Problemi di coppia

Non riesco a provare sentimenti per altre persone

Giulia

Condividi su:

Salve, scrivo qui per ottenere dei consigli. Non ho ancora avuto esperienze sessuali e non sono stata fidanzata con molte persone, ma già ho notato che qualcosa non va. Con il mio primo ragazzo ci sono stata circa 6 mesi, all'inizio avevo una cotta e mi aspettavo che crescesse in qualcosa di più ma in poco tempo mi è passata, il resto di ciò che siamo stati insieme era un misto tra io che spero lui mi lasci ed io che cerco il modo più indolore per lasciarlo, nonostante tutto ho pianto quando l'ho lasciato. Poi mi sono fidanzata con un altro ragazzo, simpatico, dolce ed intelligente, con lui speravo di ottenere ciò che non avevo raggiunto prima ma, nonostante raggiungesse i miei canoni ideali, non sono mai riuscita a provare qualcosa di diverso da amichevole felicità mentre stavamo insieme. Durante questo periodo ho perso due dei miei zii per una malattia, ci sono stati due tentativi suicidi nella mia famiglia, ho iniziato a tagliarmi ( ho smesso da un paio di mesi), ho avuto problemi di alimentazione e un altro mio parente è finito in comunità portando l'allontanamento di una parte della famiglia. Quindi in una situazione così non consideravo strana la mia mancanza di emozioni e sentimenti positivi duraturi per amici. Comunque ho voluto provare ancora, mi sono fidanzata con una ragazza, siamo state poco insieme e lei mi ha lasciato ( non ci stavo male sinceramente, stavamo insieme solo perché volevo vedere se magari era un problema di sessualità e non di sentimenti) nonostante non provassi nulla per lei ( che ora è un amica) trovo sia stata una bella esperienza. La ragazza dopo ( ed ultima) la considero, da un punto di vista esterno, la miglior relazione avuta fin'ora, è durata più di metà mese, lei era bella, dolce, intelligente e simpatica e quando mi baciava ( sopratutto sul collo) sentivo come le farfalle nello stomaco ( credo per l'eccitazione) che è comunque una cosa che non ho mai provato, ma quando parlavamo non sentivo nulla, se non, forse, un pò di simpatia. Il fatto è che anche all'esterno di relazioni sento una forte indifferenza per le persone. Il massimo a cui arrivo è una curiosità, forse un piccolo interesse ( non so come spiegarlo ma non è una cotta) verso persone che o non conosco e trovo carine o si sono dichiarate a me e le ho rifiutate; per esempio ora sento questo interesse per un ragazzo che ho rifiutato ma non riesco a capire se sia un sentimento di forte simpatia o un sentimento da " inizio di un amore" perché non vorrei perdere l'occasione di una vera relazione ma non voglio neppure farlo soffrire ancora.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Giulia,


da come descrive se stessa sembrerebbe che lei non è che non sa provare emozioni ma si sta solo proteggendo da tanto dolore vissuto nel passato. Lei da che età ha il suo primo ricordo di vita?


Come si è avvicinata alla vita sessuale nella sua adolescenza e ora? Lei ha paura della penetrazione o di provare dolore in generale? Cosa rappresenta per lei la parola amore? Lei cosa pensa di trovare e provare in una donna o in un uomo?


Le consiglio di valutare un percorso di psicoterapia individuale per poter essere ascoltata, aiutata e accompagnata a ritrovare se stessa, eventualmente rielaborare alcuni vissuti del suo passato, a osservarsi da una nuova prospettiva ed esplorare anche la sua sessualità. Gli incontri sono coperti da segreto professionale e senza giudizio.


Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza online o se volesse rispondere in privato alle domande poste.


Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online


 

Salve Giulia, comprendo la sofferenza per le difficoltà descritte. Ci sono importanti informazioni che andrebbero approfondite quali, ad esempio, le esperienze avute finora con i partner oltre ad aspetti relativi alla sua identità sessuale.


Credo che un consulto psicologico possa essere fondamentale per esplorare meglio la sua storia di vita, approfondire i dettagli relativi a ciò che sente e che prova in determinate situazioni e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione  possa irrigidirsi ulteriormente.


Resto a disposizione, anche online.


Cordialmente, dott FDL

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ho problemi ad accettare il passato del mio fidanzato

Salve, mi trovo a scrivere qui perché non ho le possibilità economiche per affrontare ...

1 risposta
Problemi con il partner

Salve, Ho dei problemi importanti con la mia ragazza, a causa della mia assenza per i mille problemi ...

2 risposte
Non riesco a lasciarla nonostante non la ami più

Buongiorno a tutti, sono un “ragazzo” di 35 anni fidanzato da 14 anni con la stessa ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.