Famiglia e bambini

Non saper disegnare può essere sintomo di incapacità emotiva?

Emanuela

Condividi su:

Buonasera,
sono la mamma di un bambino di 4 anni che non ama disegnare ed ha difficoltà a prendere bene la matita, afferrandola, ad esempio, come fosse un bastoncino di legno con cui suonare.
Quando gli propongo carta e colori o acquerelli mi chiede di disegnare io al posto suo e quando lo fa realizza solo qualche linea o arco scegliendo solo un colore.
È un bambino molto attivo, curioso e decisamente movimentato. Incredibilmente bravo con i Lego ed ama molto i libri riuscendo a leggere in autonomia molte parole quando è particolarmente interessato alla storia. Inoltre ama fare i puzzle che completa rapidamente e senza troppe difficoltà e giocare con il dido, anche se richiede sempre la presenza mia o del padre, gestendo con ansia e difficoltà i momenti di solitudine.
Ho letto che la difficoltà o reticenza a disegnare potrebbe essere legata alla difficoltà di esprimere le proprie emozioni, ed è proprio per questo che vi scrivo.
Nonostante possegga un linguaggio molto forbito per la sua età, morde, e spessissimo non lo fa quando è arrabbiato o contrariato, ma il più delle volte quando è imbarazzato o particolarmente eccitato e felice. Spesso mi dice che i suoi morsi per me sono morsi d'amore, ma ovviamente quando morde i suoi compagni si crea il problema, perché i morsi posso essere forti.
Al contrario quando è arrabbiato tende a dare colpi, solitamente agli oggetti, dicendo di voler rompere le cose o di volersi fare male.
Io, totalmente incompetente, tento di aiutarlo al massimo del mio minimo, ma mi rendo conto che ci sia molto che lui non riesca ad esprimere e vorrei al contrario poterlo aiutare capendo quale possa essere la strada migliore.
Grazie

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Emanuela,


nel leggere quanto da Lei descritto relativo a Suo figlio di 4 aa. ho percepito una certa ansia/preoccupazione che ritengo non sia fondata. Suo figlio mi sembra molto attratto da giochi comunque creativi ed intelligenti (lego, puzzle, dido). Il fatto che sia interessato ai libri e che abbia un linguaggio forbito mi sembra altrettanto positivo per un bambino di 4 anni. Non credo che Lei si debba preoccupare se per ora non sa disegnare e non usa i colori in modo appropriato! Il bimbo essendo interessato ad altre forme conoscitive ed esplorative sta comunque facendo delle scelte. Anche se l'uso dei colori può essere indice di segnali emotivi (positivi e/o negativi) attualmente Le consiglio di non insistere tanto sul discorso del disegno. Cercherei invece di concentrarmi sul perché del comportamento manifesto un po' aggressivo quando è 'arrabbiato', è qui che Lei deve capire le emozioni del bambino! Può farlo facendolo esprimere verbalmente (senza che questo sembri un interrogatorio) oppure raccontando delle storie che possano essere simili a quanto lo fa arrabbiare e vedendo quale interpretazione il bimbo fornisce. Cerchi in questo modo di non aumentare la Sua preoccupazione che viene comunque percepita dal bambino e può anche sentirsi 'non approvato' da Lei quindi in difficoltà emotiva!!


Spero di esserLe stata chiara e utile e La saluto cordialmente

Buongiorno,


non mi risulta che ci sia alcun nesso diretto tra incapacità di disegnare e sviluppo emotivo.


Ciò che colpisce della lettera è la ricerca di normalità e risposte chiare, relative un bimbo tanto piccolo..... In realtà nella lettera stessa c'è la "risposta" ai suoi dubbi, ovvero, il bambino è piccolo, crescerà, imparerà a gestire i morsi, la relazionalità, il gioco, lei, da parte sua non può accontentarsi di "dare il massimo del mio minimo".


