Non so più che pensare

Alessia

Salve sono sposata da 23 anni, ho 46 anni mio marito 51. Una vita felice fino a quando, sentendomi trascurata da lui che pensa solo al lavoro, conosco un ragazzo e scatta un bacio nulla più. Mio marito lo scopre, passiamo un periodo un po' burrascoso ma mi perdona e riprendiamo la nosttra vita felice. Felice fino a quando, dopo ben 10 anni dalla mia defaiance, lui improvvisamente dalla sera alla mattina cambia, diventa freddo, non mi mostra più nulla, non mi dice più un ti amo e non condivide più nulla con me, anche sessualmente non mi cerca più. Gli parlo e lui dice che è sempre stato così, cosa ovviamente non vera e che se anche fosse cambiato, la colpa è mia e del mio pseudo tradimento. Io in realtà credo che sotto ci sia altro o magari un altra e usa il mio errore come alibi. È possibile che si ricorda dopo 10 anni dall accaduto di provare rancore e rabbia? Non mi pare possibile onestamente. Non so più che pensare se non che sia un alibi per mascherare altro. Gli ho detto anche di lasciarci ma non mi sembra intenzionato. Sto soffrendo molto perché lo amo moltissimo e non voglio perderlo.

2 risposte degli esperti per questa domanda

Salve Alessia, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Comprendo il disorientamento derivante da questa situazione che lei non si aspettava di dover nuovamente attraversare. Ritengo fondamentale che voi possiate richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto di coppia possa aiutarvi ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che vi impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Salve Alessia, certo è importante che lei cerchi una risposta del cambiamento affettivo e relazionale di suo marito. La prima cosa che viene da pensare è che lui abbia un'altra. Ma nega e le addossa la colpa del deterioramento della vostra relazione. A 10 anni di distanza dal suo " tradimento" mi sembra più una sua razionalizzazione, un modo per dare una spiegazione qualsiasi. Di lui dice poco. Solo che è un uomo molto preso dal lavoro e che da un po' di tempo si mostra distaccato e sessualmente assente. Le consiglierei di provare a stargli vicino per capire se sta attraversando un brutto periodo e se si sente " distaccato" anche in altre situazioni. In questo caso dovrebbe essere aiutato da un professionista. Oppure, la vostra storia è in crisi e bisogna prenderne atto e capire se siete ancora motivati a riprendere le fila del vostro rapporto. In bocca al lupo.