EMDR

IL METODO EMDR in PSICOTERAPIA per affrontare traumi, fobie attacchi di panico, stress, depressione.

04 Gennaio 2021

contattami

Condividi su:

La ricerca scientifica in Psicologia clinica ha contribuito in modo efficace nell’ offerta di concreti strumenti o tecniche psicoterapeutiche per chi soffre di vari malesseri come ansia, attacchi di panico depressione, fobie, dipendenze, panico. Tali disturbi possono essere inquadrati anche come l’esito di ciò che viene definito PTDS e cioè l’essere stati esposti a situazioni ad alto contenuto stressogeno e quindi traumatico. La tecnica d’elezione, riconosciuta e comprovata da numerosi studi sulle neuroscienze è l’ EMDR - come Eyes Movement Desensitization and Reprocessing - traducibile con “desensibilizzazione e ristrutturazionABSTRACT
Attraverso la tecnica dell' EMDR la ricerca in Psicologia clinica ha contribuito a risolvere problemi di ansia, attacchi di panico depressione, fobie, dipendenze, panico e traumi.
ARTICOLO
La ricerca scientifica in Psicologia clinica ha contribuito in modo efficace nell’ offerta di concreti strumenti o tecniche psicoterapeutiche per chi soffre di vari malesseri come ansia, attacchi di panico depressione, fobie, dipendenze, panico. Tali disturbi possono essere inquadrati anche come l’esito di ciò che viene definito PTDS e cioè l’essere stati esposti a situazioni ad alto contenuto stressogeno e quindi traumatico. La tecnica d’elezione, riconosciuta e comprovata da numerosi studi sulle neuroscienze è l’ EMDR - come Eyes Movement Desensitization and Reprocessing - traducibile con “desensibilizzazione e ristrutturazione attraverso il movimento degli occhi”. E’ una tecnica psicoterapeutica innovativa, che serve a far rielaborare eventi traumatici, ma anche altri eventi negativi che appunto col tempo producono malessere psichico e fisico. Le persone che hanno subito un trauma, e che quindi poi sviluppano sintomi come ansia, depressione fobie, etc, purtroppo sperimentano che qualcosa nella loro vita è cambiato e che il ricordo di tali esperienze traumatiche influenza il loro stato attuale e il loro benessere.
Tale esperienze poi nel presente spesso si ripresentano sotto forma di, ossessioni, paure, attacchi di panico o altri disturbi psicologici che invalidano e limitano pesantemente la persona nella loro vita e nelle relazioni.
L’EMDR è una tecnica usata fondamentalmente per accedere, neutralizzare e portare a una risoluzione adattiva i ricordi di esperienze traumatiche che stanno alla base di disturbi psicologici attuali del paziente. Queste esperienze traumatiche possono consistere in:
• Piccoli/grandi traumi subiti nell’età dello sviluppo
• Eventi stressanti nell’ambito delle esperienze comuni (lutto, malattia cronica, perdite finanziarie, conflitti coniugali, cambiamenti)
• Eventi stressanti al di fuori dell’esperienza umana consueta quali disastri naturali
• (terremoti, inondazioni) o disastri provocati dall’uomo (incidenti gravi, torture, violenza
Come avviene una seduta EMDR?
Dopo aver individuato il problema specifico, si usa un protocollo definito attraverso il quale il terapeuta guida il paziente nella descrizione dell’evento e gli fa scegliere gli elementi disturbanti.
In seguito si fa richiesta al paziente circa i suoi pensieri e le sue convinzioni nel momento in cui richiama alla mente il ricordo più spiacevole. È in questo momento che il terapeuta aiuta l’elaborazione attraverso la stimolazione sensoriale bilaterali degli emisferi cerebrali. È un processo neurofisiologico naturale, legato all’elaborazione dell’informazione.
Durante questi movimenti il paziente rivive i diversi momenti i del ricordo iniziale e il terapeuta, ad intervalli regolari, interrompe i movimenti al fine di accertarsi che il paziente elabori adeguatamente i ricordi. L’EMDR, attraverso la stimolazione alternata, crea una migliore comunicazione tra gli emisferi cerebrali, ristabilendo l’innato processo neurofisiologico, bloccato in seguito all’evento traumatico. Tutto ciò serve per far elaborare in maniera rapida le informazioni riguardanti l’esperienza negativa fino ad arrivare alla risoluzione adattiva.
L’efficacia di tale tecnica è sostenuta da numerosi rigorosi studi ed è stata inserita dal 2013 come linea guida dall’ OMS nell’ “assesment e la gestione dei disturbi specifici legati allo stress”.e attraverso il movimento degli occhi”. E’ una tecnica psicoterapeutica innovativa, che serve a far rielaborare eventi traumatici, ma anche altri eventi negativi che appunto col tempo producono malessere psichico e fisico. Le persone che hanno subito un trauma, e che quindi poi sviluppano sintomi come ansia, depressione fobie, etc, purtroppo sperimentano che qualcosa nella loro vita è cambiato e che il ricordo di tali esperienze traumatiche influenza il loro stato attuale e il loro benessere.
Tale esperienze poi nel presente spesso si ripresentano sotto forma di, ossessioni, paure, attacchi di panico o altri disturbi psicologici che invalidano e limitano pesantemente la persona nella loro vita e nelle relazioni.
L’EMDR è una tecnica usata fondamentalmente per accedere, neutralizzare e portare a una risoluzione adattiva i ricordi di esperienze traumatiche che stanno alla base di disturbi psicologici attuali del paziente.

