .... non so con chi parlare e cercando su internet ho ...

1 risposta
Non mi fido più del mio ragazzo, come mi comporto?

Buongiorno,il mio ragazzo si è trasferito da poco a Milano, per motivi di studio. Prima di ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.