Famiglia e bambini

Perchè il mio bambino di quasi 3 anni è aggressivo con i bimbi più piccoli?

Sara

Condividi su:

Buonasera. Il mio bambino di quasi 3 anni è aggressivo con i bimbi più piccoli: non vuole giocare con loro, non vuole che tocchino i suoi giochi, li spinge, da pizzicotti o botte. Non riusciamo a spiegarci il motivo... anche perché con i bimbi più grandi va tutto bene... a casa e all'asilo è tutto ok. E' un bambino buono, tranquillo in genere, molto furbo sì... ma di sicuro non aggressivo. Gli abbiamo spiegato che si gioca sia con i grandi che con i piccoli... ma lui risponde che “con i piccoli non ci gioca perché sono piccoli“. Di solito riesco a capire se ha un disagio o comunque qualcosa che non lo fa stare bene, ma questo proprio non riusciamo a spiegarlo. Perché fa così? che cosa dobbiamo fare? Se lo brontoliamo sul momento fa ancora peggio... non sappiamo come fare. Vi prego di rispondere. Grazie in anticipo. Mamma Sara

8 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buonasera Sara, la prima domanda che mi viene da fare è: il bambino ha un fratellino/sorellina più piccolo? siete in attesa o avete parlato di avere un bambino? c’è qualcuno vicino a voi che ha avuto o sta per avere un bambino?
L’ipotesi è che ci sia una attenzione maggiore verso i bambini più piccoli che sono visti come minacciosi per la sua posizione privilegiata come destinatario di attenzioni o per i suoi oggetti (i giochi). Una discriminazione così selettiva del “tipo” di bambini a cui fare del male equivale, anzitutto, ad una eccessiva attenzione verso questa categoria.
Potrebbe anche esserci stato un episodio che includeva un bambino piccolo come destinatario di attenzioni, affetto maggiori ( magari da parte vostra) ad aver scatenato l’aggressività.  Sicuramente andrebbe fatta una osservazione e un approfondimento per definire meglio le situazioni in cui quest’aggressività si scatena, i bimbi si danno tante spiegazioni particolari alle cose che vedono e alle emozioni che vivono in quei momenti! questo scatena dei comportamenti che sembrano incomprensibili, come questo.
Vi consiglio di  provare a fronteggiare queste situazioni senza dire niente di particolare a vostro figlio ma naturalmente, allontanando l’altro bambino da lui. Non è necessario rimproverarlo, anche il rimprovero può fungere da rinforzo e non scoraggiare l’azione ma sostenerne la sua ripetizione.
Spero di esserle stata utile! Mi faccia sapere cosa accade! Un saluto. 

Buonasera Sara,

ci sono alcuni aspetti da dover approfondire per poter dare una risposta esaustiva alla sua domanda. I bambini manifestano disagio attraverso diverse modalità. L'aggressività ad esempio può essere la manifestazione di emozioni quali frustrazione e rabbia provate nei suoi contesti di vita: scuola, casa, gruppo dei pari (altri bimbi). Non conosco la composizione della vostra famiglia, non so se suo figlio è figlio unico e non è facile individuarne le possibili variabili e concause solo dalla sua descrizione ma proverò a fare alcune ipotesi: 

1) I bambini apprendono comportamenti per imitazione quindi potrebbe aver assistito ad una modalità di questo tipo nei contesti in cui vive, ad esempio all'asilo guardando gli altri bambini oppure ricevendo un trattamento simile dai più grandi.

2) Aggressività come espressione di disagio riguardo difficoltà a rapportarsi con i pari. Scaricare la rabbia quindi sui più piccoli potrebbe essere un'azione che riesce a mettere in pratica perchè non si confronta coi pari o i più grandi. 

3) Disagio legato al contesto famigliare (Es. presenza di entrambi i genitori ma discussioni tra loro, assenza o poca presenza, a causa del lavoro ad esempio, di una delle due figure genitoriali, ecc.)

4) L'opzione da non sottovalutare in questi casi è anche legata alla possibilità che sia un comportamento passeggero che attraverso i vostri metodi educativi e la sua crescita possa gradualmente svanire. In questo caso dovrebbe monitorare la situazione e darsi alcuni mesi per capire se il problema rientra.

Questo è quanto posso fare in questo contesto. L'ideale sarebbe poter approfondire attraverso un colloquio quali aspetti della sua situazione ci stanno sfuggendo e quindi capire meglio come aiutarla a gestire e risolvere la situazione. Se ha bisogno di ulteriori informazioni o consigli le do la mia disponibilità. Mi scriva o contatti ai miei recapiti. Sarò lieto di aiutarla.

Gentile Sara,

sembrerebbe che attraverso questi gesti suo figlio voglia esprimere, a suo modo, un'emozione di rabbia. Questo tipo di emozione può avere molteplici significati, ma il significato generale è quasi sempre quello di “mettere a distanza”, allontanarsi da un qualcosa/qualcuno che minaccia il proprio spazio o l'immagine di sé. Il significato specifico nel caso di suo figlio è ricostruibile solo mediante una serie di incontri che permettano di raccogliere un ventaglio più ampio e preciso d'informazioni, ma spesso questo tipo di comportamenti è riconducibile a un eccessivo desiderio di “essere grande”..questo o per compiacere aspettative (anche immaginate, ricordiamoci che si tratta di un bambino per cui 'interpreta' frasi e atteggiamenti degli adulti con gli strumenti emotivi e cognitivi di un bambino della sua età) o perché la sensazione è che solo attraverso l'adultità ci si possa sentire amati o  liberi, o ancora perché si sente minacciato dalla presenza, effettiva o futura, di un fratellino/sorellina. Ripeto che si tratta solo di ipotesi e di possibili spunti di riflessione.