Si prenda cura di sè dal punto di vista delle competenze e abilità genitoriali, facendosi sostenere da uno psicologo in un percorso genitoriale psicoeducativo. Deve imparare a non accontentarsi della risposta di un bimbo piccolo che parla di "morsi d'amore", ma deve essere una mamma in grado di aiutare il bambino a capire che i morsi sono sempre morsi, che fanno male, che c'è un altro modo per far sentire l'amore. Deve dare lei per prima i messaggi educativi corretti, e deve farlo con competenza e serenità, così come è giusto per un bimbo in crescita che sta semplicemente esplorando tutte le sue possibilità. 


Cordiali saluti


Dr.ssa Angioni

Cara Emanuela,


da quanto racconta (più che per quello che legge circa il disegno) sembra che il suo bambino possa avere bisogno di un aiuto per imparare a regolare le proprie emozioni.


Oggi la letteratura in questo ambito va nella direzione dello sviluppo della cosiddetta Funzione Riflessiva (Fonagy e Target) che comprende la capacità di mentalizzare: cioè la capacità di rappresentarsi la mente dell'altro.


Questa complessa teorizzazione prevede che siano per primi gli adulti di riferimento a svolgere questa funzione e, quindi, a mettere in atto degli accorgimenti che permettano al bambino di regolare le proprie emozioni. 


Intanto, ogni volta che suo figlio mette in atto un comportamento che esprime un'emozione non ben regolata, le suggerisco di chiedersi "perché fa così?". In questo modo si allena a "con-tenere" nella mente l'emozione che il bimbo vorrebbe veicolare e lo aiuta a sentirsi accolto. Questo passaggio lo faccia in se stessa.


In seconda battuta, può provare ad "indovinare" cosa provi il suo bambino... magari comunicandoglielo con empatia e in forma interrogativa. 


Ovviamente i morsi vanno "ben contenuti" in quanto potenzialmente nocivi.


A volte, ai bambini basta poco per canalizzare le loro energie emotive, perciò non esiti a contattare un/a collega esperto/a in età evolutiva, se dovesse vedere che suo figlio continua a comportarsi in un modo che non la convince.


Spero di esserle stata utile.


Un saluto cordiale,


Dott.ssa Verusca Giuntini


 

Gentile Manuela, certamente il suo bambino è un figlio fortunato perché seguito con amorevole attenzione e ciò è molto importante per una crescita sana e un ottimale sviluppo delle capacità e potenzialità , quindi i miei complimenti!


Come informazione generale ( e credo che lei mamma attenta, lo saprà ), le difficoltà , i disagi, le inquietudini dei piccoli sono, per una buona misura , il riflesso del " mondo" interno di chi di loro si prende cura. I bambini , in sintesi, sono un po' come delle spugne : assorbono umori e anche e sopratutto i " non detti", facendosi in buona parte portavoce di ciò che è latente.


Il suo figliolo è un bambino molto intelligente e brioso ed è probabile che ci siano delle " resistenze" in merito al contatto con dimensioni emotive che tuttavia, ripeto, potrebbero appartenere più alla coppia genitoriale


Quindi potrebbero essere di ausilio e di " luce" dei colloqui per voi adulti al fine di aggiustare il tiro e riflettere su quanto si stia esprimendo , mediante tali modalità comportamentali ,il vostro bambino


Spero di poterle essere stata di ausilio, nei limiti delle modalità che stiamo utilizzando.


Infatti siamo persone e non cose e la nostra complessità non può di certo esaurirsi con uno scritto ma accolta e letta in contesti idonei


Grazie per aver scritto


Auguri Manuela


 


laura Bonanni

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Attaccamento alla mamma

Salve,sono la mamma di un bambino di 3 anni che è molto attaccato a me. Ha iniziato a frequen ...

4 risposte
Bambino di 4 anni e selettività alimentare

Buongiorno,sono mamma di un bambino di 4 anni che attualmente frequenta la scuola dell'infanzia...

2 risposte
Non ho più un rapporto con mia mamma

Buonasera, è un anno e mezzo che sono sposata. Con mio marito mi conosco da molti anni e ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.