Problemi di coppia

Non riesco a lasciare la mia compagna

Davide

Condividi su:

Salve, ho 34 anni e sto con la mia lei, che ne ha 32, da 15 siamo genitori di 4 bambini. Il problema è che quando era incinta dell'ultimo, mi ha tradito addirittura lo stesso giorno che ha partorito... Alla fine me lo ha confessato, dopo che l'avevo mezzo scoperta e per il bene della famiglia ho cercato di perdonarla...

Però si sta di nuovo frequentando con quest'uomo, che e molto più grande di lei, 60 anni... E mettendola alle strette mi ha ammesso anche questo e mi ha detto che adesso è un periodo cosi e se non mi va bene, di lasciarla.

Però io sono innamorato di lei e non voglio perderla, però sto anche perdendo l'ultimo briciolo di dignità, che mi è rimasta.... Lei dice che è successo perché l'ho trascurata... So che dovrei prendere ed andarmene, ma non ce la faccio...

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Maria Gurioli Bologna (BO)

Gentile Davide,


 


apprendo dalla sua richiesta che ha quattro figli, questo mi fa pensare che, insieme alla sua compagna lei abbia un progetto di vita solido e decisamente in controtendenza.


Mi immagino però anche il carico di fatica e di responsabilità che una tale famiglia comporta.


Posso anche facilmente immaginare che la sua compagna  sia stata tanto risucchiata dal ruolo materno da sentirsi trascurata come donna, e forse lei, Davide, tanto impegnato nel ruolo paterno e lavorativo da dimenticare che, prima ancora di essere genitori, siete un uomo ed una donna, che hanno bisogno di sentirsi desiderati ed amati dall’altro.


Stupisce, nel suo racconto, il fatto che sua moglie l’abbia tradita addirittura nel giorno stesso del parto. Non posso fare a meno di immaginare che l’altro sia il ginecologo stesso  o un qualche altro personaggio carismatico per età e per ruolo.


Lei sente di perdere la dignità nell’accettare questa situazione che ancora va avanti.


E’ imprigionato fra due possibili scelte: lasciare la sua compagna, di cui dice di essere ancora innamorato, o accettare una situazione in cui sente di perdere la dignità. Entrambe queste soluzioni le sembrano inaccettabili, sembrano due opzioni, per il momento, impossibili.


Forse esiste una terza via, che potrebbe essere quella di combattere per il suo amore: non una resa orgogliosa,


”prendere e andarsene” come lei dice, ma  un rimanere saldo in quella posizione in cui ha ancora il diritto di restare, nonostante la difficoltà. Si potrebbe cercare di superare il sentimento di umiliazione, attraverso un fiero atteggiamento di consapevolezza dei suoi valori, attraverso il riconoscimento dei reciproci bisogni e difficoltà, attraverso nuovi slanci vitali. Provi a superare lo stereotipo dell’uomo tradito e quindi umiliato e provi a pensarsi come un uomo, che non acconsente ad una facile resa e che difende ciò a cui tiene.


Sentirsi traditi è doloroso, anche se, paradossalmente, questa esperienza può fare bene all’amore. Ci si può accorgere che, insieme alla paura della perdita, emergono nuove emozioni, perché l’altro, rivisto attraverso gli occhi di un terzo, acquista un nuovo smalto, e si riaccende così un desiderio che forse si era sopito in una quotidianità troppo piena di doveri e di responsabilità.


Lasci libera sua moglie di conoscere quest’uomo che, con ogni probabilità, ha fortemente idealizzato,  presto potrebbe ritornare a più umane proporzioni, e tutta l’esperienza con lui potrebbe sgonfiarsi come un palloncino bucato da una spina.


La sua compagna forse potrà rendersi conto che quando le tasche sono già piene di sassi colorati non è possibile aggiungerne altri, a patto di liberarsi di quelli che già si possiedono. Ma vorrà veramente farlo? Oppure, in questo momento, sta solo cercando, disperatamente, di alleggerire il peso dell’ennesima gravidanza e della cura di tanti figli? 

Davide,


le sue parole esprimono i pensieri e le emozioni che in questo momento difficile la colpiscono.


E' importante che lei li ascolti e possibilmente che cerchi di fare chiarezza in questa confusione.


Sembra comunque che lei sia già consapevole della decisione da prendere, non solo perché deve, ma anche perché é quello che sente.


Questo non esclude il fatto che comunque sia difficile e deve accettare anche le possibili contraddizioni, che possono colpirla.


Resto a disposizione.


Cordiali Saluti.

Buongiorno Davide,


immagino sia faticoso, per lei, fare i conti con la sua storia di coppia che, da quanto scrive, è giunta al  capolinea.


Ripercorrere la propria storia e comprendere quando questa ha iniziato ad incrinarsi, l'aiuterebbe ad individuare le ragioni che l’hanno portata a farla finire.  


Non si può modificare il passato, tuttavia questo le permetterebbe di comprendere il senso del suo presente.


 Lei scrive “non riesco a lasciare la mia compagna”, quasi a dire che non ha il potere di fare simile scelta.


Provi a dire invece:  “Non voglio lasciare la mia compagna”.


Sente la differenza? Che effetto le fa?


Appropriarsi della responsabilità personale delle proprie scelte, permette di vedere le cose diversamente.


Significa essere presenti a se stessi e quindi autori consapevoli di ciò che si fa.


Lei ci dice di accorgersi che ci sta rimettendo in dignità.


A questo punto le lascio delle domande su cui riflettere:


·         A cosa “le serve” rimanere accanto alla compagna?


·         “Quali vantaggi trova” nel rimanerle accanto, quando le è stato detto molto chiaramente che intende continuare a frequentare un altro uomo?


·         Trova che i vantaggi nel rimanere siano  maggiori di quelli dell’accettare che la storia è conclusa?


 Infine:


·         A lei piace stare con una persona che non la desidera e non ha più piacere di stare con lei?


 


Davide, le auguro di trovare una strada costruttiva nel suo presente.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Problemi di coppia: Tradimento

Da quanto ho scoperto che il mio ragazzo messaggiava con un altra, sto troppo male, anche se lui ...

1 risposta
Problemi di coppia

Salve sono una ragazza di 26 anni...e sono fidanzata da 12, un paio di mesi fa il mio ragazzo &egrav ...

2 risposte
Marito tossicodipendente

Buonasera sono una compagna disperata. Ho un compagno che fa uso di droga e non so come aiutarlo...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.