Mi manca molto la mia mamma

Veronica

Salve, sono una ragazza di 23 anni, sto con un ragazzo più grande di me di 15 anni. Ho fatto di tutto per porter stare con lui. Sono andata a vivere con lui poco più di un anno fa, ho preso una casa per stare con lui. Questa casa dista pochi km da quella dei miei genitori ma non riesco mai ad andare da loro. Lui lavora in una pubblica assistenza e io vado lì da volontaria per stare insieme, ormai da sola non mi lascia fare più niente! Vuole sempre stare con me, tutto il giorno a tutte le ore! Il problema è che si stufa di stare a casa dei miei genitori quindi cerca di rimandare o di starci il meno possibile e io di conseguenza. Il problema però è che la mia famiglia mi manca tantissimo, piango sempre perché vorrei tanto tornare a casa con loro ma ormai non posso.. Mia madre mi scrive che le manco tantissimo e anche lei mi manca da morire.. la vedo veramente poco, tipo un’ora alla settimana..
Non posso andarci da sola ma tantomeno vuole venirci lui.. abbiamo anche un coniglio, che non sta tanto bene.. lo stiamo portando spesso dal veterinario e si lamenta anche di questo.. vorrei solo poter fare le mie cose tranquilla senza avere sempre l’ansia.. e soprattutto vorrei stare con mia mamma.. lui è una testa calda.. come posso riuscire a stare di più con la mia famiglia senza doverci ligiare ogni volta? Sto pensando di scappare e di andare da loro, ma ho paura. Vorrei anche andare da uno psicologo, ma so che per convincerlo che vado veramente lì e non in giro per gli affari miei ci sarà da litigare e sono tanto stanca.. sono veramente stanca.

3 risposte degli esperti per questa domanda

Gentile Veronica,

come mai vuole sempre stare con lei? Lei vuole stare sempre con lui? Com'è il dialogo tra di voi?

Come mai non la lascia andare sola dalla sua famiglia? La sua mamma non potrebbe venire a trovarla a casa vostra?

Ha già provato a spiegargli che l'amore che si prova per i genitori e per il proprio compagno è sempre un amore forte e importante vero diverso ma che per lei resta importante. Lui non vede mai la sua famiglia?

Provi ad aprirsi a livello emotivo, a dire cosa prova, cosa pensa, a trovare magari anche degli esempi se il suo compagno fa qualcosa da solo o come ci si potrebbe venire in-contro su questo aspetto per lei importante.

Le consiglio inoltre di valutare una psicoterapia individuale per avere un luogo solo per lei dove potersi aprire, sentirsi ascoltata, poter rielaborare questa intensa tristezza e frustrazione che sta vivendo e pian piano ritrovare le sue risorse interne e cercare così di capire come proseguire la sua vita.

Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza o se volesse rispondere in privato alle domande poste.

Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.

Cordialmente

Dott.ssa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta

Ricevo a Torino, provincia e online

Salve Veronica, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei valuti se questa storia realmente la soddisfa e che cerchiate di correggere delle dinamiche disfunzionali ed asfissianti che non vi permettono di vivere la vostra individualità. Pur facendo parte di una coppia siete comunque due individualità ben precise con dei bisogni che esulano dallo stare sempre insieme.

Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stessa utilizzando parole più costruttive.

Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Gentile Veronica,

l'amore non toglie la libertà all'altro, non soffoca, non fa paura. Al contrario l'amore arricchisce la vita di ciascuno, rendendola nutriente e gioiosa, nonostante le difficoltà che nella vita compaiono.

Nelle parole che lei riporta riguardo alla situazione sentimentale che sta vivendo traspare invece tanto senso di solitudine, tristezza e paura. Le farebbe davvero bene rivolgersi ad un professionista per cercare di comprendere i fattori personali che l'hanno portata a chiudersi in un rapporto che evidentemente le sta togliendo benessere.
La comprensione di tali meccanismi e l'esplorazione dei suoi desideri più profondi potranno permetterle di scegliere comportamenti più adatti ai suoi bisogni di persona e di donna e a fare fronte alle sue ansie o paure. Ok? 

Cordiali saluti 

Maria Greco