Problemi di coppia

Fidanzato depresso

Roberta

Condividi su:

Ho 28 anni e il mio ragazzo 32, lui da tempo ha difficoltà nel trovare (ma anche cercare) lavoro. Mi racconta di sentirsi bloccato e spesso rinuncia a farlo dedicando intere giornate a giochi di ruolo e community online. Mi sembra che dedichi sempre più tempo a questi giochi e meno a se stesso e a prendersi cura di se. Trascura la sua salute rimandando visite.
Questo andazzo va avanti da tempo ma dopo il Lockdown è peggiorato. Da parte mia desidero aiutarlo in ogni modo possibile e ho tentato tante volte di spingerlo a sentire un professionista ma "rimanda" anche questo.
Da tempo ormai è intrattabile, sulla difensiva, non è più possibile fargli notare nulla perché lamenta di sentirsi incompreso e vuole essere "lasciato in pace", il risultato è un cane che si morde la coda e torna a stare al pc a giocare.
Tutto questo non fa che mettere in difficoltà anche me che inevitabilmente divento triste e temo di sprecare tutta la mia vita per tentare di aiutare lui che mi sembra non volere essere aiutato. Ho paura che questo modo di non sapere gestire la situazione lavorativa non ci porterà da nessuna parte come coppia e che non riusciremo mai a trovare una nostra indipendenza economica. Questi stessi pensieri ovviamente mi causano ansie e sensi di colpa. Non so come aiutare lui e come aiutare me.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Roberta. Il primo passo che potrebbe fare è quello di esternare non solo ciò che la preoccupa degli atteggiamenti del suo ragazzo, ma anche le preoccupazioni “secondarie”, se così vogliamo chiamarle, generate da questi stessi pensieri. Nel caso in cui non apparisse ricettivo e rimanesse chiuso nella sua routine, potrebbe essere utile per entrambi iniziare un percorso di coppia per riuscire a trovare un canale comunicativo utile per ascoltare in modo più profondo le reciproche esigenze e cogliere ciò che vi ha portato a vivere questa situazione di coppia.
Se invece lo ritiene utile, potrebbe anche pensare ad un breve percorso di supporto e confronto individuale per riuscire a fare chiarezza sui suoi pensieri e trovare, in un primo momento individualmente, un metodo comunicativo migliore di quello attuale, che non sta portando a risultati.
Sono comunque tutte ipotesi e potrebbe essere utile avere un confronto più ampio ed approfondito sulla sua situazione prima di scegliere quale percorso sia più adatto alle circostanze che la vedono coinvolta e la fanno riflettere.
Mi rendo disponibile, anche online, se decidesse di intraprendere questa strada.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.

Buonasera gent.ma Roberta,


la situazione che ci ha descritto è sicuramente difficile per entrambi, per motivi diversi, ma complementari:


la procrastinazione del suo compagno è di per sè una condizione clinica che può diventare cronica e totalizzante e, come diceva, c'è anche una forte (ed inevitabile) ricaduta relazionale e psicologica su di lei. 


Lei non può cambiare (o salvare) nessuno se non se stessa e se non riesce a farlo da sola, può farlo chiedendo un consulto psicologico che possa aiutarla e supportarla in questo non facile momento. Non è in suo potere scegliere al posto del suo compagno, ma è in suo potere scegliere come affrontare la situazione al meglio per se stessa.


Buona scelta.


Cordialmente,


Dott.ssa Bianchini Margherita.


 


 

Salve Roberta, mi spiace molto per la situazione e comprendo il disagio sperimentato sia da lei che dal suo partner.


Mi spiace che lui non trovi le risorse per provare ad invertire la rotta: è chiaro, tuttavia, che l'insofferenza lo porta in una spirale negativa per la quale si generano pensieri negativi ei conseguenza emozioni negative che conducono, successivamente, verso comportamenti di chiusura e ritiro che innescano nuovi pensieri negativi e così via.


Dunque, il lavoro sicuramente non arriva se non lo si cerca pertanto, l'unico modo per trovarlo è mettersi in gioco: quali sono i vantaggi a lungo termine del trascurare la salute e del trascurare tutti gli aspetti della vita?


Dunque, chiaramente il suo partner sta attraversando un momento complesso per cui cercate di crearvi uno spazio nel quale possiate scambiarvi, senza giudizio, pensieri e vissuti emotivi connessi alla situazione.


Sarebbe importanti che voi possiate richiedere insieme un consulto psicologico al fine di indagare le cause, origini ed i fattori di mantenimento dei sintomi e per trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.


Resto a disposizione, anche online.


Cordialmente, dott FDL

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Matrimonio

Buongiorno, allora io e mio marito siamo sposati dal 2006 e non abbiamo mai avuto una lite vera e ...

2 risposte
Dopo due anni da un tradimento, limiti affettivi e di attaccamento

Buonasera.Penso che la mia situazione sia abbastanza complessa e stratificata, quindi cercherò ...

3 risposte
Accettazione di un evento successo

Buonasera, Mi trovo qui a parlare di una situazione in cui mi trovo a causa di un’azione che ...

9 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.