Problemi di coppia

La Dipendenza affettiva

03 Dicembre 2018

contattami

Condividi su:

La Dipendenza affettiva
La Dipendenza affettiva è un disturbo della relazione che comporta la distorsione della percezione di sé e dell’altro.
Tale modello relazionale, che causa disagio e frustrazione nell’affettivo dipendente, tende a riprodursi come uno stereotipo.

In questo tipo di relazione vengono meno gli elementi essenziali per definirsi sana:
-la reciprocità,
-la complementarietà dei ruoli,
-il potersi sostenere in modo equilibrato,
-il rispetto.
Nella relazione tossica, possiamo individuare due parti:
-una parte (dipendente affettiva) che si aggrappa disperatamente all’altro
-un’altra (controdipendente) che rifugge l’intimità e la dipendenza, perché percepite come pericolose.


La parte dipendente affettiva che si aggrappa disperatamente all’altro, si riconosce degna di valore solo in relazione al partner, è estremamente bisognosa di amore e accudimento per colmare dei vuoti affettivi derivanti dalla sua storia che hanno scalfito la fiducia in se stessa, la sua autostima e l’idea di essere meritevole di amore e rispetto.
La persona dipendente si dedica totalmente al partner, ponendo il soddisfacimento dei bisogni altrui davanti ai propri, se ascolta i suoi bisogni si sente immediatamente in colpa e si ritiene una persona cattiva, spesso in conseguenza di manipolazioni psicologiche da parte del compagno che solitamente è un narcisista patologico oppure un antisociale (queste persone sanno, specialmente all’inizio, come presentarsi con fare molto amichevole e seduttivo, per poi rivelarsi altamente maltrattanti, e sono incuranti delle conseguenze negative che arrecano all’altro).
Prodigarsi continuamente per il partner comporta un notevole dispendio di energie, qualsiasi cosa si faccia non è mai abbastanza, spesso le umiliazioni e i maltrattamenti diventano sempre più esacerbati, si assiste a una vera e propria escalation, da cui è fondamentale uscire prima possibile.


Il partner (controdipendente) che si incastra spesso con una persona affettivamente dipendente è ad esempio un narcisista patologico, una persona che si serve costantemente della manipolazione per raggiungere i suoi obiettivi, incurante della sofferenza che arreca al prossimo. Per raggiungere i suoi scopi, è disposto a mentire sui propri sentimenti ricorrendo a dichiarazioni d’amore smisurato al partner, o fare progetti su un futuro insieme.
A questo punto la vittima  potrebbe avanzare il desiderio di avere una relazione stabile con il narcisista, il quale però teme terribilmente l’intimità, vista come una minaccia al suo Sè grandioso e onnipotente, e teme di dipendere dall’altro, perché potrebbero in tal modo  emergere le sue fragilità, cosa troppo dolorosa e intollerabile, visto che da bambino era rifiutato se esprimeva i suoi bisogni e le sue emozioni, ma era accettato, ad esempio, solo se rispecchiava le richieste dei genitori.


I genitori di una persona narcisista possono essere stati trascuranti, oppure aver considerato il figlio come il proprio prolungamento, e averlo messo costantemente al centro dell’attenzione come un oggetto da ammirare, ma non da amare per la sua autenticità. Il messaggio che arriva al figlio, in entrambi i casi, è quello di non essere degno di amore, mancanza che andrà a compensare cercando approvvigionamento narcisistico.


Queste relazioni sono devastanti per la parte che si aggrappa disperatamente al partner o alla stessa dinamica della relazione, spesso infatti si tende proprio a ricercare rapporti con l’altro che ripropongono questo modello relazionale distorto, perché è l’unico schema conosciuto e familiare e perché si spera in una sorta di riscatto, si crede che  cambiando il partner allora si verrà finalmente accettati e colmare quel vuoto affettivo lasciato dalle figure di accudimento.


È importante ascoltare il disagio e la frustrazione che derivano da queste relazioni e divenire consapevole di avere un disagio (spesso la persona attua strategie, come la minimizzazione e la giustificazione, per evitare di riconoscere di avere un problema di dipendenza affettiva). La persona dipendente teme terribilmente la solitudine e il senso di vuoto che la accompagna, nello spazio di terapia è possibile condividere questi vissuti ed elaborarli, comprendere l’origine dei comportamenti disfunzionali, dargli un senso, imparare a spostare il focus su se stessi piuttosto che restare ossessivamente sull’altro.
La terapia è senz’altro un aiuto fondamentale in questo percorso, ma lo è ancora di più la volontà e la motivazione al cambiamento del paziente. Solo così si è in grado di scoprire le proprie risorse in modo da imparare a stare bene da soli, a non sentire più quella paura dell’abbandono che fa mancare la terra sotto i piedi.

Spostare l’attenzione su di sé implica essere in contatto con il proprio Io, percepirsi, avere la consapevolezza dei propri pensieri, bisogni, desideri e dargli seguito.

 

 

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Domande e risposte

Cosa fare per stare bene

Buonasera sono un uomo di 49 anni sposato da 24 anni vi scrivo per capire. Ho profondamente deluso ...

1 risposta
Cosa devo fare se mio marito non vuole più avere rapporti?

Salve, sono sposata da 18 anni ho sempre capito che mio marito aveva qualcosa che non andava in ...

2 risposte
Marito ipercritico

Buongiorno, Sono una donna di 39 anni, sposata da 12 anni. Mio marito mi critica in continuo per ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.