Rispetto al comportamento da adottare, sarebbe importante che alla rabbia non si rispondesse con rabbia (brontolata), perché l'effetto in questi casi è spesso un'amplificazione dell'emozione stessa. Piuttosto sarebbe importante accogliere il bambino, abbassarsi fisicamente, guardarlo negli occhi in silenzio, accarezzargli la guancia, per placare la sua rabbia del momento; una volta abbassato il livello della rabbia, spiegargli con le giuste parole, riprendo le sue, che si gioca sia con i grandi che con i piccoli.. Ma è importante che prima avvenga questo passaggio di “contenimento” di ciò che lui sta provando.

Un caro saluto

Salve mamma Sara, per iniziare le chiedo chi sono e dove il suo bambino incontra i più piccoli,dato che a scuola e a casa è ok. Spesso i bambini reagiscono aggressivamente quando si sentono minacciati,temono di perdere qualcuno o qualcosa,etc. Ha altri figli? Lei parla poi di furbizia,a cosa si riferisce? È sicuramente fondamentale avere un incontro per comprendere insieme quali possano essere le motivazioni e individuare le strategie per gestire la situazione. Le dò la mia disponibilità. Cordialmente

Salve Sara

non smetta di riproverarlo se è aggressivo verso i bambini e non smetta di chiedergli perchè lo fa, i bambini hanno bisogno di essere compresi e il fatto di chiedere loro come si sentono e un modo corretto per esprimere attenzione nei loro confronti.

Le faccio una domanda: è sicura che quando suo figlia gioca con i bambini più grandi (grandi di quanto?) non riceva lui a sua volta botte, pizzicotti, etc.? Non vorrei che suo figlio replicasse con i bimbi più piccoli di lui ciò che subisce da quelli più grandi.

A disposizione per sue ulteriori necessità di chiarimento

Un caro saluto

Cara Sara,

in realtà vorrei risponderti più precisamente di come farò oggi ma la tua descrizione è poco dettagliata (non riporti caratteristiche delle circostanze in cui il comportamento si verifica, nè esempi specifici) e per questo motivo ti suggerisco subito una consulenza con uno psicoterapeuta il quale con tempi brevissimi saprà indirizzarti per la strada giusta da percorrere. Lo psicoterapeuta vi chiederà di seguire alcune istruzioni con lo scopo di modificare circostanze e/o esiti del comportamento del bambino.

In generale posso dirti che se il vostro scopo è quello di far si che il vostro piccolino giochi serenamente anche con i bambini più piccoli sarà molto importante valorizzarlo/premiarlo per ogni piccolo gesto (davvero anche minimo) in tal senso per es: accostarsi al bimbo più piccolo, stargli semplicemente seduto accanto, porgergli un oggetto ecc. Inoltre potreste stabilire con lui un premio (es: lo svolgimento di qualche attività che a lui piace molto) che riceverà a condizione che riesca a stare accanto al bambino più piccolo senza fargli male. In questo caso le condizioni, il comportamento e gli esisti sono stabiliti e comunicati al bambino prima che si verifichi la situazione problematica.

Coraggio Sara. A presto

Cara Sara,

quando i bambini esprimono aggressività stiamo osservando un area di disagio. Suo figlio vive e sente la presenza di bambini più piccoli come un invasione di campo. Sembrerebbe un espressione di ansia anticipatoria all'eventualità  di un prossimo fratellino. Sembra che con i suoi comportamenti voglia  attirare l'attenzione e bloccare un processo di ampliamento del nucleo familiare. C'è conflittualità tra lei e suo marito sull'eventualità di avere un altro figlio? Le consiglio un percorso sulla genitorialità, e se vuole mi può contattare presso il mio studio a Pisa .

Cordialità

Cara Sara,

in questi casi consiglio di approfondire il caso parlando direttamente con un collega, a cui potrai spiegare per bene cosa succede, questo al fine di evitare consigli troppo affrettati. Quando si tratta di bambini bisogna essere molto cauti. Parlando direttamente con un collega psicologo potrai attuare il giusto cambiamento nel tuo bambino se ce ne sarà bisogno.

Cordiali saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mio figlio non vuole vedermi

Salve, mio figlio a seguito della scoperta sul mio cellulare di uno scambio di messaggi molto eroti ...

4 risposte
Bambino 7 anni e mezzo ritiene la scuola inutile quindi non lavora in classe

Buongiorno, se possibile vorrei un consiglio. Premetto che fin dall'asilo mi è sempre stato ...

3 risposte
Bambino nervoso

Salve ho un bambino di 2 anni, è nervoso fa gesti del tipo: stringe i denti, fa tremare le mani, ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.