Problemi di coppia

Il mio ragazzo ha paura che lo inganni con la pillola

Gwendolyn

Condividi su:

Buongiorno, mi piacerebbe ricevere dei suggerimenti per una questione aperta con il mio fidanzato che ritengo abbia dell'incredibile. Mi chiamo Gwen ho 28 anni e ho una relazione con il mio ragazzo (anche lui 28 anni). Stiamo molto bene insieme, abbiamo la fortuna di poter convivere nonostante siamo ancora giovani e abbiamo entrambi un lavoro, tutto perfetto direste? Qualche settimana fa a fine giornata ho detto al mio lui che mi piacerebbe avere un bambino, probabilmente ho scelto un pessimo momento in cui introdurre l'argomento per via di alcune questione lavorative che invadevano già abbastanza i suoi pensieri, mi ha risposto che non si sentiva pronto per una cosa così importante e lì per lì ci sono rimasta un po' male ma nulla di sconcertante. Il problema è che nei giorni successivi lui non ha praticamente mai voluto fare l'amore con me, solo un paio di volte dove ho preso io l'iniziativa abbiamo avuto dei rapporti seppur non completi ma ho notato un calo di passione nei miei confronti che mi preoccupa, anche perché prima lo facevamo praticamente tutti i giorni. Quando gli chiedevo il motivo di questo suo rifiuto del sesso mi rispondeva che era in ansia per il lavoro e soprattutto per il viaggio che doveva fare. Inutile dire che non ci ho mai creduto, addirittura la mattina prima della partenza non ha voluto fare l'amore anche se non ci saremmo visti per 4 giorni. A questo punto gli ho chiesto di dirmi la verità cercando di non sembrare aggressiva e lui mi ha risposto, per altro quasi piangendo il che mi faceva preoccupare, che il pensiero che io desiderassi un figlio lo metteva molto a disagio dal punto di vista sessuale perché nel caso io restassi incinta lui sarebbe costretto a riconoscere il figlio (che non si sente assolutamente di avere), e il fatto che io abbia questo potere su di lui lo inibisce. Sono rimasta ferma davanti a quelle parole, gli ho detto che avremo un figlio il giorno in cui lo vorremo entrambi ma mi ha ribadito che il suo è un pensiero "irrazionale" che lo condiziona e ha bisogno di tempo. Abbiamo deciso di riparlarne al suo ritorno ma devo dire che ieri non ho praticamente pensato ad altro. Mi sono informata e ho visto che in effetti non esiste alcun tipo di tutela per l'uomo che si ritrova padre contro la sua volontà, persino se questa gli è stata imposta con l'inganno dalla partner, e l'unica cosa che può fare per prevenire è usare il preservativo (il che sarebbe assurdo visto che è quasi un anno che prendo la pillola e abbiamo sempre fatto l'amore con questa protezione), ciò lo reputo assolutamente ingiusto. Ma voglio che lui sappia che io non gli farei mai una cosa del genere, e nel caso mi ritrovassi incinta mentre lui non si sente pronto troveremmo sicuramente una soluzione, più di questo non saprei cosa fare, torna tra 3 giorni. Mi scuso se mi sono dilungata, e vi chiedo se avete qualche consiglio da darmi per risolvere questa situazione. Un saluto

1 risposta degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Gwendolyn,


è molto positiva la vostra apertura al dialogo e al confronto come coppia. 


Da cosa scaturisce però questa mancanza di fiducia nel suo compagno? Di cosa ha paura? Avevate mai parlato prima di figli? Com'è la vostra situazione lavorativa? Lei come ha reagito? Come sta dopo aver ascoltato quelle parole? 


Come afferma anche lei provate a riparlarne in un momento più tranquillo per entrambi, si apra con lui, le mostri le sue emozioni ma anche l'amore che prova ed il rispetto. 


Se le difficoltà persistono si potrebbe anche valutare una psicoterapia di coppia per dialogare meglio tra di voi in riferimento ai sogni e alle paure della coppia oppure valutare se il suo compagno voglia avere uno spazio solo per lui dove essere accolto, ascoltato ed aiutato a capire cosa lo abbia bloccato in questo momento. 


Le linko degli articoli scritti da me:


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/terapia-di-coppia-torino/


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/terapia-individuale-minori-adulti-cognitivo-costruttivista/


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/quando-richiedere-una-consulenza-psicologica/


Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza online o se volesse rispondere in privato alle domande poste.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Gli opposti si attraggono(?)

Gentili dottori, da un paio di mesi frequento un ragazzo ed entrambi siamo estremamente infatuati...

2 risposte
Sfogo personale su un rapporto strano con un ragazzo

Buonasera, mi chiamo V, ho 24 anni. Decido di postare qui questa mia storia, con i miei pensieri, ...

3 risposte
Continuare ad aspettare o rassegnarsi?

Buongiorno a tutti, Sono una donna di 29 anni e due anni fa ho conosciuto un uomo con esattamente il ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.