Problemi di coppia

Il compromesso nel rapporto di coppia

14 Marzo 2021

contattami

Condividi su:

Quante volte abbiamo sentito dire che per far andare avanti un rapporto bisogna fare dei compromessi!? Ma cosa vuol dire?

Come sostantivo compromesso ha due sfumature di significato:

· Di mediazione: in una disputa, il compromesso è il risultato di concessioni da entrambe le parti con lo scopo di trovare un terreno comune su cui concordare;

· Di colpa: può indicare un cedimento morale in cambio di vantaggi materiali (scendere a compromessi).

Come aggettivo può indicare

· un danno: quando significa messo in pericolo, a repentaglio, intaccato, rovinato;

· un difetto: ovvero danneggiato nella reputazione, screditato.

Insomma, non è proprio semplice e privo di conseguenze scendere a compromessi con qualcuno.

Io credo ci sia sul significato di questo termine un grande fraintendimento alla base del fallimento di molte relazioni. Relazioni che sopravvivono ma che non diventano motore nel percorso di crescita personale.

Quando si è in due l’esito del compromesso, inteso come mediazione, è quello di concedere qualcosa allo scopo di trovare un accordo di convivenza. Il problema insorge quando questo qualcosa che concediamo va a coincidere con parti di noi, ovvero aspetti identitari e vitali del nostro essere.

Il risultato, a lungo andare, è quello di sentirsi danneggiati, screditati nel proprio valore e nelle cose che si ritengono importanti.  In questi casi la coppia non è più il luogo dove sperimentare benessere e senso di appartenenza ma è il luogo della rinuncia e della privazione.

È da qui che nascono i risentimenti, il senso di frustrazione, la rabbia.

Vorrei recuperare questo termine e guardarlo in una prospettiva diversa: compromesso in un rapporto non può significare mettere in un cassetto parti di sé ma, piuttosto, sentire la necessità di raggiungere l'altro tirando fuori aspetti celati e inibiti.  Il compromesso dovrebbe essere opportunità e non negazione e appiattimento.

Il “Ti amo e farei tutto per stare con te” dovrebbe essere sostituito con il “Ti amo perché con te mi sento una  persona migliore”.

Il partner è uno stimolo a tirare fuori nuove risorse e competenze, a sciogliere nodi, ad aumentare la propria consapevolezza.

Certo non è un percorso ideale, ma se teniamo a mente questo concetto e lo facciamo nostro, potremmo leggere e risolvere diversamente tutti quei momenti in cui ci sentiamo fagocitati nel rapporto, stressati, privati di ciò che siamo.

Concludo citando Erich Fromm:

"L’amore è un potere attivo dell’uomo; un potere che annulla le pareti che lo separano dai suoi simili, che gli fa superare il senso d’isolamento e di separazione, e tuttavia gli permette di essere sé stesso e di conservare la propria integrità. Sembra un paradosso, ma nell’amore due esseri diventano uno, e tuttavia restano due".

Dr.ssa Francesca Pannone

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Domande e risposte

Non so che decisione prendere

Salve. Mi chiamo Veronica ed ho 34 anni. Purtroppo mi trovo in una situazione in cui non ho strument ...

6 risposte
Cosa siamo?

Non so più che pensare.. ho 44 anni sono single e frequento un uomo di 43 da 5 mesi ormai...

4 risposte
Il papà del figlio della mia compagna è presente nella nostra vita di coppia in modo ossessivo

Come anticipato nel titolo, "Il papà del figlio della mia compagna è presente nella ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.