Problemi di coppia

Uomo perfetto ma non lo amo

CARLOTTA

Condividi su:

Buonasera a tutti,
Sono una ragazza di 29 anni fidanzata da un anno e mezzo con un ragazzo stupendo di 30.
Prima dell'inizio della nostra relazione ci siamo rincorsi molto, io uscivo da una storia travagliatissima con un uomo più grande e lui era fidanzato con una ragazza, che probabilmente non ha mai amato. Quando è iniziata la nostra storia, la fase dell'innamoramento è stata così importante che siamo andati subito a convivere vivendo veramente a stretto contatto. Lui è veramente fantastico, è bello, buono, ha dei valori grandi e dei principi compatibili con i miei però, mi piange il cuore ad ammetterlo, non credo di amarlo. Io sono una persona empatica, vivacissima, estremamente emotiva e sensibile e anche un po' lunatica. Lui invece è una persona fuori dal comune per intelligenza e capacità, molto razionale e calmissima. Fin dall'inizio ho avuto delle sensazioni ambivalenti nei suoi confronti, da un lato mi stabilizza molto dall'altro forse con lui non mi diverto e spegne un po' la mia vitalità. Non ne ho mai osato parlarne con nessuno, perché dal momento in cui ci siamo messi insieme siamo stati dipinti dai nostri amici come una specie di coppia-d'oro, perché oggettivamente siamo entrambi belli e molto corteggiati. A volte mi rendo conto che il giudizio della società limita l'introspezione del singolo.
Qualche mese fa ho conosciuto un ragazzo ed è scattato una specie di colpo di fulmine per entrambi, cosa che non capisco ancora se sia possibile. Mi piace moltissimo, ci siamo visti un paio di volte senza che succedesse nulla, lo penso continuamente e mi diverte un sacco, ci capiamo al volo. Mi ha lasciato delle sensazioni così positive che non avevo da tempo. Vorrei vederlo tutti i giorni, ma non lo faccio per non mancare di rispetto al mio attuale ragazzo.
Credo che questa fase della vita sia un po' particolare nel senso che molti amici iniziano ad avere una progettualità seria, matrimoni, figli etc e quindi ogni decisione è più diffcile per la paura di rimanere soli. Io ho da sempre un forte spirito di maternità e tra qualche anno vorrei tanto avere dei bambini. Non so se dovrei dare un peso maggiore alle mie sensazioni, oppure sono io il problema visto che non riesco ad accontentarmi di una persona così affidabile ed onesta (valori molto rari al giorno d'oggi). Esiste il colpo di fulmine? I campanelli d'allarme avvengono per non farci prendere decisioni sbagliate? E' giusto prendersi del tempo per non fare scelte sbagliate?
Mi sento idiota solo a dirlo ma il mio vero terrore è diventare il cliché della 35-40enne zitella, senza figli arrabbiata con l'universo.
Grazie mille per la disponibilità

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve, credo che lei debba fare quello che sente di fare nel profondo del suo cuore, anche se alcune situazioni sono difficili da affrontare magari vanno prese per evitare dei capitomboli in futuro. Se la nuova persona la fa sentire meglio del suo attuale compagno magari cerchi di conoscerla meglio e vedere se ci sono molti più punti in comune, se quella relazione è più soddisfacente  e le consiglio un percorso di consulenza psicologica per essere accompagnata in questo difficile cammino di scelta

Dott.ssa Giada Viprati Bergamo (BG)

Buonasera Carlotta,


Vorrei iniziare subito con il dirle NON TI SENTIRE UNA IDIOTA. Penso anzi che questi suoi ragionamenti siano molto intelligenti e maturi. Poche persone si rendono conto che , per non perdere una vita che fa parte di ciò che vorremmo, o che gli altri si aspettano da noi, a volte quello che stiamo vivendo non è giusto per noi , o forse è solo più comodo.


Ovviamente con questo non si può dire se questo uomo sia sbagliato per lei, lo potrà capire solo lei se lo ama davvero, poichè ciò che gli altri vedono non è detto che faccia parte dei nostri sentimenti e di ciò che vogliamo. Sicuramente i dubbi che si è posta e l'attrazione o colpo di fulmine che prova per un altro ragazzo, potrebbero essere dei segnali per farle capire se è il caso di fermarsi a riflettere e quindi prendersi del tempo.


Non esiste l'uomo perfetto per tutte ma quello che ogni persona sente perfetto per sè.


In ogni caso, qualunque scelta si prende, il futuro non è mai certo, quindi penso sia il caso di seguire il proprio cuore nel presente, quello che fa sentire bene e godere della vita.


Lei dice di non essere razionale ma possiede una grande capacità di razionalizzare le sue paure , quindi con calma, saprà sicuramente trovare quello che la farà sentire più a suo agio.


Cordiali Saluti

Gentile Carlotta,


partendo dalle sue parole "E' giusto prendersi del tempo per non fare scelte sbagliate" La invito a non fare scelte impulsive, in questo momento di travaglio per lei, sia verso il suo fidanzato sia verso il ragazzo conosciuto da poco.


Comprendo il suo smarrimento, che nasce da suoi vissuti contrastanti e input esterni sociali, e Le consiglio una consulenza psicologica per capire insieme ad un professionista quali suoi i suoi bisogni e poi muoversi liberamente in quella direzione.


In bocca al lupo

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come superare una rottura di una relazione difficile da accettare?

Sono un ragazzo di 26 anni. Ho iniziato in estate a frequentare un ragazzo di 34 anni. Entrambi ...

1 risposta
Tradisco

Buongiorno, Ho 28 anni sto con Andrea da quando ne avevo 17 adesso abbiamo una bambina ma durante la ...

5 risposte
Passione svanita?

Buonasera, sono sposata da quasi 6 anni e stiamo insieme da quasi 12. Abbiamo avuto parecchie diffi ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.