Vaginismo

Vaginismo: come superarlo se la terapia non funziona e la paura è troppo grande?

CAMILLA

Condividi su:

Buonasera, ho quasi 30 anni.

So di soffrire di questo disturbo da quando ero un'adolescente. All'epoca mi ero rivolta al consultorio e mi avevano consigliato di guardarmi allo specchio e di autoesplorarmi con le dita per abituarmi alla penetrazione. In realtà sin da quando ero una ragazzina avevo molta paura delle visite ginecologiche e dei tamponi interni, ma non pensavo che avrei avuto problemi a fare l'amore. Purtroppo dopo è sempre stato un calvario. Ho avuto diverse esperienze, ma molte sono state negative, poi finalmente ho trovato un ragazzo che mi ama e che ha seguito una terapia di coppia insieme a me. Nonostante avessimo entrambi fiducia nella terapia e nella terapeuta, sono arrivata al punto in cui non riuscivo più ad andare avanti e le cose sono migliorate solo in parte, ma mai del tutto. Da anni abbiamo dei rapporti in cui riesco ad avere solo una penetrazione superficiale, altre volte nemmeno quella. In alcuni episodi il sesso è bellissimo per entrambi, altre volte è un vero disastro. Negli anni mi sono informata abbastanza sull'argomento e razionalmente capisco che la terapia si basa su una "desensibilizzazione graduale" allo stimolo fobico, (scusate l'imprecisione). Capisco che abbia senso abituarsi alle mani o a piccoli oggetti e infine al pene, ma io credo di avere un ulteriore problema con le mani e con determinate posizioni. Da tempo mi sento rilassata soltanto quando sono sopra al mio ragazzo e davvero non mi spiego come mai in quella posizione non riusciamo a farcela completamente. Non ho problemi di eccitazione né di eccitamento, non avverto quasi mai dolore però non ci riesco. Quando invece lui si mette in una posizione dove io rimango passiva o prova a usare le dita, sono in preda al panico: sudo, tremo, piango, sono contratta e sento male dappertutto e lo respingo con tutta la forza che ho, non riesco a controllarmi. Lui mi rimprovera, a volte, di non impegnarmi abbastanza e di non essere intenzionata a risolvere davvero il problema, ma io sono assolutamente sincera, ci ho provato seriamente, anche ad abituarmi a toccarmi da sola, però oltre a un certo limite, non riesco a raggiungere l'obiettivo. Mi spiace perché lui soffre tanto, è triste ed arrabbiato con me, ma anch'io sto male. Non so più cosa fare. Mi piacerebbe sentire qualche altra opinione in merito. Grazie.

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Camilla,


mi dispiace molto per la sua situazione e capisco che deve essere molto difficile vivere da così tanto tempo questo tipo di problematica. Ovviamente non conoscendo tutta la sua storia personale al momento posso solo fare delle ipotesi ma sono del parere che il disagio che lei manifesta debba essere analizzato in maniera più complessa in quanto ogni sintomo è una forma di comunicazione che serve a farci riflettere su alcuni aspetti della nostra vita. Per questo motivo il mio consiglio è quello di iniziare una psicoterapia di coppia di indirizzo sistemico-familiare che le consenta di scoprire qual’è il significato di un sintomo che credo affondi le sue radici all'interno del suo sistema familiare.


Saluti

Carissima,


Dalle tue parole è chiaro che soffri molto della situazione e al tempo stesso che ci tieni molto al tuo ragazzo. Comprendo che non è assolutamente vero che non ti impegni ed è molto importante che tu sia motivata. Il vaginismo non è di un solo tipo ma ha diversi gradi e da quello che riporti è positivo che non sempre tu sia "bloccata". Allo stesso tempo intravedo comunque dei motivi psicologici di fondo, proprio per la diversità rispetto a posizioni e tipologie di penetrazioni. La terapia di coppia vi può aiutare ma consiglio di rivolgersi ad un esperto in campo sessuale.


Resto a disposizione.

Buongiorno Camilla, leggendo la sua descrizione ho pensato ad un trauma, lei ha mai fatto terapia individuale? Credo che lavorare sul significato e l'origine del suo sintomo la aiuterebbe molto.


Esistono tecniche regressive che possono aiutarla a risalire all'origine del problema.


Se vuole posso riceverla per un colloquio gratuito di approfondimento e per valutare il percorso migliore per lei.


Cordiali saluti.

Buonasera, ho letto la sua storia ed ho immaginato il suo tormento. Solitamente, dietro queste difficoltà, si trovano sensi di colpa e comportamenti autopunitivi inconsapevoli e non risolti. Se non ci sono stati episodi reali di abuso, le esperienze di scambi morbosi infantili o anche le fantasie sessuali, in quel periodo della crescita, possono essere avere la stessa valenza delle esperienze sessuali reali. Questo può destare, nei bambini, un vissuto di colpa e ribrezzo verso la propria persona e il corpo. In età adulta, tutto ciò può andare a incidere sulla capacità di affidarsi, di aprirsi all'altro, sulla disponibilità a lasciarsi andare alla perdita di controllo che occorre nell'atto sessuale.


Credo sia il caso, per lei, di approfondire qualcuna delle possibilità sopra elencate. Buona serata e mi tenga informato!

Salve Camilla,


Da quello che descrive il problema la accompagna da tempo, ma si manifesta solo in alcune circostanze in cui si blocca o non riesce a raggiungere l'orgasmo.


In questa sede non si possono fare valutazioni accurate, ma credo che una consulenza individuale per una psicoterapia la potrebbe aiutare a capire meglio le situazioni che innescano il panico e quali sensazioni in particolare diventano per lei intollerabili.


Posso indirizzarla su Piacenza se interessata ad approfondire questi aspetti,


Buona giornata.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Vaginismo"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Soffro di vaginismo di ansia e attacchi di panico

Salve, sono una ragazza di 19 anni. Soffro di Vaginismo di ansia,  attacchi di panico ...

12 risposte
Non riesco a farmi penetrare. Cosa posso fare?

Salve, ho 20 anni e sono fidanzata da 5 anni. Ormai è da 2 anni che io e il mio fidanzato ...

10 risposte
La penetrazione è parecchio dolorosa

Buon pomeriggio, sono una ragazza di 30 anni, ho fatto l'amore per la prima volta a 19 anni con ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.