Separazione

"Dalla parte dei padri": Parte prima

01 Maggio 2017

contattami

Condividi su:

Oggi ho voglia di affrontare questo argomento. Mi interessa capire cosa spinge una donna a mantenersi in uno stato di apparente inferiorità di fronte ad un ex marito, che si trova costretto a mantenerla, anche quando sarebbe in grado di badare a se stessa.
Non sono qui a discutere sulle difficoltà sociali e culturali al femminile che sono evidenti a chiunque ed il cui riscatto qualcuno vorrebbe banalmente soddisfare con la deformazione del nostro vocabolario (ministra, sindaca..), mi riferisco invece a quella dignità fatta di autonomia, indipendenza e alla fine autostima di cui ogni persona al mondo sente il bisogno.
Nella mia professione ho incontrato donne e uomini separati, ciascuno portatore di sofferenza e difficoltà, sempre più spesso però incontro padri separati vessati dalle ex mogli o compagne che usano il loro essere donna come sinonimo di inferiorità, incapacità, limite per evitare ogni tipo di impegno personale.
Cosa porta questo genere di donne a "fare le mantenute a vita"? Perchè non sentono il bisogno di costruire qualcosa con le loro proprie mani? Certo trovare lavoro oggi è difficile, soprattutto quando per crescere i figli hai dovuto rinunciarvi, ma non sono queste le donne a cui mi riferisco.
Cos'è questo, un modo per recuperare la subordinazione dal genere maschile dei tempi delle nostre nonne? Far pagare l'abbandono?

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Separazione"?

Domande e risposte

Mio figlio vuole vivere con il padre

Mi serve aiuto. Sono separata / divorziata da 13 anni. Mio figlio che oggi di anni ne ha 16, dopo ...

3 risposte
E giusto continuare un matrimonio senza amore e una convivenza intollerabile?

Buongiorno.Mi chiamo Alessandro, ho 42 anni, sono sposato da 15anni e ho due figlie di 13 e 8 anni...

6 risposte
Separazione, figli e nuovo compagno

Buonasera, sono Maria e scrivo da napoli. Volevo un consiglio. Ultimamente sto un po' depressa...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.