Marito ferito

Salvo

Mia moglie mi maltratta psicologicamente, vive per i suoi genitori e loro non vogliono essere messi in secondo piano rispetto ad altri e la istigano contro di me, ma non la lascio per non ferire la sensibilità dei miei due figli che amo, preferisco soffrire io. Insultato e non rispondo, ho completamente perso ogni fiducia in me stesso e piango ormai ogni giorno
Cosa devo fare?

3 risposte degli esperti per questa domanda

Provi a fare un percorso di psicoterapia che la aiuti a capire anche le ragioni del comportamento di sua moglie e dei suoi suoceri, che le servirà per non piangere, a non sentirsi completamente solo e a trovare diverse strategie.
I figli hanno bisogno di un papà che sa affrontare a testa alta le sofferenze della vita e sa come gestire le relazioni; non li abbandoni mai. Il fatto che rimanga con sua moglie nonostante la sofferenza le fa molto onore, questo la dovrebbe riempire di orgoglio. 

Si faccia coraggio, a volte bastano piccoli gesti quotidiani diversi. Si voglia bene

Carissimo Salvo,

ho letto con attenzione le sue poche parole che chiariscono molto bene la situazione nella quale si trova.

Ha mai pensato di intraprendere un percorso psicologico? Cercare di risolvere la situazione perché si pensa che ne valga la pena allora può essere un buon motivo non sembra le situazione che Lei descrive.

Forse chiarendo meglio le cose con se stesso potrebbe trovare una soluzione meno pesante per sé.

A disposizione

Un caro saluto

Gentile Salvo

ho letto la sua breve richiesta e credo che lei abbia perso fiducia in se stesso.

Non è chiaro, dalla sua lettera come mai i suoi suoceri debbano essere messi in secondo piano da lei. Non credo sia giusto che si debba sacrificare per il bene dei suoi figli; immagino che loro vogliano vivere in una famiglia con un clima sereno e con un padre felice.

Le suggerisco di chiedere aiuto ad uno psicologo per riacquistare la fiducia in se stesso e poter vivere la sua paternità da uomo realizzato.

Le auguro buona vita

Dott.ssa Gaia Impastato