Condividi su:

Quante volte ci siamo sentiti dire: “quanto sono sfortunata in amore!” oppure “perché li trovo tutti così?”

La domanda giusta sarebbe “perché mi innamoro sempre della persona sbagliata?”

Si dice che l’amore è cieco, ma in realtà ci vede benissimo!

Nella scelta del partner, un ruolo di primo piano è giocato dagli aspetti di cui non siamo consapevoli. Fin da bambini viviamo all’interno di relazioni e apprendiamo quali sono le risposte degli altri alle nostre richieste. Ci costruiamo delle griglie di lettura che ci guidano all’interpretazione e alla valutazione delle nostre relazioni, degli altri e di noi stessi. Questi apprendimenti possono essere integrati nel corso della vita da nuovi incontri e nuove relazioni, ma fondamentalmente tendono ad essere confermati e a guidare fortemente le nostre scelte relazionali future.

In ciascuna coppia possono essere rintracciati gli elementi inconsapevoli che hanno guidato la scelta. In ogni caso si sviluppano degli incastri perfetti tra i nostri bisogni e quelli dell’altro. Ad esempio, il bisogno di confermare continuamente l’interesse che l’altro ha per noi, dettato dalla paura di non essere amati, potrebbe trovare soddisfazione con una persona che, avendo paura di essere abbandonato, è gelosissimo e non permette all’altro occasioni di incontro esterno. La gelosia sarà funzionale al bisogno di conferme perché comunicherà che l’altro non sopporta l’idea di perderci e ci permetterà di accettare scenate e limitazioni non proprio piacevoli. Dall’altra parte l’accettazione di queste limitazioni comunicherà all’altro la volontà di restare insieme e rassicurerà circa la paura che l’altro se ne vada. Oppure la difficoltà ad essere autonomi e la forte dipendenza si sposano bene con il bisogno di sentirsi forti e indispensabili, e così un membro della coppia diventa iperattivo per dimostrare a se stesso e agli altri di essere capace e l’altro estremamente passivo e dipendente. In entrambi i casi si tratta di un equilibrio precario messo a dura prova nei momenti di fisiologico cambiamento come la convivenza o la nascita dei figli. Ed ecco che a volte la coppia “scoppia” e ci si accorge di un rapporto fortemente deludente.

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

2

Domande e risposte

Come superare una rottura di una relazione difficile da accettare?

Sono un ragazzo di 26 anni. Ho iniziato in estate a frequentare un ragazzo di 34 anni. Entrambi ...

1 risposta
Tradisco

Buongiorno, Ho 28 anni sto con Andrea da quando ne avevo 17 adesso abbiamo una bambina ma durante la ...

5 risposte
Passione svanita?

Buonasera, sono sposata da quasi 6 anni e stiamo insieme da quasi 12. Abbiamo avuto parecchie diffi ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.