Queste esperienze traumatiche possono consistere in:
• Piccoli/grandi traumi subiti nell’età dello sviluppo
• Eventi stressanti nell’ambito delle esperienze comuni (lutto, malattia cronica, perdite finanziarie, conflitti coniugali, cambiamenti)
• Eventi stressanti al di fuori dell’esperienza umana consueta quali disastri naturali
• (terremoti, inondazioni) o disastri provocati dall’uomo (incidenti gravi, torture, violenza
Come avviene una seduta EMDR?
Dopo aver individuato il problema specifico, si usa un protocollo definito attraverso il quale il terapeuta guida il paziente nella descrizione dell’evento e gli fa scegliere gli elementi disturbanti.
In seguito si fa richiesta al paziente circa i suoi pensieri e le sue convinzioni nel momento in cui richiama alla mente il ricordo più spiacevole. È in questo momento che il terapeuta aiuta l’elaborazione attraverso la stimolazione sensoriale bilaterali degli emisferi cerebrali. È un processo neurofisiologico naturale, legato all’elaborazione dell’informazione.

Durante questi movimenti il paziente rivive i diversi momenti i del ricordo iniziale e il terapeuta, ad intervalli regolari, interrompe i movimenti al fine di accertarsi che il paziente elabori adeguatamente i ricordi. L’EMDR, attraverso la stimolazione alternata, crea una migliore comunicazione tra gli emisferi cerebrali, ristabilendo l’innato processo neurofisiologico, bloccato in seguito all’evento traumatico. Tutto ciò serve per far elaborare in maniera rapida le informazioni riguardanti l’esperienza negativa fino ad arrivare alla risoluzione adattiva.
L’efficacia di tale tecnica è sostenuta da numerosi rigorosi studi ed è stata inserita dal 2013 come linea guida dall’ OMS nell’ “assesment e la gestione dei disturbi specifici legati allo stress”.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "EMDR"?

Domande e risposte

Genitori: Influenza sull'età adulta

Negli ultimi anni avendo passato un po’ di tempo lontano da casa mi sono accorta delle differe ...

2 risposte
EMDR per smettere di fumare

Vorrei sapere se il trattamento EMDR, che ho già provato in passato con effetti positivi, si ...

1 risposta
Paura della morte e terapia EMDR

Buongiorno.Sono una ragazza di 25 anni. A seguito di un lutto, avvenuto nel 2004, ho iniziato a ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.