Problemi di coppia

Ho una relazione con una donna sposata

pietro

Condividi su:

Buonasera ho una relazione con una donna sposata la quale non ama il proprio marito manipolatore, geloso, aggressivo e che la spia da una vita. Tuttavia lei non vuole separarsi da lui dice che ci ha provato in occasione di un precedente rapporto extraconiugale ma che ora non vuole cambiare la sua vita. Io del resto non ho fatto alcun discorso per farle cambiare idea. Pur essendo un consuelor non riesco a comprendere il meccanismo mentale che porta una donna colta intelligente e con una forte carica erotica a trascorrere la sua esistenza e dividere il letto con un uomo che la svaluta, la manipola e la considera una sua proprietà. Dato che molti rapporti coniugali sono caratterizzati da questo comportamento femminile ho bisogno di comprenderne l'origine. grazie

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Ciao Pietro,

poni una domanda molto complessa e profonda, senz'altro legata anche alla tua esperienza lavorativa...

Come senz' altro sai, già Pascal  ci avvertiva -ci sono delle ragioni nel cuore che la ragione non ha-,, non credo si possa rispondere al dilemma che tu poni generalizzando. Così facendo rischieremmo di produrre solo stereotipi , invece è importante comprendere le motivazioni che spingono la signora con cui hai una relazione a mantenere il suo rapporto con un marito che, a suo dire , non la valorizza, è geloso, la spia, è aggressivo.Talvolta è proprio la paura di alterare uno status quo che impedisce di prendere decisioni benefiche per la propria vita, altre volte è proprio lo scenario di rapporti così complessi che rende la vita degna di essere vissuta, altre ancora, c è un bisogno di tener separati i momenti della quotidianità e della routine da quelli eccitanti di incontri amorosi clandestini. Qualche volta accade che tutti questi elementi coesistano nella vita di una persona.

Un principio che io sono solita seguire per cercare di comprendere un pò di più è quello di considerare che la persona ha sempre bisogno anche di qualcosa contro cui lottare per pensare che il suo unico problema sia  rappresentato dalle difficoltà legate a  quell ambito., ma che in realtà siano anche aspetti che le appartengano, in una sorta di antagonismo fra parti del Sè. Concludendo, non generalizzerei, ma cercherei di comprendere maggiormente la qualità del vostro rapporto e le eventuali potenzialità di sviluppo.Cercherei di approfondire il legame, se questa è la dimensione che interessa a tutti e due , successivamente, forse, la strada da seguire sarà più chiara.

Caro Pietro,

purtroppo nonostante la comprensione a livello pratico della svalutazione e del rapporto insoddisfacente, ci sono dei funzionamenti e dei meccanismi che vanno al di là della ragione. Come saprà ogni persona ha una storia di vita, uno stile familiare e relazionale e da questo, può essere difficile prenderne le distanze.

Nel caso di rapporti così io suppongo spesso una sorta di dipendenza affettiva che, anche se apparentemente senza senso, ha comunque un significato di esistere. Essendo coinvolto nella relazione, il ruolo di couselor non le è possibile farlo con lei, ne è troppo coinvolto. Può invitare questa donna però a fare una riflessione su quali sono i motivi che la spingono ad una scelta così.

In bocca al lupo

Buonasera Pietro, le motivazioni alla base del comportamento umano possono essere estremamente varie e a volte non è facile individuarle, soprattutto quando si è coinvolti in una situazione.

In generale la scelta di lasciare il proprio marito per alcune donne è molto difficile da prendere perché, anche se il matrimonio ha aspetti estremamente negativi, l'interruzione del rapporto viene percepito come un notevole cambiamento che, come tutti i cambiamenti (anche quelli positivi) può essere estremamente stressante e può produrre grandi difficoltà, sia a livello pratico ed economico, sia a livello affettivo e psicologico. Per molte donne è molto più semplice mantenere in piedi il proprio matrimonio (a volte anche per questioni di immagine) e cercare ciò che desiderano e che non hanno al di fuori.

Ovviamente la mia riflessione non può che rimanere molto generica non conoscendo nel dettaglio la situazione.

Io credo che lei non dovrebbe focalizzarsi troppo su questi aspetti, ma riflettere un po' di più su stesso. Ad esempio, è disposto ad accettare questa situazione o no?

Dott.ssa Rita Messini Latina (LT)

La mia domanda invece è rivolta a lei perchè un uomo dovrebbe intraprendere una storia con una donna sposata? quando le storie sono meno sofferte se si vivono in due invece che in tre? I triangoli amorosi non sono quasi mai idilliaci ed appaganti, quindi meglio stare da soli o stare con donne e uomini liberi che desiderano stare con noi senza altri pensieri ed impedimenti. Il problema non è capire cose spinge una donna a stare con un uomo manipolatore, ma cosa spinge sia le donne che gli uomini a tradire. Spero di esserle stata di aiuto, Cordiali saluti.

Dott.ssa Barbara De Luca Catanzaro (CZ)

Carissimo Pietro, bisogna sempre tenere conto che i sentimenti non sono mai qualcosa di razionale. A volte pensiamo:“Perché sta con lui se non lo ama?“ Pensando che a tali questioni ci sia una spiegazione razionale e logica. Purtroppo, ciò che succede riguarda le nostre emozioni e i nostri sentimenti,i nostri ricordi, i nostri legami. Anche con una carica erotica, come dice lei, molto forte,che ha portato la sua amata, alla relazione con lei, questa potrebbe avere comunque,un cuore più “casalingo“. Lasciare un marito non è come lasciare un fidanzato. Con un marito hai dei ricordi in comune, delle esperienze, dei figli, un progetto di casa e di famiglia, che a buttar via si fa molta fatica. Per carità, sono sicura che la vostra sia una bella relazione, sentita da entrambi, ma chiudere un matrimonio non è così semplice come iniziare una storia d'amore. Dia tempo alla sua donna e non le chieda per favore, di lasciare il marito. Se la vostra storia decollerà, qualunque legame si dissolverà da se. Rimango a vostra disposizione. Cari saluti. 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

È normale non avere desiderio sessuale a 31 anni?

Salve, sono Antonia, 31 anni, sposata da 10 anni e con 2 figli di 10 e 4 anni. Da circa 4 mesi non ...

4 risposte
Mancata voglia di avvicinarsi al sesso

Salve ho 32 anni, sto insieme al mio compagno da 8 anni. All' inizio era tutto bellissimo, c'era ...

11 risposte
COME COMPORTARSI CON UN DIPENDENTE DA COCAINA?

Buongiorno, ho 25 anni e sono fidanzata con un ragazzo da 9 anni, convivente da 3. E' cresciuto in ...

9 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.