Sono fidanzata e mi attrae un altro ragazzo

Serena

Salve, ho 20 anni e da tre anni e mezzo sono fidanzata con un ragazzo che ne ha 26. Viviamo in due paesetti diversi a circa mezz'oretta di distanza. È un ragazzo fedele e me lo ha dimostrato tante volte, ci metterei la mano sul fuoco sul fatto che non ha mai avuto grilli per la testa. È un tipo non romantico: a volte capita che per qualche occasione mi regali delle rose, poi per i compleanni mi fa regali, però ecco, non mi sorprende sempre. Certe volte mi fa qualche piccola sorpresa e io sono felice già. È anche riservato. Un paio di anni fa quando era molto più piccolo ha avuto una relazione con una ragazza che lo ha lasciato e lui ci è rimasto malissimo e scottato, per questo ho paura di farlo soffrire. Lui tiene molto a me. Però ci rimango male per alcuni comportamenti: cioè che delle volte preferisce rimanere a casa a dormire piuttosto che stare con me. E ora iniziano i problemi. Ieri sono stata ad una scampagnata con mia sorella, il suo ragazzo ed un loro amico che è due anni più grande di me. Già ci conoscevamo, ma non abbiamo mai avuto confidenza e ci siamo visti una volta durante un uscita e lui scherzava con me e mi prendeva in giro scherzosamente. Invece ieri siamo stati insieme tutto il pomeriggio dalla mattina fino a sera e lui, pur sapendo che sono fidanzata, un poco mi stuzzicava e faceva qualche battuta. Mi tirava l'acqua addosso (insomma scherzavamo sempre nei limiti però). Lui ha confidato a mia sorella e mio cognato che sono "carina" e ha detto a mio cognato quando erano soli che sono una ragazza testarda, dal carattere forte. E insomma, non posso negare che questo ragazzo mi attrae e mi piace quando scherza con me. Adesso il dilemma è questo. Io sono fidanzata e sto male perché da un lato tengo tanto al mio ragazzo e dall'altro lato questo ragazzo mi piace e probabilmente se fossi single ci farei un pensierino. Il mio ragazzo è anche carino, cioè mi piace se lo guardo, ho paura che se lo lascio magari poi questa "nuova fiamma" possa deludermi o non essere realmente interessato e farmi rimanere fuori da entrambi le parti. È da ieri che ho un chiodo fisso e penso sempre. Io e il mio ragazzo stiamo passando un periodo diciamo monotono, tra l'altro non ci siamo visti per un mese perché ho preso il Covid io e poi lui dopo poco. Il mio ragazzo mi dà sicurezza, mi vuole bene e di questo ne sono certa e dall'altro lato questo ragazzo mi fa venire le farfalle allo stomaco. Io non capisco cosa fare. Non so se prendere un pausa dal mio ragazzo per capire cosa fare, ma già al solo pensiero di farlo mi sento un po' male. Anche perché lui anche se non lo dimostra è sensibile e non voglio farlo soffrire come ha fatto la sua ex. Tra l'altro è capitato altre volte in periodi di monotonia che io avessi questi "dubbi" su di lui e gliene ho parlato non proprio direttamente, ma ha capito e da lì poi non abbiamo più avuto problemi. Il mio ragazzo viaggia sempre perché lavora e ad esempio sabato c'era il compleanno di mia sorella e lui è rimasto a casa perché era stanco e mi ha detto che non ce la faceva a venire qui dopo una settimana che viaggia. Io non so proprio cosa fare. Mi sento confusa. Se gliene parlo ho paura di perderlo. Nel frattempo questo ragazzo mi balena nella testa. Aiutatemi, grazie. Sono poi confusa che mai.

2 risposte degli esperti per questa domanda

Buongiorno,

se può esserle di aiuto, sappia che i dubbi o qualche pensiero e desiderio che vola ad altre persone, sopratutto in relazioni stabili è del tutto normale. Purtroppo in queste situazioni non c'è un consiglio, un giusto od uno sbagliato. Lei deve guardare l'abisso, la novità, l'ignoto e capire se quello che vede l'attrae o la spaventa.  Se dovesse decidere di rimanere con l'attuale ragazzo vivrà in una relazione di coppia che è sempre una costruzione, un venirsi incontro, a volte la stupirà, a volte la annoierà, a volte la deluderà e poi tornerà a renderla felice, con momenti alti e bassi, dubbi e sicurezze, e scegliere di stare con qualcuno superando le difficoltà può essere bellissimo. Se deciderà che non ne vale più la pena dovrà rimettersi in gioco, e forse la separazione sarà dolorosa per entrambi, ma se ciò che la blocca è soltanto la paura di ferire si domandi se ferisce di più essere lasciati o essere tenuti da chi non ci desidera più. In ogni caso, sono sicura che riuscirà a trovare la risposta che cerca ed a tornare ad una vita serena.

Buona fortuna,

Dtt.ssa Aisha Battelini

Salve Serena, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stessa utilizzando parole più costruttive.

Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL