Ansia

Sono una ragazza di 25 anni e da sempre convivo con l'ansia

Ilenia

Condividi su:

Salve, sono una ragazza di 25 anni e da sempre convivo con l'ansia. Tuttavia adesso il sintomo principale, ovvero l'eccessiva sudorazione, mi rende molto difficile la vita relazionale.. si crea un circolo vizioso per cui l'ansia mi crea sudorazione, e la sudorazione, in particolare l'idea di stringere la mano sudata alle persone, mi crea ulteriore ansia.. Attualmente questo mi impedisce di essere totalmente serena nel rapporto con gli altri, poichè mi preoccupo subito di cosa penseranno di me. Inoltre noto che la sudorazione avviene quasi sempre quando sono in luoghi chiusi o in cui non mi sento a mio agio. Da studentessa di psicologia so che la soluzione migliore sarebbe intraprendere un percorso di psicoterapia, ma non avendo ancora un lavoro non posso permettermelo.. Che consigli potete darmi?

12 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Razionalmente è difficile dare consigli, mi verrebbe da dirti che dici bene, l’idea di stringere la mano già fa attivare i neuroni specchio come se lo facessi realmente, quindi proverei a fare qualcosa di diverso per esempio stringere davvero, con forza, la mano a una persona così gli rimarrebbe più impresso la stretta di mano rispetto alla mano sudata e tu potresti anche provare a divertirti un po’.

Dott.ssa Silvia Seta Rimini (RN)

Cara Ilenia,

qual'è la caratteristica della sudorazione? l'incontrollabilità...si tratta cioè di un processo fisiologico che non può essere controllato volontariamente, anzi come tu ben spieghi spesso più si cerca di non sudare più si suda, in quanto gli ormoni dello stress non fanno altro che accentuare il fenomeno.

al di la delle spiegazioni fisiologiche, prova a farti alcune domande: c'è una parte di te da tenere sotto controllo? delle emozioni "scomode" con le quali è un po' difficile fare i conti?

ovviamente una psicoterapia ti aiuterà in futuro a conoscere meglio alcuni aspetti della tua personalità: nel frattempo prova a rispondere a queste domande, magari tenendo un diario ed annotando ad esempio le tue emozioni ed i pensieri che sopraggiungono nelle situazioni sociali

in bocca al lupo

Provi ad intraprendere un percorso di psicoterapia in un consultorio oppure presso una scuola di specializzazione dove ci sono tariffe agevolate. Il consiglio più stupido sicuramente è dirle di utilizzare delle strategie perchè le sue mani sudate non le creino problemi per esempio dei fresh e clean. Mi faccia sapere

buona sera

sono la dott.ssa filomena lopez , credo che da sola non sia possibile affrontare la cosa eventualmente si rivolga ad un psicologa che pùò venire incontro alla sua situazione economica, per rispondere alla sua domanda bisogna conoscere la sua storia, capire perchè stare in mezzo agli altri la mette cosi ha disagio, da quanto tempo ha questa sudorazione cosa è successo... non è facile darle un consiglio 

Carissima, ti consiglio prima di tutto di andare dal medico e vedere se puoi fare sport. Fare sport aiuta tantissimo a contenere emozioni e relative sudorazioni. Ti consiglio anche di fare dello yoga che sicuramente ti aiutera' a mantenere l'equilibrio che stai cercando. Cordiali saluti

Cara ragazza,

 

innanzitutto complimenti per le consapevolezze che è riuscita a maturare finora rispetto alla sua sofferenza… il circolo vizioso tra le difficoltà relazionali e la paura di cosa penseranno di lei gli altri insieme ai sintomi dell’ansia come l’eccessiva sudorazione, che si rinforzano l’un l’altro.

Dice di non potersi ancora permettere una psicoterapia perché non lavora ancora… Ha provato a rivolgersi al Servizio di Psicologia della sua ASL? Probabilmente non potranno offrirle un vero e proprio percorso psico-terapeutico, ma di certo troverà psicologi e psicoterapeuti competenti in grado di darle almeno una prima risposta, se non di offrirle un percorso di psicoterapia breve al solo costo di un ticket.

E’ arrivata fin qui, non si fermi…

Buon lavoro!

Cara Ilenia,

il problema è leggermente più complesso di come lo hai esposto tu nella tua e-mail. Il circolo vizioso ansia sociale-sudorazione-ansia sociale è corretto ed corretta anche la tua considerazione che una psicoterapia potrebbe sicuramente aiutarti; tuttavia, in questo caso, probabilmente le "parole" potrebbero non bastare. L'incremento della sudorazione alle mani (misurabile come "conduttanza cutanea" con uno strumento di biofeedback periferico) è espressione dell'attivazione della componente simpatica del sistema nervoso vegetativo. Essa è una variabile fisiologica che, per essere sostanzialmente modificata, necessita di un apprendimento specifico. Purtroppo, questo apprendimento prevede un certo tempo (che varia da persona a persona) e un certo costo (generalmente simile a quello di una psicoterapia classica). Quindi, sebbene con l'integrazione della psicoterapia e del biofeedback avresti un grande aiuto, questo ha un costo. Non credo che a Catania nel pubblico si trovi qualcosa del genere, ma potresti provarci (i costi sarebbero in quel caso minimi). In bocca al lupo anche per lo studio.

