Aiuto su problemi di coppia

Julia

Buongiorno, avrei bisogno di un consiglio.
Ho un marito che mi ama e mi tratta come una regina, nonostante questo io mi sento insoddisfatta e cerco attenzioni negli altri uomini, ho avuto una breve relazione con un amico comune (con cui usciamo spesso) ed è stato lui a provarci per primo, io non ero interessata a lui, ma da quando ha iniziato a provarci ci sono cascata. Poco tempo fa lui ha deciso di chiudere questa cosa e io da allora sono ossessionata da lui e vorrei farlo tornare da me, anche se so che non potremmo mai stare insieme. Ma a parte questo io vorrei essere desiderata da tutti, mi piace essere guardata e ammirata, e quando qualcuno fa dei complimenti su di me a mio marito sono contentissima. Quando qualcuno mi da attenzioni inizio a guardarlo con occhi diversi e cerco di provocarlo e farlo impazzire. Ho addirittura proposto a mio marito di avere un rapporto a tre.
Sono figlia di genitori separati, mia madre si è sempre lamentata del suo fisico davanti a me quando ero piccola, poi si è messa con un uomo che rubava e si drogava, li ho visti piangere e litigare un sacco di volte.
Dopo di lui si è messa con uno sposato e anche con lui litigi su litigi, mentre stava con questo uomo andava con il suo amico e li ho beccati a consumare un rapporto sul tavolo della nostra cucina, li ho interrotti e lei è diventata una furia. Ora sono due anni che non la sento e nonostante tutto mi dispiace.
Io non so se possa centrare qualcosa con la mia situazione però ho voluto raccontare lo stesso tutto ciò. Grazie in anticipo per le risposte.

2 risposte degli esperti per questa domanda

Gentile Julia,

i problemi che lei descrive non sembrerebbero riguardare la sua vita di coppia, ma lei ed il suo "non vedersi in coppia" con suo marito, tanto da desiderare di prospettargli la presenza di un terzo.

Magari inizi a riflettere partendo da qui.

Cordiali saluti

Maria Greco

 

 

Salve Julia, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.

E' necessario fare chiarezza sui sentimenti che prova su suo marito ma ancora di più su questa sua reale necessità di sentirsi ammirata e accerchiata da attenzioni: così facendo, purtroppo, rischia di compromettere qualsiasi tipo di rapporto.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stessa utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL