Problemi di coppia

Amare due ragazzi contemporaneamente?

Lea

Condividi su:

Buongiorno, sono una ragazza di 21 anni e mi trovo in una situazione problematica che non mi rende per niente serena.
Dopo quasi 6 anni di relazione con il mio fidanzato storico, ho conosciuto (ormai da 8 mesi) un ragazzo che mi ha stravolto la vita ed ora mi trovo molto combattuta tra i due.
Da una parte, sono molto affezionata al mio fidanzato, ho un forte coinvolgimento emotivo con lui (dato che siamo cresciuti insieme), lui mi vede come la donna della sua vita (e probabilmente anche io continuo a vederlo come tale), dunque mi trasmette stabilità e certezze (di cui ho bisogno, essendo io una persona particolarmente ansiosa).
Dall'altra, si tratta di un ragazzo molto diverso da me, verso il quale ho una forte attrazione fisica ed un intenso coinvolgimento intellettivo (sono state proprio la diversità e la spiccata personalità ad attrarmi).
Lui ha mille interessi e molti amici, vedo che si sta innamorando di me e credo sia anche lui una persona leale e fedele, nonostante questo suo essere un po' sopra le righe.
Lui ha risvegliato emozioni in me che da tempo non sentivo, abbiamo molta complicità, è una persona stimolante ma anche parecchio eccentrica e lunatica.
Ho chiesto al mio fidanzato un periodo di break.
In questo frangente di tempo, mi sto rendendo conto di sentire la sua mancanza,(quindi mi chiedo: lo amo o è solo affezionamento?)ma al tempo stesso sono contenta delle attenzioni che l'altro mi dà (sta diventando amore o è solo infatuazione?).
So che è impossibile amare entrambi contemporaneamente ( non sono una persona poliamorosa) e che il tempo svelerà quello giusto, ma di tempo non ne ho più molto.
Il mio fidanzato inizia a pretendere una risposta e sento la pressione di una scadenza, per una scelta troppo grande che non riesco a prendere.
Inutile dire "segui il cuore"; lasciare il mio ragazzo vorrebbe dire tradire me stessa e il cuore leale della donna che sono/bambina che ero (quando ci siamo conosciuti).
Impegnarmi con l'altro è un rischio, ma sono ancora giovane, quindi è forse anche un' opportunità di esperienza, scoperta e crescita.
Ho paura però che nel lungo termine le differenze tra le nostre due personalità si facciano sentire, anche se sarebbe dura rinunciare ad una persona con cui mi trovo così bene.
Tornare sui miei passi col mio fidanzato, vorrebbe dire impegnarsi per colmare le mancanze che sono sorte, affrontare periodi di "noia" dovuti al nostro essere molto simili e quindi cercare sempre nuovi stimoli.
Ringrazio chiunque abbia letto e chiunque aggiunga una proprio parere personale.
Buona giornata.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile 21enne innamorata di due ragazzi, la prima cosa che mi viene in mente è che 21 anni sono molto pochi per fare una scelta così definitiva come mi pare che lei senta. Se fossi in lei cercherei di resistere alle pressioni del suo ragazzo per concludere il break . Evidentemente per lei non è stato un periodo sufficiente. Naturalmente deve anche accettare il rischio che il suo ragazzo non riesca ad aspettarla....magari avrà anche lui un'esperienza diversa, e forse in futuro vi ritroverete. Ma non è detto. Si può anche pensare che nessuno dei due ragazzi con i quali adesso si sente coinvolta sia quello giusto per un'esperienza più duratura di vita di coppia.


Il mio consiglio è di resistere ancora nell'incertezza finchè non si sentirà più sicura su quale strada prendere.


Auguri, Cristina Berti Ceroni. 