Cordialmente

 

 

Salve Ilenia,  la problematica che riferisce è, purtroppo, al giorno d'oggi molto comune... Il problema è che, se la cosa viene trascurata, la tendenza a richiudersi nel proprio guscio, rende via via più complicato sviluppare relazioni che siano piene e durature... Essendo lei studentessa in psicologia, e capendo la necessità di un supporto specifico, le suggerirei di rivolgersi, come opzione, al servizio pubblico. Nello specifico, se mi contatta in privato, potrei fornirle qualche nominativo presso l'ASP di Catania o di comuni circostanti.  Cordialmente,

Dott. Maurizio Cirolli Catania (CT)

Cara Ilenia,

la "giovane donna che soffre" e la "studentessa di psicologia" possono e devono parlarsi tra loro. La prima conosce il proprio disagio, la seconda sa cosa è necessario fare per affrontarlo. Entrambe sono alle prese con un circolo vizioso (ansia-sudorazione-ansia, ansia-evitamento-ansia) e spezzare uno significa spezzare l'altro. Presso la ASL, dove svolgo l'attività di psicologo volontario, è possibile fare psicoterpia pagando un ticket molto basso (meno di 10 euro a seduta). Ovviamente, c'è da attendere a causa del grande numero di richieste. Non è detto che non possa rivolgersi ad un privato. Il costo è sicuramente più alto che nel pubblico, ma è sicura di non voler dedicare quanto la sua famiglia le dà per le sue spese per scegliere la "soluzione migliore", quella che lei stessa sa essere la strada da intraprendere?

Cordiali saluti,

Gentile utente, esistono le psicoterapie brevi che in un numero molto ristretto di sedute vanno al cuore del problema e usano strategie efficaci in grado di far cedere i sintom,i per cui la spesa è molto ridotta. Le allego il link di un mio articolo dove potrà trovare maggiori chiarimenti

http://www.psicologi-italia.it/psicologia/attacchi-di-panico/1254/attacchi-di-panico-cura.html cordiali saluti

Cara Ilenia,

la psicoterapia non è l’unica strada per affrontare e risolvere il tuo problema.

Jung  diceva che il sintomo, la malattia è Eidola, nume, spirito, divinità in noi che cerca ascolto e che diventa malattia quando perde il suo spazio nella nostra psiche, quando viene represso.

L’ansia è una tua alleata, è la voce dirompente dentro di te che vuole farsi ascoltare, non averne paura, la paura non farà altro che farla aumentare, essa invece abbisogna solo di essere accolta, amata e nel momento che sarà profondamente amata si dissolverà trasformandosi in un prezioso dono.

Quando un sintomo ci accompagna “da sempre” è possibile che esso abbia un origine antica, forse addirittura transgenerazionale (Shutzemberger). Noi che manifestiamo tale sintomo allora siamo l’ultimo anello di una catena, il cosiddetto “soggetto del riscatto” ovvero colui che ha l’occasione di guarire definitivamente il disagio o l’ingiustizia compiuta, subita e mai risolta.

Sicuramente riuscirai a conoscere e trasformare questa parte di te, ma ti consiglio di non focalizzarti troppo sulla psicologia accademica, guarda fuori dagli atenei, dove si parla appunto di psicologia transgenerazionale, di costellazioni familiari, di psicologia arghetipica e immaginale  e, forse, troverai una strada non solo per  affrontare il tuo disagio, ma anche una via perché la tua creatività e la tua intuizione possano aprirti un percorso professionale straordinario.

"maestro, ti prego, non permettermi di dimenticare, non lasciare che cada nell'inconsapevolezza e soffochi la mia capacità visionaria"

Un caro saluto.

Dott. Artabano Febo Pescara (PE)

Cara Ilenia, al fine di dissolvere " DEFINITIVAMANTE " le cause dei Disturbi Psicologici utilizzo la Psicoterapia tramite l'Ipnosi Vigile Regressiva. Se vuoi puoi telefonarmi in modo da poter organizzare una seduta " gratuita " tramite Skype. Credo che tu abbia subito un evento significativo di " comparazione fallimentare nell'arco di tempo che và dai 5 anni ai 10 anni che ti ha generato " ansia da vergogna ". In alternativa ti consiglio di curarti con degli ansiolitici. Ciao, a presto.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Paura ad uscire di casa

Salve, due giorni fá, ho avuto un giramento di testa molto forte che mi ha spaventata molto, ...

16 risposte
Fatico a piacermi.

Sono un adulto, e da sempre convivo con un disagio psicologico che fatico a superare, il fatto &eacu ...

4 risposte
Paura di uscire di casa

Buongiorno, sono una ragazza di 29 anni ed ultimamente ho paura di uscire di casa. Quando so di ...

11 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.