Problemi di coppia

Mi ha lasciata dopo 9 anni che fare?

Jess

Condividi su:

Salve, vorrei dei consigli per la mia relazione lui mi ha lasciata dopo 9 anni relazione eravamo in cerca di casa e progettavamo una vita insieme e parlavamo anche di figli.
Mi lascia dicendo che litighiamo troppo, i litigi di cui mi parla per me sono futili cioè superabili non ci siamo mai mandati a quel paese o non parlati per giorni era litigi che dopo poco venivano superati o per lo meno per me. Da quando mi ha lasciata sono sempre stata io a farmi sentire ci siamo visti più volte e siamo stati insieme ma lui poi dice che è bloccato e non riesce ad andare avanti in questo momento. Ora non lo sento da 15 giorni e ho saputo che ha comprato un macchina super costosa altri oggetti costosi per il pc e altre cose, precedentemente non avrebbe mai fatto tutte queste compere essendo un tipo molto parsimonioso.
Non so cosa gli stia succedendo lo vedo in una crisi di mezza età come se poi al momento di fare quel passo in più si è fermato. Cosa fare che cosa gli sta succedendo??

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Carissima Jess


Dopo i primi tempi nelle relazioni di coppia, i tempi di seduzione e di erotismo, iniziano a venir fuori gli scheletri dall’armadio che sono i fantasmi del nostro passato cioè i modelli dei nostri genitori che hanno fatto sì che noi avessimo particolari rappresentazioni che ci portano ad agire in un certo modo


Quello che il bambino impara nei primi anni di vita, solitamente nei primi 12 anni di vita, età dello sviluppo, costituisce una rappresentazione che permea e che plasma tutta la vita come diceva BOWLBY “dalla culla alla tomba”, plasma e orienta le nostre scelte.
Quando incontriamo un partner, nella nostra prospettiva evoluzionistica, scegliamo un partner intimo sessuale o affettivo, ma nelle nostre reti c’è anche la prospettiva del genitore (anche nei casi in cui coscientemente non abbiamo nessuna intenzione di avere figli) che vorremmo per i nostri figli, e quindi i criteri di selezione saranno adattivi per garantire la sopravvivenza della prole. 
Questa scelta non avviene quando abbiamo un flirt!
È quando si costruisce una relazione di coppia che compaiono le nostre rappresentazioni interne, nel bene e nel male, quindi se abbiamo avuto la fortuna di avere nella nostra infanzia delle relazioni sicure noi ci aspetteremo che il nostro partner sia proprio una persona che ci ami, leale, che ci rassicuri nel momento del bisogno, con la quale possiamo esplorare congiuntamente per raggiungere obiettivi paritetici, quindi in un’ottica cooperativa. Può anche succedere, come di fatto avviene la maggior parte delle volte, di non aver avuto un attaccamento sicuro, quindi passata la fase iniziale tutta zucchero e comprensione, possiamo rimettere in atto tutti gli schemi disfunzionali che abbiamo acquisito nei primi anni di vita.


È importante capire cosa ci aspettiamo da una relazione e cosa mettiamo in gioco del nostro passato. Infatti la scelta che noi facciamo del partner esprime completamente quello che desidereremmo, cioè cambiare il modo in cui noi ci siamo sentiti, ad esempio se non ci siamo sentiti amati desidereremo incontrare un partner che ci ama che ci rispetti che ci rassicuri nel momento del bisogno, ma poi purtroppo finiamo per scegliere partners che assomigliano in qualche modo alle nostre figure di riferimento, ai nostri genitori. Questo succede perché c’è di mezzo in qualche modo l’evoluzionismo, NOI SCEGLIAMO CONSPECIFICI, così come il gatto sceglie una gatta noi scegliamo il partner che assomiglia a quello che noi abbiamo visto accadere nella nostra famiglia, oppure scegliamo un partner diverso ma in qualche modo temiamo che quel partner ripercorra oppure riattivi quello che abbiamo vissuto con i nostri genitori, con le nostre figure di accudimento, ed ecco che spesso un comportamento del partner, o un’emozione o una parola o una frase detta diventa qualcosa che ci fa sentire e essere e pensare e muovere nello stesso modo in cui noi ci siamo sentiti, ci siamo mossi, ci siamo pensati nella relazione con i nostri caregiver. E non solo! Entrano qui in gioco i modelli comportamentali relazionali che abbiamo visto nella relazione dei nostri genitori, perché noi siamo stati testimoni della loro storia. 