Gentile scrittrice,
Prima di tutto grazie per la chiarezza con cui esprimi quanto stai vivendo in questo momento. La tua onestà e trasparenza ti aiuteranno certamente a scegliere.
Ora, per contenere maggiormente l’ansia e l’insicurezza, sembri cercare una risposta razionale, ma, come sai già, la mente e la logica sono adatte a risolvere problemi più matematici che affettivi e relazionali. Il rischio che ti si apre é quello di stagnare a lungo nella palude del non saper che fare e infine scegliere non per quello che vuoi, ma in conseguenza delle pressioni che riceverai da una parte piuttosto che dall’altra. É il tempo degli altri che stringe, non il tuo.
Cosa intendi poi per “uomo giusto”? L’amore della tua vita? L’amore unico ed eterno?
Prova a chiederti qual’é la scelta giusta ora, in questo stesso istante, la sola cosa a cui non puoi rinunciare, perché é inevitabile, e forse troverai la risposta autentica, che, vedrai, ti porterà direttamente sull’unica strada: quella che la tua essenza profonda ( e non una tua identificazione) ti chiede di esperire ora. Magari la tua mente dubiterà all’inizio e farà di tutto per crearti resistenze, ma la tua sorgente vitale sarà gratificata.
Infatti, l’esistenza ci riserva esperienze inevitabili che la nostra anima (psiche) deve fare per crescere ed evolversi e per quanto cerchiamo di evitarle ci si ripresenteranno di nuovo e costantemente durante il corso della vita.
Un’ultima cosa, con il tuo permesso... pensi che dopo questo break con il tuo fidanzato storico, possa davvero tornare tutto uguale a prima?
Spero di non averti confuso ulteriormente, aggiungendo domande invece che rispondendo, ma, leggendoti, mi sei sembrata piuttosto consapevole del fatto che la risposta giusta é solo dentro di te e, fidati, ci sei più vicina di quanto non pensi.
Non sentirti in colpa verso qualcuno, ma onora te stessa, perché il bisogno di crescere e trascendersi é una qualità sacrosanta degli esseri umani, non un peccato capitale.
Roberto Lugli

Cara Lea, lei possiede raziocinio e spontaneità in misura molto complementare ed un grande senso di decifrazione delle emozioni, dote non comune alla sua età, che dovrebbe semplificarle la vita ma che in questo caso gliela complica, e non poco. Sono stata attratta dalla sua mail perchè ho avuto l'estate scorsa una paziente che aveva gli stessi dubbi e che era altrettanto lineare e acuta nel delineare il dilemma. Quello che mi colpisce è la sua giovane età e anche il suo timore di fare passi sbagliati, rinunciando alla sicurezza affettiva che le dà una storia importante e al pericolo di pentirsi di averla superata; e anche lo scrupolo di far soffrire il ragazzo che le è accanto da sei anni e con cui ha molto condiviso. Nondimeno il suo ragazzo non può non apprezzare la sua onestà e il non averlo ingannato per comodità come farebbero  molti, eludendo la responsabilità verso le persone. 


Però lei ha il diritto di riflettere, senza pressioni, perchè la risposta arriverà solo quando avrà chiarito a se stessa cosa vuole veramente e cosa è meglio per sè. Soltanto lei può dirlo, perchè non siamo tutti fatti allo stesso modo. Il mio consiglio è di ascoltarsi in prima persona, mettendo al centro della sua scelta solo se stessa e ciò che sente. La vita è fatta di scelte continue, nessuna certezza, la razionalità da sola non basta perchè va coniugata felicemente con la ns parte emotiva, e tollerare di poter sbagliare è l'unico modo per crescere e costruirci. non so se le sono stata utile, lo spero. Un caro saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non so che decisione prendere

Salve. Mi chiamo Veronica ed ho 34 anni. Purtroppo mi trovo in una situazione in cui non ho strument ...

6 risposte
Cosa siamo?

Non so più che pensare.. ho 44 anni sono single e frequento un uomo di 43 da 5 mesi ormai...

4 risposte
Il papà del figlio della mia compagna è presente nella nostra vita di coppia in modo ossessivo

Come anticipato nel titolo, "Il papà del figlio della mia compagna è presente nella ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.