Nelle mie molteplici specializzazioni sono anche una un terapeuta di coppia, spesso vedo pazienti individuali che vengono da me con problematiche emotivo-relazionali di coppia, separazioni, perdita del partner, difficoltà nel gestire la relazione di coppia, tradimenti subiti, tradimenti attuati, passaggio difficile di transizione verso la genitorialità, problemi di fertilità, separazioni dolorose da un figlio, difficoltà a vivere la relazione di coppia nel momento in cui nasce un figlio.... ma molto più spesso quando la coppia si rompe.


L’attaccamento di coppia di due persone adulte deve corrispondere a una base sicura, cioè deve soddisfare reciprocamente il bisogno di conforto e sicurezza. Un rifugio sicuro è vicinanza emotiva.


Succede proprio come a un bambino con i genitori però, mentre il bambino continua a chiedere attraverso il pianto o attraverso il raggiungimento della figura di riferimento ricevendo rassicurazioni con la vicinanza fisica del genitore, in età adulta questo bisogno è reciproco quindi i partner devono essere l’uno per l’altro figura di riferimento e fonte d’aiuto.


A volte si cristallizza la dimensione dove solo un partner è figura di riferimento e l’altro è solamente quello che richiede, questo impedisce alla coppia di muoversi in maniera sintonica e può favorire rotture relazionali perché si basa su uno schema rigido e non flessibile.


In età adulta devo essere in grado di sentirmi al sicuro con il mio partner non solo quando è vicino ma anche quando è lontano, devo potermi portare la relazione all’interno di me stesso, e noi adulti ci portiamo dietro questa capacità di mantenere l’altro nella nostra mente anche quando l’altro si è allontanato.


Per risponderle su un piano squisitamente personale dovrei farle molte domande per capire in quale scenario si incastra la sua storia. Provi a chiamarmi e a fissare un appuntamento con me, potremo fare tanto.


Cordiali Saluti


dott. Tiziana Vecchiarini 

Salve,


sicuramente le crisi di coppia, specie se particolarmente durature, possono essere caratterizzate da alti e bassi, crisi e riappacificazioni. I motivi di questo allontanamento da parte del suo compagno potrebbero essere tanti, ed è difficile riuscire a stabilire un'unica motivazione. Dalla sua descrizione tuttavia , sembrano esserci elementi riconducibili ad un bisogno da parte del suo partner di ristabilire una sorta di controllo di gestione della sua vita indipendentemente da progetti futuri o legami stabili; forse una reazione dettata dall'ansia rispetto ad un impegno futuro più stabile. Inoltre, tale scelta e allontanamento si colloca in un contesto storico molto caotico e difficile sul piano sociale legato alla pandemia, con ripercussioni psicologiche, spesso molto forti.


Questi momenti possono essere sicuramente difficili, specie dopo tante condivisioni e tante esperienze passate insieme; le crisi possono costituire uno stato reversibile che può condurre ad un'evoluzione della coppia oppure essere momenti di crescita individuale in cui i due componenti comprendono di avere bisogni diversi e necessità differenti da quelli della coppia.


Sicuramente, nel suo caso è ancora prematuro stabilire gli esiti e le priorità di questo rapporto. Con il tempo riuscirà sicuramente a comprendere meglio questa situazione.


Le consiglio, intanto, di focalizzare la sua attenzione su se stessa, sui suoi sentimenti ed emozioni e sulle sue esigenze e bisogni come persona. Questo momento di allontanamento potrebbe essere per lei un'occasione preziosa di crescita e cambiamento personale indipendentemente dal suo compagno.


Cordiali saluti


Dott.ssa Maria Anna Di Meo


Psicologa -psicoterapeuta cognitivo-comportamentale


(Pozzuoli - Napoli)

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Cosa fare per stare bene

Buonasera sono un uomo di 49 anni sposato da 24 anni vi scrivo per capire. Ho profondamente deluso ...

1 risposta
Cosa devo fare se mio marito non vuole più avere rapporti?

Salve, sono sposata da 18 anni ho sempre capito che mio marito aveva qualcosa che non andava in ...

2 risposte
Marito ipercritico

Buongiorno, Sono una donna di 39 anni, sposata da 12 anni. Mio marito mi critica in continuo per ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.